Home Angolo di Mara X Factor e i giudici della 13ma edizione: con Mara Maionchi arrivano...

X Factor e i giudici della 13ma edizione: con Mara Maionchi arrivano Sfera Ebbasta, Malika e Samuel

Comunicata la giuria della 13ma edizione del talent di Sky, X FACTOR. Confermata Mara Maionchi, insieme a Malika Ayane, Samuel dei Subsonica e Sfera Ebbasta

353
0
SHARE
x factor
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 2.5]

Comunicata la giuria della 13ma edizione del talent di Sky, X FACTOR.

Dietro il “tavolo giudicante” di X Factor confermata la veterana Mara Maionchi. La discografica e produttrice di lungo corso è alla sua sesta partecipazione, e negli ultimi anni del talent, con i suoi concorrenti, ha vinto tutto quello che c’era da vincere, a dimostrazione del fatto che l’esperienza è sempre un elemento fondamentale quando si giudica, si scopre e si segue un nuovo talento.

Lo so, avevo detto che ero stanca – ha dichiarato Mara – E quando l’ho detto lo pensavo, ma questo programma mi crea tempesta emotiva tanto quanto gioia e voglia di fare. Alla mia età il lavoro non solamente nobilita ma motiva e… rinfresca. E chi non la vuole rinfrescatina a 78 anni?

Accanto a Mara siederanno tre nuovi giudici: Malika Ayane, Samuel dei Subsonica e il “trappettaro” Sfera Ebbasta.

Confermato alla conduzione Alessandro Cattelan, che da quest’anno è anche uno dei creative producer/autore del talent. Confermato anche lo showmaker Simone Ferrari alla direzione creativa dello show.
Intanto la prima fase dei casting è terminata: nei scorsi giorni, tra Roma e Milano, si è registrata la presenza di più di 40mila aspiranti concorrenti.

Nuovi giudici

Sfera Ebbasta in questa edizione prende il posto di Fedez, che l’anno scorso aveva annunciato in diretta il suo ritiro come giudice dal talent. Personaggio controverso, Sfera Ebbasta avrebbe dovuto quest’anno sedersi su una delle poltrone di The Voice, salvo poi la (giusta) decisione dei dirigenti Rai di opporsi a questa scelta, vista la tragedia a Corinaldo di questo inverno (leggi nostro articolo), che ha visto coinvolto, in qualche modo, il trapper. Ora l’idolo delle ragazzine dovrà essere all’altezza dell’eredità lasciata da Fedez ad X Factor. Impresa ardua quanto impossibile, ma si parla di un talent televisivo e si sà, il “personaggio” di turno, che vive di streaming, click, like e realtà virtuali e “liquide”, è fondamentale in uno show del genere.

Sfera Ebbasta intanto si difende dicendo:

Vorrei raccontare chi sono veramente, non quello che gli altri dicono di me. X Factor farò conoscere la trap, un genere di cui spesso si parla dicendo cose senza senso, quando il senso è solo uno: è la musica che racconta questi tempi, anche le vite di chi la critica. Di chi la sente e non la ascolta. Io come giudice, davanti ai ragazzi, anche più giovani di me, non voglio fare questo errore: voglio ascoltarli, non sentirli. E voglio dimostrare che se ci credi, ce la puoi fare

A compensare la discutibile qualità artistica di Sfera Ebbasta come giudice, sono stati invece chiamati due grandi artisti, la bravissima Malika Ayane e Samuel dei Subsonica.

Malika Ayane è indubbiamente una delle cantautrici più brave e raffinate in circolazione:

Mi trovo in un importante momento di bilancio personale e scelgo con grande entusiasmo di mettermi ancora di più alla prova in questa avventura televisiva per me completamente nuova. L’idea di poter lavorare e dare qualcosa a chi sta costruendo il proprio futuro mi emoziona profondamente“.

Samuel, come giudice di X Factor, è una bella sorpresa, molta apprezzata tra gli addetti ai lavori. Indubbio lo spessore artistico e competenza del cantante dei Subsonica, che quest’anno dovrà sostituire il bravissimo Manuel Agnelli.

Della sua decisione di partecipare ad X Factor ha detto:

In questo talent mi piacerebbe accendere i riflettori sulla musica che amo, fatta non solo di belle voci, ma anche di suoni di ricerca e di contenuti da raccontare, dedicando un’attenzione particolare agli autori e non solo ai cantanti. È una sfida, una scommessa, dalla quale sento che potrò ricevere anche nuovi stimoli ed energie creative“.

 

Commento su Faremusic.it