Home L'INDIPENDENTE GLI INDIPENDENTI SFIORANO IL 40% DEL MERCATO

GLI INDIPENDENTI SFIORANO IL 40% DEL MERCATO

WINTEL 2018, report prodotto per Worldwide Independent Network, mostra che gli indipendenti hanno aumentato la loro quota di mercato globale più delle major

260
0
SHARE
indipendenti
Voto Autore
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 4.5]

WINTEL 2018 è il terzo report prodotto per Worldwide Independent Network (WIN), al quale in Italia è associata AudioCoop, che promuove ogni anno il MEI (www.meiweb.it) che classifica la quota di mercato globale del settore indipendente a livello di copyright, piuttosto che a livello di distribuzione.

Questo nuovo report è stato creato e commissionato da WIN per analizzare l’impatto economico e culturale globale del settore musicale indipendente. È stato creato da Mark Mulligan di MIDiA Research e creato da Music Ally. I risultati, raccolti da 33 paesi, rappresentano la valutazione più completa del settore discografico indipendente globale mai compilato. Questa ricerca mostra che gli indipendenti hanno aumentato la loro quota di mercato globale dal 39,6% nel 2016 al 39,9% nel 2017 con una crescita superiore a quella delle principali etichette, i cui ricavi sono cresciuti solo del 9,7% nello stesso periodo.

I ricavi globali sono aumentati da $ 6,2 miliardi nel 2016 a $ 6,9 miliardi nel 2017, il che equivale a una forte crescita su base annua del 10,9%.

Entro la fine del 2017 i servizi di abbonamento di musica in streaming avevano un totale di 176 milioni di abbonati a livello globale, rispetto ai 64 milioni del 2016. Questa crescita ha visto crescere i ricavi per le società indipendenti del 46% nel 2017 a $ 3,1 miliardi, che ora rappresentano poco meno di 44 % del reddito complessivo del settore, rispetto al 33% del 2016.

È sempre più probabile che lo streaming rappresenterà più del 50% dei ricavi delle società musicali indipendenti nel prossimo futuro, dal momento che le vendite fisiche continuano a diminuire.

Un altro aspetto interessante e positivo del sondaggio di quest’anno è che il 76% degli artisti firmatari di etichette indipendenti sceglie di rinnovare i contratti alla fine del mandato.

Vale anche la pena di riflettere su ciò che definisce “indipendente” nel 2018 – il termine è certamente in evoluzione nell’industria musicale moderna e oltre alle etichette, comprende anche artisti che si auto-pubblicano attraverso distributori terzi.

WINTEL 2018 rivela che i ricavi degli artisti che si autoalimentano sono cresciuti da $ 94 milioni nel 2016 a $ 101 milioni nel 2017.

Commento su Faremusic.it