23.3 C
Milano
giovedì, Luglio 9, 2020

David Crosby invita Bruce Spingsteen per un concerto per Joe Biden e la sua campagna elettorale

David Crosby chiama Springsteen, Eagles e Jackson Browne per supportare il candidato democratico Joe Biden alle presidenziali statunitensi

Ultimi post

Bob Dylan, l’ultimo dei migliori in “Rough And Rowdy Ways” – RECENSIONE

“Rough And Rowdy Ways”, uscito il 19 giugno scorso, è il 39° album in studio di Bob Dylan, un musicista “nobile” che ha venduto oltre 125 milioni di dischi

Arriva a Messina il primo albo che riconoscerà il mestiere di musicista

Arriva a Messina la rivoluzione della musica con la fondazione di un albo per musicisti professionisti. a seguito proposta del sindacato autonomo Sacs Cisal

Un viaggio nella vita di MILLE con “La Vita Le Cose” – INTERVISTA

Una voce coinvolgente e diversa dal solito è sicuramente quella di Elisa Pucci in arte Mille, uscita in questi giorni con il singolo "La Vita Le Cose"

Morricone ci lascia e ora siano ancora più soli in un modo di brutta musica

Ennio Morricone è morto stamane a quasi 92 anni. Per la musica è una perdita immane perché viene a mancare un musicista di importanza fondamentale

Aretha Franklin, il mito e l’incubo

Voto Utenti
[Total: 4 Average: 4.8]

Aretha Franklin non c’è più, la malattia ha vinto, e ci ha lasciati nello stesso giorno della perdita di Elvis Presley (leggi nostro articolo).

Il mondo della musica è sgomento, per quanto la notizia del suo male fosse nota da anni. Aretha è stata senza dubbio una tra le più grandi cantanti del mondo, forse l’ultimo mito ancora vivente, dopo Ella, Sarah, Billie.

Un mito ma anche un incubo, semplicemente perché inarrivabile.

Il canto di Aretha è, e probabilmente resterà, il modello di vocalità (definita) soul tra migliaia di professioniste, aspiranti tali e dilettanti, democraticamente e crudelmente sparse in tutto il mondo; la sua timbrica inimitabile, la musicalità eccelsa, l’agilità, la capacità interpretativa, quel suo essere mai eccessiva ma sempre ricca e personale, sono caratteristiche che forniscono una mole enorme di materiale di studio e di emulazione. Quello che appare inoltre straordinario è che nonostante l’enorme spessore artistico del suo canto, questo fosse assolutamente fruibile da tutti, da un pubblico enorme, laddove quasi mai qualità e grande riscontro di pubblico coincidono.

In realtà l’arte di Aretha era talmente indiscutibile da essere trasversale, non riconducibile esclusivamente al soul, al jazz o al pop, anzi era tale da poter essere usata per andare oltre al sistema delle classificazioni e delle etichette; una frase attribuita perlopiù a Miles Davis recita, più o meno, che non esistono generi musicali ma solo musica bella o brutta: la storica esibizione a sostituzione di Pavarotti in cui esegue a modo suo “Nessun dorma” in tonalità originale rende inutile qualsiasi ulteriore tentativo di spiegare il concetto.

Aretha Franklin
Aretha Franklin performing “Nessun Dorma” at 1998 Grammys

Aretha non era definibile pop perché assolutamente allergica ai prodotti furbi e leccatini, non jazz perché nel suo repertorio difficilmente indugiava ad improvvisare sull’intero chorus dei brani, i quali in maggior parte peraltro neanche erano particolarmente adatti armonicamente per tale pratica.

Aretha era semplicemente oltre, o meglio era “prima”, perché era la sintesi dell’archetipo gospel (e questa non è una classificazione, è storia) da cui molta della buona e cattiva musica del secolo scorso ha avuto origine, ed era “avanti”, perché almeno allo stato attuale nessuna caratteristica interpretativa del canto moderno appare nuova rispetto a lei, mito e in tanti casi incubo con cui non si cesserà mai di dover fare i conti, ma con grande piacere. Fortuna nostra, grazie di cuore.

 

Latest Posts

Bob Dylan, l’ultimo dei migliori in “Rough And Rowdy Ways” – RECENSIONE

“Rough And Rowdy Ways”, uscito il 19 giugno scorso, è il 39° album in studio di Bob Dylan, un musicista “nobile” che ha venduto oltre 125 milioni di dischi

Arriva a Messina il primo albo che riconoscerà il mestiere di musicista

Arriva a Messina la rivoluzione della musica con la fondazione di un albo per musicisti professionisti. a seguito proposta del sindacato autonomo Sacs Cisal

Un viaggio nella vita di MILLE con “La Vita Le Cose” – INTERVISTA

Una voce coinvolgente e diversa dal solito è sicuramente quella di Elisa Pucci in arte Mille, uscita in questi giorni con il singolo "La Vita Le Cose"

Morricone ci lascia e ora siano ancora più soli in un modo di brutta musica

Ennio Morricone è morto stamane a quasi 92 anni. Per la musica è una perdita immane perché viene a mancare un musicista di importanza fondamentale

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.