29.6 C
Milano
domenica, Agosto 9, 2020

Tiziano Ferro ricorda Mango: arriva la cover di “Bella d’estate”

Tiziano Ferro ha postato oggi sui social un messaggio in cui esprime la sua intenzione di pubblicare a breve la cover di “Bella d’estate” di Mango

Ultimi post

Lana Del Rey: “Violet Bent Backwards Over the Grass” la raccolta di poesie da ottobre

Lana Del Rey pubblicherà il 29 settembre il suo primo libro di poesie, una raccolta intitolata "Violet Bent Backwards Over the Grass"

Bastille: nuovo singolo a sorpresa “What you gonna do???” con Graham Coxon – VIDEO

I Bastille tornano a sorpresa con un nuovo singolo e video “What you gonna do???”, realizzato in collaborazione con Graham Coxon

Sam Smith: fuori il nuovo singolo “My Oasis” in collaborazione con Burna Boy

Fuori il nuovo singolo di Sam Smith, “My Oasis” in collaborazione con Burna Boy. “My Oasis” segna l'inizio di un nuovo capitolo per Sam

Niccolò Fabi e HER vincono i premi del festival “Voci per la Libertà– Una canzone per Amnesty”

A Niccolò Fabi e alla cantautrice e violinista pugliese HER vanno i premi della XXIII esizione del festival Voci per la Libertà

Claudia Cantisani: “Il pop che si muove chi sarebbe? Giovanni Caccamo?” – INTERVISTA

Voto Utenti
[Total: 2 Average: 4]

I cantanti di oggi, in Italia, possono essere accademici ma nello stesso tempo pop? La risposta è sì se si pensa a una vocalist e compositrice come Claudia Cantisani.

Cestinate per un attimo le voci dell’indie contemporaneo o quelle che – a detta di coach televisivi alla Simona Ventura o alla Maria De Filippi – “arrivano”. Aprite il vostro Spotify e ascoltate un brano a caso dell’artista sopracitata. Di album ne ha pubblicati due: “Non inizia bene nemmeno questo weekend” del 2018 e “Storie d’amore non troppo riuscite” del 2013. Bene, quello che ascolterete sarà molto orecchiabile e canticchiabile, nonostante si tratti di canzoni di matrice colta. Non un’Alessandra Amoroso qualunque dunque, ma un’artista jazz diplomata in Canto Lirico e al C.E.T. (Centro europeo di Toscolano) di Mogol come autrice. La vocalità jazz l’ha perfeziona  attraverso lo studio della tecnica americana Vocal Power di Elisabeth Howard, di cui è insegnante certificata.

Claudia Cantisani mescola jazz e swing con naturalezza, maestria e con  un’attitudine pop che ricorda la prima Mina. Contaminata anche con la musica folk e pregna di quell’ironia cantautorale propria di Sergio Caputo e Fred Buscaglione, nonché di quella luminosità che contraddistingueva Julia De Palma negli anni ’50. Retrò ma nello stesso tempo futurista perché lei, a differenza del pop involuto dei giorni nostri, non è la solita minestra riscaldata che tanto piace alle radio. Laziale di nascita ma lucana d’adozione, la Cantisani è un concentrato alchemico di leggerezza scanzonata, immediatezza evocativa, ricercatezza testuale e retrospettiva nostalgica.

Il suo nuovo singolo, uscito su etichetta La Stanza Nascosta Records, si intitola Fredaster”. Lo ha scritto con il marito musicista Felice Del Vecchio e lo ha cantato in duetto con Andrea Agresti, protagonista in programmi tv come Le Iene e Tale E Quale Show. I due danno vita ad un interplay vocale riuscitissimo,  vestito da un raffinato divertissement sonoro e linguistico. L’inedito, in bilico tra gusto surreale e semiseri cambi di rotta esistenziali, sembra trovare il suo alter ego filmico nell’ironica levità e intelligenza delle commedie newyorchesi di Woody Allen.

I musicisti che hanno suonato il brano sono davvero tanti e formidabili: Felice Del Vecchio (piano e organo), Tony Arco (batteria), Valerio Della Fonte (contrabbasso), Moreno Falciani (sassofoni e clarinetto), Andrea Baronchelli (trombone), Silvia Conte (flauto) e Michele Sannelli (vibrafono). Su Youtube si può vedere il relativo videoclip realizzato dalla “Mediterraneo Cinematografica s.r.l.” per la regia di  Martìn Caezza.

INTERVISTA

Claudia come nasce il brano “Fredaster” e in che versione è stato respinto da Claudio Baglioni per Sanremo 2019?

Buongiorno Ugo e a tutti i lettori. Nasce come la maggior parte delle mie canzoni: con un testo chiacchierato con mio marito Felice Del Vecchio (che è anche mio pianista) tra un pranzo e una cena e un vestitino swing per renderlo brioso. Baglioni non ha respinto la versione, ha respinto la canzone. Non gli è piaciuto lo swing? Non gli è piaciuta Claudia Cantisani? Chi mai lo saprà!

