20.3 C
Milano
lunedì, Aprile 6, 2020

Eurovision Song Contest 2020 ANNULLATO

E da giorni che girava la notizia dell'annullamento dell’Eurovision Song Contest 2020 e ora si è arrivati a questa decisione. A causa dell’emergenza sanitaria per...

Ultimi post

Turchia: morta l’attivista e cantante Helin Boker dopo 228 giorni di sciopero della fame

Si è conclusa così la battaglia di Helin Boker cantante dei Grup Yorum, band simbolo della sinistra turca fin dagli anni Ottanta, che dopo...

MEI e OA Plus riuniscono “L’Italia in una stanza”. Da Jamiroquai e Nek, tutti gli ospiti dello show

Da sabato 4 aprile fino a domenica 5 aprile andrà in onda in diretta streaming, dalle 8 alle 20, sui siti e sulle pagine...

Finale di Amici 19 ai tempi del Coronavirus: Il nulla assoluto!

Con tutto il rispetto per i concorrenti, per i ragazzi, per chi lavora nel programma, per le manovalanze, per la gente che ha profuso...

È morto Bill Withers. Era sua la bellissima canzone “Ain’t No Sunshine”

È morto un maestro, una leggenda, un mito, Bill Withers. A darne notizia è stata la famiglia con un comunicato ufficiale: "Siamo distrutti dalla perdita del...

“Citazioni e altri delitti”, il nuovo disco dei Malaparte – RECENSIONE

Voto Autore

 

Citazioni e altri delitti” non è un giallo, ma la recente pubblicazione dei “Malaparte”, rock band attiva da ormai più di dieci anni e composta da Carmine Ricciardi (voce e chitarre), Carmine De Vita (tastiere e cori), Raffaele Maffei (chitarre ritmiche e cori), Giuseppe Diego Nocito (basso) e Pasquale Tomassetta (batteria).

Originari della Campania, province di Avellino e Salerno, avevano pubblicato in precedenza altri due album, nel 2008 e nel 2013; il titolo di questa ultima pubblicazione confessa in modo diretto le intenzioni dei cinque, ovvero una sorta di ammissione di colpa riguardo alle influenze musicali che caratterizzano la loro formazione musicale e le loro creazioni: il rock degli anni 70 ma anche il grunge, il progressive, anche certo pop anni 80-90 e, perché no, il rock italiano

Rock in italiano? finalmente!

A questo proposito, colpisce innanzitutto l’efficace uso della lingua nazionale, peraltro in genere considerata inadatta: suona bene invece, i testi (opera, come la maggior parte delle musiche, di Ricciardi) si capiscono, scorrono e non sono per niente banali, parlano di vita, della realtà che ci circonda, di riflessioni e di situazioni quotidiane, e interagiscono perfettamente con le linee melodiche.

Citazioni, non imitazioni

Le “Citazioni” più evidenti appaiono riguardo il sano rock dei Led Zeppelin e dei Deep Purple, oltre a certe “trappolette ritmiche” come quelle dei Dream Theater nel brano “Presenze”. “Maschere” è uno dei pezzi con le soluzioni armoniche più interessanti, e anche qui fanno capolino delle scomposizioni ritmiche non gratuite oltre a delle gran chitarre, distorte “grosse” come rock comanda. 

Il brano di apertura, “Sottosopra”, ha qualcosa di orientale, come del resto la breve e allusiva “Bhata” e la intro di “Sorridere sempre”, il tutto è proposto in modo affascinante, evocativo e soprattutto non paraculetto caciarone-finto balcanico stile concertone del 1° maggio. Sospiro di sollievo… 

In generale l’atmosfera è da band molto democratica, in cui ognuno mette del suo in maniera molto entusiasta e presente, forse a volte un po’ sovrapposta ma comunque divertente e viva: è facile ipotizzare che il prodotto live sia energico, dinamico e molto coinvolgente.

malapensa

Una band che suona, eccome

I cinque sanno suonare e conoscono molta musica, il ritornello di “Essere o apparire” ricorda i Police, come anche l’atmosfera di “Matrimoni e delitti”, di rimando forse in questi due brani si indugia eccessivamente su riff e scomposizioni varie; comunque via via si ha conferma che le composizioni sono melodicamente e armonicamente molto ricche di idee in genere ben sviluppate, non ci sono concessioni a furbetterie varie ma gusto di creare e realizzare insieme.

