Home Musica Tour Mietta in versione ‘Diva Jazz’ attesa in concerto a Bologna

Mietta in versione ‘Diva Jazz’ attesa in concerto a Bologna

633
0
SHARE
Crediti Foto Simon (Simona Flamigni)
Voto Utenti
[Total: 3 Average: 4.7]

Nel calendario 2019 del Bravo Caffè, famoso live club nel pieno centro di Bologna, tra il concerto appena passato di Anggun e quello a venire di Sananda Maitreya, ex Terence Trent D’Arby, luccica un evento attesissimo. Giovedì 14 marzo alle ore 22 in via Mascarella 1 si daranno appuntamento i componenti del gruppo jazz dei Marea e Mietta, recentemente ospite a Sanremo Young per il trentennale di “Canzoni”, brano con cui divenne famosa nel Sanremo del 1989, vincendo sia il Primo Posto della sezione Nuovi sia il Premio della Critica.

Nonostante i corteggiamenti di major e prestigiose jazz label, non si ha certezza se questo sodalizio, partito nel 2015 e così altamente artistico, verrà mai immortalato in un album. Un vero peccato e un motivo in più per non mancare a questa nuova “Jazz Session”, a cadenza oramai annuale. Nell’orizzonte discografico di Daniela-Mietta c’è il ritorno al pop, a 8 anni di distanza dal suo ultimo album. Al programma di Rai Tre “Le Ragazze”, che le ha riservato una puntata da protagonista, ha rivelato: «Credo che la mia carriera in questo momento sia al punto di un’atra grande svolta». E, dopo un album con il sassofonista argentino Javier Girotto, il pop è anche nel futuro più imminente dei Marea: se il fisarmonicista Massimo Tagliata è stato richiamato da Mina per il suo prossimo album, il chitarrista e compositore Andrea Dessì sta lavorando sui suoi prossimi singoli con delle voci d’eccezione, che molto probabilmente risponderanno al nome di Claudia Casciaro, ex stella di Amici e sua partner nello spettacolo “Mina in Jazz”, e Daniela Pedali, ex stella di Sanremo e attualmente in tour in America Latina con lo spettacolo “Unforgettable” in omaggio a David Foster.

mietta

Jazz Session – Il concerto

L’inconfondibile voce di Mietta incontra il suono mediterraneo dei Marea, in formazione trio con Andrea Dessì alla chitarra, Massimo Tagliata alla fisarmonica e pianoforte e Roberto Rossi alla batteria e percussioni.  Lei – cantante, attrice e scrittrice iconica e versatile – in questo incontro musicale abbraccia contaminazioni di tango e jazz.

Il concerto offre un vasto repertorio in quattro lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e portoghese. Brani dal taglio cinematografico quali Historia de un amor”, cantato a suo tempo anche da Dalida e colonna sonora di tanti film, tra cui “La finestra di fronte” di Ferzan Özpetek, o “Un anno d’amore”, famoso per l’interpretazione di Mina e come tema di “Tacchi a spillo” di Pedro Almodovar. E poi canzoni di genere bossa nova come “Insensatez” di Antonio Carlos Jobim e Vinicius de Moraes o con sonorità fra il flamenco e il fado portoghese come “Gracias a la vida” di Mercedes Sosa e “Sodade” di Cesária Évora, nonché canzoni del repertorio di Mietta, come “Fare l’amore”, “Baciami adesso”, “Sto senza te” e “Vattene amore”, che vengono rilette in varie chiavi: dal tango al flamenco, dall’acustica al latin.

Non viene tralasciato il colore blues di questa voce onnivora, che con grande facilità passa da un tango a brani come “Little wing” di Jimi Hendrix, “Ain’t no sunshine” di Bill Withers e “Higher ground” di Stevie Wonder. E non manca “Semplice”: il brano dei Marea in cui Mietta è sia voce sia co-autrice. Pubblicato da Irma Records il 20 ottobre 2017, ha subito raggiunto il 1° posto nella Top 100 Brani ‘Jazz’ di iTunes. Tra i brani proposti anche degli inediti che incanteranno come “Paris”, “Sempre” e “Il tuo amore perduto”, suonati in duo chitarra-fisarmonica o in versione ‘Latin’ con la formazione del gruppo in terzetto.

Mietta – Diva jazz

Definita da Mina come «stupenda voce da soprano drammatico» e da Mia Martini come «voce bellissima», «calda, appassionata e importante», Mietta festeggia i 30 anni di carriera ritornando alla musica delle sue origini: quella di Sarah Vaughan e Billie Holiday, già omaggiate con la cover di “Lover man” nel 1991. Dopo aver venduto più di 2 milioni di dischi con un repertorio firmato dai più grandi cantautori italiani, tra cui Mango e Riccardo Cocciante, si concede così l’ennesima metamorfosi musicale, che la vede nelle vesti di nuova diva del jazz italiano. Il nuovo progetto latin-jazz con i Marea è stato preceduto dal tour “Quando il jazz fa pop” con il pianista Dado Moroni. Andrea Dessì, membro fondatore dei Marea, alla stampa dichiara: «Lei ha una vocalità molto ampia, potente, molto calda e riesce a fare tante cose diverse… Cercheremo di utilizzare tutte le sue caratteristiche».

mietta

Commento su Faremusic.it