Durante la conferenza stampa d’apertura del Festival Claudio Baglioni si è schierato dalla parte del pop affermando: «È una delle poche musiche in movimento, le altre (classica, jazz, folk) sono elitarie e tendono a conservarsi». Ha ragione?

Non c’è genere più contaminato del jazz e del folk. Solo in questo momento , al volo, mi vengono in mente nomi come gli Snarky Puppy  o Kamasi Washington e sono produzioni dell’ultimo decennio! Direi che tendente alla conservazione è proprio Baglioni e tutto il suo Festival (con Red Canzian, Ron, Luca Barbarossa… e non finisce qui). E poi… il pop che si muove chi sarebbe? Giovanni Caccamo?

Quanto il jazz può essere popolare oggi in Italia? Di più o di meno rispetto al passato?

La popolarità del jazz in Italia è sempre stata legata alla forza e al carisma del singolo personaggio, vedi Carosone, Buscaglione, Caputo. Aspetteremo il prossimo… o la prossima!

Le voci femminili jazz in Italia vantano icone pop come Ornella Vanoni, Mietta e Mina, ma anche Rossana Casale, Arisa, Simona Molinari e Chiara Civello. Qual è la tua recensione su ognuna delle loro vocalità e quale altro nome va assolutamente menzionato, a parte il tuo, e perché?

Le prime tre prediligono un registro di petto con una proiezione del suono decisa e che va dritta al cuore di chi l’ascolta. Le altre voci prediligono colori chiari e dinamiche più rarefatte. Ad ogni modo sono tutte voci che hanno forti caratterizzazioni ed è per questo che vantano grande personalità.

Tu sembri un incrocio artistico-vocale tra Mina e Sergio Caputo. Da dove nascono queste assonanze e quali sono gli album che ti hanno maggiormente formato?

Sono cresciuta ascoltando  la musica dei cantautori, ho cantato Mina, mi ha incuriosito la produzione di George Gershwin e Cole Porter che mi hanno portato a divorare tutti i dischi di Sergio Caputo. La combinazione degli elementi ha creato “Storie d’amore non troppo riuscite”, “Non inizia bene neanche questo weekend” e l’ultimo “Fredaster”!

Qual è il brano della tua precedente produzione che più di tutti può farti da ‘biglietto da visita’ e perché?

E’ più di uno! Sono quelli che esplicitano un modo di pensare, che poi è il mio e sono “Il mio vecchio coupè” e “Pezzettini di pazienza”.

Proporrai qualche tua composizione ad Amadeus per il prossimo Festival? Quali sono i tuoi prossimi progetti discografici?

Certo! Con la mia etichetta “La stanza nascosta records” stiamo lavorando ad un nuovo singolo da proporre ad Amadeus. Incrociamo le dita.

Prossimi progetti discografici?

Staremo a vedere dove ci porta questo singolo.

Un programma tv, un libro, un film, una canzone non tua e un desiderio che più ti rappresentano…

Farò di più! Ti darò due nomi per ognuno, uno per ogni mia natura: quella più romantica e quella più guascona!

Programma TV: “Come eravamo” contro “Indietro tutta”;

Libro: “Il libro degli abbracci” di Eduardo Galeano contro “Caino” di Josè Saramago;

Film: “Non ci resta che piangere” contro “Il marchese del grillo” (da qui il mio motto: chi zompa allegramente, bene campa!!);

Canzone: “Basta na jurnata e’ sole” di Pino Daniele contro “Amore all’estero” di Sergio Caputo;

Il desiderio ce l’ho sul comodino travestito da semplice bicchiere d’acqua… ma non lo dirò! Ciao!

https://www.facebook.com/ugostomeoblog/videos/vl.1245861805587124/680677722451772/?type=1

CLICCA QUI PER METTERE “MI PIACE” AL MIO BLOG HIT NON HIT

Latest Posts

Lana Del Rey: “Violet Bent Backwards Over the Grass” la raccolta di poesie da ottobre

Lana Del Rey pubblicherà il 29 settembre il suo primo libro di poesie, una raccolta intitolata "Violet Bent Backwards Over the Grass"

Bastille: nuovo singolo a sorpresa “What you gonna do???” con Graham Coxon – VIDEO

I Bastille tornano a sorpresa con un nuovo singolo e video “What you gonna do???”, realizzato in collaborazione con Graham Coxon

Sam Smith: fuori il nuovo singolo “My Oasis” in collaborazione con Burna Boy

Fuori il nuovo singolo di Sam Smith, “My Oasis” in collaborazione con Burna Boy. “My Oasis” segna l'inizio di un nuovo capitolo per Sam

Niccolò Fabi e HER vincono i premi del festival “Voci per la Libertà– Una canzone per Amnesty”

A Niccolò Fabi e alla cantautrice e violinista pugliese HER vanno i premi della XXIII esizione del festival Voci per la Libertà

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.