20.7 C
Milano
venerdì, Maggio 29, 2020

Assomusica comunica l’elenco completo di tutti i concerti rinviati al 2021

Assomusica comunica ufficialmente il rinvio dei grandi eventi previsti nel 2020 al 2021. Pubblicato Il messaggio comune di tutti gli organizzatori

Ultimi post

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

LADY GAGA: da oggi in tutto il mondo il nuovo album CHROMATICA

È finalmente disponibile in tutto il mondo “CHROMATICA”, il nuovo atteso sesto album di LADY GAGA (Virgin Records Italy/ Universal Music Italia)

Max Gazzè questa estate in tour per far lavorare le maestranze – Rinuncia ai cachet

Max Gazzè : “Ok ai concerti da mille posti a sedere, rinuncio ai cachet per ridare la dignità del lavoro a chi è fermo”

Morto Massimo Villa: fu musicista, giornalista e conduttore radiofonico

Si è spento in Portogallo, dove viveva da qualche anno, Massimo Villa. Aveva 72 anni.Una vita passata facendo e parlando di musica

ERICA e il suo esordio discografico con “Come Altalene” – INTERVISTA

Voto Utenti
[Total: 3 Average: 4.3]

Oggi parliamo di Erica Taci, in arte ERICA, giovane cantautrice Toscana, in occasione dell’uscita del suo singolo di esordio “Come Altalene”, prodotto da Ivan Russo & Michele Cammarota per Atollorecords Srl, già in rotazione in radio e disponibile su Itunes e su tutte le piattaforme digitali.

Classe 1998, Erica, dall’età di due anni dopo una burrascosa separazione dei genitori, trascorre l’infanzia, oltre che con la madre, con la nonna materna, la sorellina e due tate di madrelingua australiana e scozzese.
La sua passione per la musica si manifesta precocemente in età scolare, iniziando a scrivere testi di canzoni in inglese e italiano.
Intorno ai 13 anni inizia a frequentare scuole di canto, sino ai 18.

Ma parliamone direttamente un po’ con lei in questa breve intervista.

erica

INTERVISTA – ERICA

Ciao Erica. Come hai iniziato a scrivere canzoni?

Ciao Francesca. Tutto parte dalla mia infanzia, che non è stata molto facile.
Dopo la separazione dei miei io non ho mai più rivisto mio padre, poi ero molto timida, tutt’ora questa cosa mi è rimasta, quindi per me scrivere canzoni in inglese e in italiano è stato da subito un bisogno per esprimere concetti e sensazioni che provavo, senza dover affrontare un discorso a parole… ciò che non riuscivo a dire a parole lo musicavo…
A volte invece di studiare mettevo in musica ciò che dovevo imparare, mi veniva difficile parlare davanti ad una classe e in situazioni simili.

Quindi cosa rappresenta la musica per te?

La musica è stata ed è tutt’ora lo sbocco dal quale fuoriesce la mia personalità, mi ha aiutata molto, anche solo il fatto di doversi relazionare con altre persone mi ha aperto un mondo, ha sbloccato tante mie paure… con la musica è tutto più semplice.

Da cosa prendi l’ispirazione?

La maggior parte delle canzoni che scrivo sono esperienze personali, sicuramente viaggiare mi aiuta molto, mi fa pensare, riflettere, adoro osservare fuori mentre sono in viaggio, qualunque cosa che osservo può farmi provare una sensazione che poi ho bisogno di riportare in una canzone.

Che musica ti ha portata ad essere ERICA?

Sono cresciuta ascoltando e cantando le musiche dei musical, anche se ho sempre cercato di ascoltare un po’ di tutto.

Cosa rappresenta “Come Altalene” a livello di percorso personale?

“Come altalene” è quella canzone che mi ha portata a far parte di un mondo professionale rispetto a ciò che facevo prima, non è una fine ma solo l’inizio di ciò che voglio che sia la mia vita! Mi ha fatto approcciare ad un metodo di lavoro di gruppo, a conoscere tante sensibilità e personalità diverse, riascoltare questa canzone mi fa venire in mente tutti i momenti che ci sono stati durante la produzione di questa stessa

Com’è il rapporto con la tua famiglia e la musica?

