Home Musica Recensioni Album COLDPLAY, I MUSICISTI DELLA GIOIA – RECENSIONE DI “A HEAD FULL OF...

COLDPLAY, I MUSICISTI DELLA GIOIA – RECENSIONE DI “A HEAD FULL OF DREAMS”

1512
0
SHARE
Voto Autore

di Adrien Viglierchio

Viviamo un presente drammatico, dove purtroppo nel 2015 sentiamo parlare ancora della parola “Guerra”, di attentati in varie parti del Mondo.


La Francia ha risposto al terrorismo accantonando la paura e mandando avanti la MUSICA, chiedendo ai cittadini di aprire le finestre, uscire e emanare l’esatto contrario dell’Odio…ovvero l’Amore, la Gioia, l’Entusiasmo di Vivere. Nella versione Giapponese del nuovo disco dei Coldplay è stato inserito anche il brano “Miracles”, colonna sonora del film di Angelina Jolie “UNBROKEN” storia del grande atleta/soldato Louis Zamperini sopravvissuto alla guerra in Giappone. Chiudere il disco con questo omaggio è un atto che invoglia al coraggio e alla rivalsa.

Il Disco, “A HEAD FULL OF DREAMS”, che uscirà il venerdì 4 Dicembre, vedrà per il suo lancio mondiale un live stream che si terrà in una location segreta a Londra, e riservato solo un ristretto numero di fortunati. Ad annunciarlo è stato lo stesso gruppo su Facebook:
Siamo felici di annunciare che festeggiamo l’uscita di A Head Full of Dreams con un live stream sulla nostra pagina Facebook, domani venerdì 4 dicembre, giorno dell’uscita dell’album, alle 15.30 orario di Londra

In buona sostanza sarà una diretta proprio su Facebook, sulla loro pagina ufficiale, alle 15.30 del pomeriggio in UK (quindi le 16.30 in Italia).

julia_kennedy_coldplay_india_140-v3

All’uscita dell’album seguirà un tour mondiale che si preannuncia all’insegna dell’Elettro Pop Gioioso, Colorato, Psichedelico, Caleidoscopico, Festoso e Coinvolgente. Tutti i concerti dovrebbero avere questo target gioioso (qualcosa si può già visionare in streaming sul sito TIDAL), esattamente come il nostro Lorenzo Jovanotti, Cesare Cremonini o il nostro Zucchero Internazionale per citarne alcuni tra i più grandi che come Chris Martin, Jonny Auckland, Guy Berryman e Will Champion considerano il rendere felici ed entusiaste le persone, la vera strada da intraprendere nella Musica per salvare il nostro mondo.

Il disco prodotto dall’amico Rik Simpson e dal duo scandinavo Stargate. Archi sempre affidati al nostro Davide Rossi con un Bryan Eno sul finale in “Up&Up”.

AHFOD1000

RECENSIONE:

A Head Full Of Dreams
L’Inizio di un disco è sempre qualcosa di plateale per loro, un glissato che passa attraverso giri di basso che ricordano le animazioni anni 80, tutto in ascesa per arrivare all’urlo da Stadio, il nuovo Gingle Coldplayano pronto per le migliaia di persone che urleranno in coro sul finale. Prepariamoci a riempirci la testa di sogni come Chris.

Bird
Il chitarra di Jonny Auckland e il basso di Guy Berryman non fanno altro che partire all’impazzata come un volo di uccello, il pubblico impazzirà di melodia quando Chris salterà col suo microfono attraverso questi cinguettii in falsetto. La sua vocalità inconfondibile, il suo marchio musicale.

Hymn For The Weekend
Bird si interrompe di netto per lasciare posto alla foresta e ai suoi suoni naturali, intelligente mossa, iniziano i battiti di mani, ricordiamoci che è un disco pensato per il LIVE quindi sono tutte song concatenate appositamente a trascinare questa Ballad Melodica modalità “Tarzan Boy” impreziosita dalle cadenze pianistiche di Chris fino ad arrivare alla voce potente di Beyoncè che impreziosisce sul finale. Abbiamo già tutti iniziato a ballare, siamo sudati e sorridenti. La Gioia avanza. Non mi stupirei se fosse il prossimo singolo.

Everglow
Parte l’attacco di Everglow e per chi ha nel cuore i Coldplay non può che scattare l’emozione. Le melodie di Chris al Piano unite alla sua Timbrica sono qualcosa di spaziale. Ed è proprio spaziale il suono che muove nell’arrangiamento. Ecco la prima vera Ballad che farà piangere i Fans, quelli veri, quelli che amano a tal punto Chris da pensarlo sempre agganciato alla sua donna più importante, Gwyneth Paltrow che qui ci regala il controcanto vocale enfatizzato ed etereo, protettivo, maturo. Posso dire personalmente che questo brano si avvicina molto al mio stile e al mio modo di comporre musica. C’è poco da fare, la musica chiama sempre la nostra essenza. E questo brano si avvicina molto al sound più intimistico di Ghost Stories che personalmente ho adorato per la sua diversità evanescente.

