Home Il Jazz 360° David Crosby torna a colpire il cuore con il jazzato “SKY TRAILS”...

David Crosby torna a colpire il cuore con il jazzato “SKY TRAILS” – RECENSIONE

15
0
SHARE
David Crosby
Crediti Foto Anna Webber
Voto Autore

di Luca Viviani

David Crosby torna con l’album “Sky trails“, che chiude una sorta di trilogia.

Chi l’avrebbe detto che il tempo si sarebbe concesso così tanto al vecchio Croz? Uno che, con una faccia un po’ sorniona da zio o da sceriffo texano, ha attraversato la storia della musica inseminandola di accordature aperte e cori celestiali.

Chi l’avrebbe detto che, dopo averci abituati alla latitanza, licenziando tre soli album nell’arco di circa quarant’anni, oggi tornasse a deliziarci con la sua arte, pubblicando la terza parte di una ipotetica trilogia, avviata solo due anni fa con “Croz”, proseguita con l’acustico “Lighthouse” e finita con questo bellissimo “Sky trails“.

David Crosby

Non che il nostro, nel frattempo, sia rimasto con le mani in mano, avendolo visto dopo la resurrezione da trapianto di fegato, riproporsi con il figlio nei CPR, e con i sodali Nash e Stills in varie formazioni. Ma in questo caso, il caro vecchio David Crosby torna a colpire il cuore con canzoni che regalano brividi e scavano nel profondo della storia del musicista.

Qualcosa scorre nelle vene di tutto l’album e quel qualcosa è il jazz; jazz preso in prestito dagli Steely Dan come nel brano che apre le danze “She’s got to be someone“, o jazz di Mitcheliana memoria nella proposta dell’immortale “Amelia“, brano trainante dell’album “Hejira” dell’amica cantautrice.

David Crosby
Crediti Foto Anna Webber

Ma tutto il lavoro è degno di nota, suonato e arrangiato con raffinatezza da Raymond, con vette assolute come “Here it’s almost sunset“, o “Sell me a diamond“.

Certo, qualcuno dirà che non siamo ai livelli del primo indimenticabile “If i could only remember my name”, ma oggi la West Coast torna farci sognare con quei suoni morbidi e una voce, sì invecchiata, ma ancora carica di sapore e leggerezza che è il grande marchio di fabbrica del caro, leone, David.

Questa la tracklist:

1 She’s Got To Be Somewhere  
2 Sky Trails  
3 Sell Me A Diamond  
4 Before Tomorrow Falls On Love  
5 Here It’s Almost Sunset  
6 Capitol  
7 Amelia  
8 Somebody Home  
9 Curved Air 
10 Home Free

 

David Crosby
David Crosby al Tonight Show di Jimmy Fallon

 

 

SHARE
Previous articleJAZZaltro Celebra i dieci anni del quartetto di MAX DE ALOE
Next articleElton John annuncia la compilation “Diamonds” che celebra i 50 anni con Bernie Taupin
Luca Viviani
Iscritto alla SIAE dal 2002. Autore di testi e poeta Ho partecipato ad alcuni premi a livello nazionale ottenendo ottimi riconoscimenti e segnalazioni; tra gli altri: 1° class. Pr. Alpi Apuane; 1° class. Pr. Artepoesia a Montepulciano; 2° class. Pr. festa della donna – Viareggio; ecc... Alcuni componimenti sono stati pubblicati in antologie a livello nazionale quali: “Note di poesia – il meglio di Roxyweb.it”, “Navigando nelle parole” ed. il Filo ecc. Ideatore e curatore di incontri letterari in ambito poetico e di una rubrica di poesia su un mensile locale dal titolo “Officine Versilia” per il quale ho scritto anche alcune recensioni musicali. Dee-jay radiofonico per emittenti (sempre a livello locale) anche di prestigio come Radio Forte dei Marmi e Radio Babilonia, con programmi atti a promuovere la musica d’autore sia italiana che straniera e programmi di puro divertimento e satira. Nel 2007 vincitore della sezione autore di testi premio inedito - citta di Chieri Nel 2011 vincitore della sezione testo inedito del Premio Lunezia. Dal 2013 iscritto all'associazione muovilamusica, nata da un'idea di Alberto Salerno Nel 2014 ho partecipato al work-shop di lavoro organizzato dall'associazione muovilamusica, a cui ha partecipato Alberto Salerno, Alberto Simonluca Favata, Mara Maionchi, Giulia Fasolino, Mariano Dattoli, Tino Silvestri, Umberto Iervolino, Iniziatore e fondatore della pagina facebook volta alla promozione degli artisti emergenti e/o indipendenti, "musica dal web" Nel settembre 2013 esce il singolo “vado via” interpretato da Alino Vignali, di cui sono autore del testo Il 15 settembre 2014 è uscito il primo singolo di Camillo Avella dal titolo "uomo libero", di cui sono autore del testo, prodotto dalla Skè entartainment Nello stesso anno, vedono la luce anche il brano “tra le stanze di seta” scritto e interpretato da Corrado Halo e gli A7ico, e il primo singolo di Giuliana Danzé, "giorni pesanti", di cui sono autore del testo e produttore artistico e esecutivo insieme al compositore Massimo Pellegrini. Uscito nel novembre 2015, "Io", primo album della bresciana Elly che mi vede collaborare in qualità di autore di testi, nei brani: "andare avanti", "un brivido leggero", un amore a metà Uscito nel 2015, anche il singolo di Filippo Fuccillo, "notte per notte", con marchio Sony Del 2015 anche “matrix” e “salta le scale”, scritte con Elio Aldrighetti A giugno 2015 ho pubblicato il mio primo libro di poesie intitolato "dietro la notte", reperibile sulla piattaforma de la repubblica "ilmiolibro.it" e piazzatosi tra i primi dieci nel premio omonimo Settembre 2016, usciti, in contemporanea, il singolo "non lasciarsi mai", apripista dell'album "gomena", di Filippo Minoia e "le predicazioni" di Michele Papale Aprile 2017 fa la sua apparizione il brano “madre di Salem”, interpretato da Franky Harper e scritto in collaborazione con Tony Simeone

Commento su FMD