“Parvenze di noi” ha forse qualcosa dei Pink Floyd, in ogni caso è un brano interessante, come del resto “Fà finta di niente”, caratterizzata da belle chitarre acustiche e da un bel basso; “L’alba” sfoggia un bel ritornello e un bel solo di chitarra, c’è un qualcosa dei Toto che sbircia tra i Sounddgarden un po’ onnipresenti, soprattutto ad esempio in “E tu dimentica” ma il tutto scorre in modo veramente gradevole e interessante, le “Citazioni” non sono per niente delittuose e comunque c’è tanto di autogeno ed originale.

Si tratta di un prodotto vivo, ispirato, studiato e realizzato con impegno ed entusiasmo, molto energico e ricco, che merita un buon riscontro e delle belle occasioni di proposta in concerto: c’è ancora del buon rock in giro, in italiano!

Produzione indipendente

Citazioni e altri delitti” è un prodotto indipendente non solo di facciata. Prodotto da XXXV e Malaparte, è stato registrato da maggio a luglio del 2017 presso lo Studio 35, Cava De’ Tirreni (SA) da Johnny Paglioli. La Produzione artistica è di Label 35. Carmine Ricciardi è il produttore esecutivo, mentre Amedeo D’Ambrosio presso Palmoleta Studio ad Atripalda (AV) ha curato la pre-produzione; Missaggio, Johnny Paglioli, Studio 35. Mastering effettuato da Stefan Noltemeyer, Tonstudio, Spanische allee 37, Berlin.

malaparte

Tracklist “Citazioni e altri delitti” – Malaparte

  1. Sottosopra
  2. Presenze
  3. Maschere
  4. Le cose che non hai
  5. L’alba
  6. E tu dimentica
  7. Bhata
  8. Sorridere sempre
  9. Matrimoni ed altri delitti
  10. Fa’ finta di niente
  11. Essere o apparire
  12. Parvenze di noi

Si ringrazia Emiliano Nivelli per BTS Ufficio Stampa

Latest Posts

Turchia: morta l’attivista e cantante Helin Boker dopo 228 giorni di sciopero della fame

Si è conclusa così la battaglia di Helin Boker cantante dei Grup Yorum, band simbolo della sinistra turca fin dagli anni Ottanta, che dopo...

MEI e OA Plus riuniscono “L’Italia in una stanza”. Da Jamiroquai e Nek, tutti gli ospiti dello show

Da sabato 4 aprile fino a domenica 5 aprile andrà in onda in diretta streaming, dalle 8 alle 20, sui siti e sulle pagine...

Finale di Amici 19 ai tempi del Coronavirus: Il nulla assoluto!

Con tutto il rispetto per i concorrenti, per i ragazzi, per chi lavora nel programma, per le manovalanze, per la gente che ha profuso...

È morto Bill Withers. Era sua la bellissima canzone “Ain’t No Sunshine”

È morto un maestro, una leggenda, un mito, Bill Withers. A darne notizia è stata la famiglia con un comunicato ufficiale: "Siamo distrutti dalla perdita del...

I piu' letti

LA CANZONE PROFETICA DI GIORGIO GABER: “DESTRA-SINISTRA”

di Roberto Manfredi  C’è una sola canzone che potrebbe sostituire l’inno di Mameli, è Destra-Sinistra di Giorgio Gaber. Non è solo una canzone apparente satirica,...

Analisi del testo “Fin che la barca va”

di Alberto Salerno So che a molti sembrerà strano che io abbia deciso di affrontare l’analisi di questo grande successo di Orietta Berti, scritto da...

Viaggio nelle canzoni: Vattene amore

di Alberto Salerno Sono affezionatissimo a questa canzone, un vero emblema che rappresenta, insieme a poche altre, il Festival di Sanremo. Minghi e Panella ne...

La lunga storia della proprietà dell’Edizioni delle canzoni dei Beatles dal 1963 fino ai giorni nostri

di Claudio Ramponi Per comprendere meglio l'intera vicenda bisogna fare un salto nel passato e conoscere di un personaggio chiave: Dick James. Nato a Londra nel 1920,...

Viaggio nelle canzoni: “Il più grande spettacolo dopo il big bang” di Jovanotti

di Alberto Salerno Jovanotti e "Il più grande spettacolo dopo il big bang" - Fonte Testo Wikipedia: Il brano è caratterizzato da un sound rock,  che il...

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.