Adventure Of A Lifetime
E veniamo al primo singolo dei Fantastici 4, da non confondersi con i Fab Four, tutti e 8 Londinesi, tutti Musicisti, tutti all’essenza dell’essere umano…ovvero? Siamo tutti scimmie, tutti primati in questo loro primo Videoclip che li vede impersonificare proprio un pianeta abitato da Scimpanzé ballerini che impazziscono nella foresta a tempo di musica. E che musica… Effetto anni 80, contaminazione Duft Punk, Discodance nostalgica che farà ballare tutto il Mondo ne siamo certi. Dal loro Paradise con gli Elefanti al Paradiso di questo 2016 con tutti noi Esseri Umani. Il Reef di chitarra come successe con “Satisfaction” dei Rolling Stones è il vero Mood del brano per cui verrà ricordato.

Fun (feat. Tove Lo)
La scenografia acustica del disco prende un nuovo bivio musicale, la voce di Chris unita ad un’altra collaborazione femminile, la splendida voce di Tove Ebba Elsa Nilsson in arte “Tove Lo”, svedese di Stoccolma, 28 anni con una promettente carriera davanti dopo la recente operazione alle corde vocali, torna in questa melodia assolutamente POP coinvolgente che ci ricorda quanto questo disco in questo presente voglia essere FUN “Divertente”, i toni sono sempre in Maggiore, dito sempre in alto, ottimismo, sorrisi, gioia e felicità.

Kaleidoscope
Eccoci al momento dell’Intervallo. Questo è uno di quei momenti che separano il primo dal secondo tempo, dove l’ascoltatore si ferma e riflette. Sente delle voci, un poeta un comunicatore mondiale, si tratta in primis di una poesia interpretata da Coleman Banks, accompagnata dal piano di Khatia Buniatishvili per poi passare a Barack Obama che intona Amazing Grace. Con un Obama che sarà presente in tutte le milioni di copie che i Coldplay venderanno e arriverà come un Mantra accompagnato da alcune note classicheggianti di piano agli adulti e di Carillon ai bambini. Il Caleidoscopio che cambia continuamente colore, scelto come taglio grafico dell’intero disco. E’ un gioco che ci regalerà un esplosione di colori perché i Coldplay sono anche questo. Sono Universali.

Army of One
Si riparte con la Musica, gran cassa piena e basso intenso, loop sulla voce di Chris, l’elettronica mixata agli organi, un brano perfetto per un secondo tempo in continua crescita. Qualche battuta di respiro prima di esplodere sul finale. Ci vogliono sempre questi brani morbidi in un disco, rendono l’ascolto più gradevole e il falsetto di Chris appoggiato sopra garantisce una piacevole continuazione. Cosa accadrà dopo?

Amazing Day
Una giornata straordinaria va ad accogliere la nuova Ballad del gruppo più psichedelico del mondo. Altro pezzo bellissimo, ogni tanto si sentono sempre gli uccellini, un simbolo sonoro presente anche in Ghost Stories

Colour Spectrum
Un po’ di stupore sintetizzato ed elettrico. Un brano robotizzato nella ritmica, un altro piccolo intervallo sonoro per preparare il gran finale

Up&Up
Nella versione ufficiale è il brano conclusivo del disco, affidato all’arrange elettronico di Bryan Eno. Un esplosione di gioia assoluta tra colori e frattali, esattamente il più volte citato caleidoscopio che muta in continuazione, un mandala di colori che invaderà di arcobaleno il grande pubblico, ritmo perfetto da gran coro e battito di mani, sorrisi altissimi, la gioia in persona che deve stare SU & SU.

Grazie Coldplay di aver trovato questo special sound, questa pasta sonora che vi rende Unici.

SHARE
Previous articleALBERTO SALERNO: FARE CANZONI – CINQUANT’ANNI DI MUSICA E PAROLE
Next articleQuello che capita nelle canzoni
Adrien Viglierchio
Mi occupo di Musica e di Medicina Alternativa Olistica da oltre 22 anni. Unire queste 2 grandi Discipline Insieme è stato lo scopo della mia Vita. Il Pianoforte in Conservatorio, gli studi di Canto, le Esperienze col Jazz per 3 anni, con la Lirica per 7 anni e col Musical in Europa nei 4 anni successivi, mi hanno portato a realizzare il mio Disco d’Esordio Etno Pop “Il Dodicesimo Pianeta” come autore e compositore, mansioni che svolgo tutt’ora per altri Artisti ed Eventi. Ho unito la mia scrittura inserendomi con “La Voce che Guarisce” nel libro Accademia di Canto dell’amica e collega Vocal Coach Danila Satragno, conducendo la rubrica radiofonica “Vibrazioni Musicali” per Radio Oltre Roma e partecipando come special guest all’evento “Lumiere” San Gimignano 2014 con la colonna sonora ufficiale del 12°mo Pianeta. Sempre alla ricerca di Nuove Sculture Sonore in grado di far Vibrare i Grandi, ma soprattutto i Piccoli…i Nuovi Piccoli che dovranno cambiare la Nuova Era. Il Futuro per me è la Musicoterapia…realizzata con Studio, Evoluzione e Consapevolezza.

Commento su Faremusic.it