La musica nella mia famiglia c’è sempre stata, sono cresciuta con mia nonna che mi cantava le classiche napoletane, essendo lei stata una cantante lirica napoletana, mi segue sempre in ciò che faccio, mia mamma mia ha sempre supportata nel mio percorso ed ha sempre cercato di essere oggettiva sui consigli, nonostante lei non abbia mai cantato (p.s. è leggermente stonata), mia sorella invece ha la passione del ballo infatti le piace molto ballare sopra le mie canzoni che suono al pianoforte

E invece il rapporto con amici, fidanzati?!

Mi è un po’ difficile in questo periodo avere delle persone che mi stiano accanto e capiscano le mie scelte di vita, da quando ho intrapreso questo percorso molte persone si sono allontanate.

Hai mai provato a partecipare a dei talent?

Il mio primo concorso l’ho vinto a 14 anni, fu una grande emozione perché fui Premio del Pubblico, con la canzone “Back to Black” della grandissima Amy Winehouse;
Nel 2017 mandai un provino online per XFactor Uk, qualche mese dopo mi chiamarono per andare a fare l’audizione all’O2 Stadium di Londra, dove in quei giorni cantava Ed Sheeran, anche questa è stata una bellissima esperienza musicale.
Sempre nello stesso anno sono arrivata alle semifinali nazionali di Area Sanremo.

A cosa aspiri?

Sicuramente continuare a fare musica nella mia vita, mi piacerebbe riuscire a raggiungere più fasce di età, e che le persone possano provare emozioni e possano rispecchiarsi nel mio percorso di vita e nella musica che faccio, mi piacerebbe che tutto ciò andasse anche oltre i confini italiani.

E noi di FAREMUSIC ti auguriamo di esaudire ogni tuo sogno!

 

erica

Come Altalene (lyrics)

Come altalene a due posti
si alternano e oscillano
a volte si incontrano si scontrano
e siamo l’incastro perfetto
in questa realtà

Cadono pezzi di nuvole
Si sfilano e scendono come coriandoli
E toccano lenti anche i giorni violenti
E amari si sa

E se viviamo su un albero
È perché c’è un mare di ghiaccio
Che copre i rumori
Lontani da qua, lontani da qua

Aspetto incostante il momento
In cui oscillo al tuo fianco a tempo nel tempo
Ritrovo il mio canto tra petali rosa
Di libertà

E se viviamo su un albero
È perché c’è un mare di ghiaccio
Che copre i rumori
Lontani da qua, lontani da qua

Come cerchi di fuoco infrangiamo le regole
Siamo fogli di carta su cui si può scrivere
La verità
La verità

E se viviamo su un albero
È perché c’è un mare di ghiaccio
Che copre i rumori
Lontani da qua
Da questa realtà
Da questa realtà 

erica

Riprese e Regia: Davide Aronica e Bruno Cirillo
Coreografia: Ettore Squillace (Set Danceworks Napoli)
Ballerini: Giosuè Carboni e Ida Marino

Prodotto da Ivan Russo & Michele Cammarota per Atollorecords Srl

Per tutte le Info:
Instagram –  Facebook

Latest Posts

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

LADY GAGA: da oggi in tutto il mondo il nuovo album CHROMATICA

È finalmente disponibile in tutto il mondo “CHROMATICA”, il nuovo atteso sesto album di LADY GAGA (Virgin Records Italy/ Universal Music Italia)

Max Gazzè questa estate in tour per far lavorare le maestranze – Rinuncia ai cachet

Max Gazzè : “Ok ai concerti da mille posti a sedere, rinuncio ai cachet per ridare la dignità del lavoro a chi è fermo”

Morto Massimo Villa: fu musicista, giornalista e conduttore radiofonico

Si è spento in Portogallo, dove viveva da qualche anno, Massimo Villa. Aveva 72 anni.Una vita passata facendo e parlando di musica

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.