18.4 C
Milano
domenica, Aprile 5, 2020

Eurovision Song Contest 2020 ANNULLATO

E da giorni che girava la notizia dell'annullamento dell’Eurovision Song Contest 2020 e ora si è arrivati a questa decisione. A causa dell’emergenza sanitaria per...

Ultimi post

Turchia: morta l’attivista e cantante Helin Boker dopo 228 giorni di sciopero della fame

Si è conclusa così la battaglia di Helin Boker cantante dei Grup Yorum, band simbolo della sinistra turca fin dagli anni Ottanta, che dopo...

MEI e OA Plus riuniscono “L’Italia in una stanza”. Da Jamiroquai e Nek, tutti gli ospiti dello show

Da sabato 4 aprile fino a domenica 5 aprile andrà in onda in diretta streaming, dalle 8 alle 20, sui siti e sulle pagine...

Finale di Amici 19 ai tempi del Coronavirus: Il nulla assoluto!

Con tutto il rispetto per i concorrenti, per i ragazzi, per chi lavora nel programma, per le manovalanze, per la gente che ha profuso...

È morto Bill Withers. Era sua la bellissima canzone “Ain’t No Sunshine”

È morto un maestro, una leggenda, un mito, Bill Withers. A darne notizia è stata la famiglia con un comunicato ufficiale: "Siamo distrutti dalla perdita del...

Aretha Franklin, il mito e l’incubo

Voto Utenti
[Total: 4 Average: 4.8]

Aretha Franklin non c’è più, la malattia ha vinto, e ci ha lasciati nello stesso giorno della perdita di Elvis Presley (leggi nostro articolo).

Il mondo della musica è sgomento, per quanto la notizia del suo male fosse nota da anni. Aretha è stata senza dubbio una tra le più grandi cantanti del mondo, forse l’ultimo mito ancora vivente, dopo Ella, Sarah, Billie.

Un mito ma anche un incubo, semplicemente perché inarrivabile.

Il canto di Aretha è, e probabilmente resterà, il modello di vocalità (definita) soul tra migliaia di professioniste, aspiranti tali e dilettanti, democraticamente e crudelmente sparse in tutto il mondo; la sua timbrica inimitabile, la musicalità eccelsa, l’agilità, la capacità interpretativa, quel suo essere mai eccessiva ma sempre ricca e personale, sono caratteristiche che forniscono una mole enorme di materiale di studio e di emulazione. Quello che appare inoltre straordinario è che nonostante l’enorme spessore artistico del suo canto, questo fosse assolutamente fruibile da tutti, da un pubblico enorme, laddove quasi mai qualità e grande riscontro di pubblico coincidono.

In realtà l’arte di Aretha era talmente indiscutibile da essere trasversale, non riconducibile esclusivamente al soul, al jazz o al pop, anzi era tale da poter essere usata per andare oltre al sistema delle classificazioni e delle etichette; una frase attribuita perlopiù a Miles Davis recita, più o meno, che non esistono generi musicali ma solo musica bella o brutta: la storica esibizione a sostituzione di Pavarotti in cui esegue a modo suo “Nessun dorma” in tonalità originale rende inutile qualsiasi ulteriore tentativo di spiegare il concetto.

Aretha Franklin
Aretha Franklin performing “Nessun Dorma” at 1998 Grammys

Aretha non era definibile pop perché assolutamente allergica ai prodotti furbi e leccatini, non jazz perché nel suo repertorio difficilmente indugiava ad improvvisare sull’intero chorus dei brani, i quali in maggior parte peraltro neanche erano particolarmente adatti armonicamente per tale pratica.

Aretha era semplicemente oltre, o meglio era “prima”, perché era la sintesi dell’archetipo gospel (e questa non è una classificazione, è storia) da cui molta della buona e cattiva musica del secolo scorso ha avuto origine, ed era “avanti”, perché almeno allo stato attuale nessuna caratteristica interpretativa del canto moderno appare nuova rispetto a lei, mito e in tanti casi incubo con cui non si cesserà mai di dover fare i conti, ma con grande piacere. Fortuna nostra, grazie di cuore.

 

Latest Posts

Turchia: morta l’attivista e cantante Helin Boker dopo 228 giorni di sciopero della fame

Si è conclusa così la battaglia di Helin Boker cantante dei Grup Yorum, band simbolo della sinistra turca fin dagli anni Ottanta, che dopo...

MEI e OA Plus riuniscono “L’Italia in una stanza”. Da Jamiroquai e Nek, tutti gli ospiti dello show

Da sabato 4 aprile fino a domenica 5 aprile andrà in onda in diretta streaming, dalle 8 alle 20, sui siti e sulle pagine...

Finale di Amici 19 ai tempi del Coronavirus: Il nulla assoluto!

Con tutto il rispetto per i concorrenti, per i ragazzi, per chi lavora nel programma, per le manovalanze, per la gente che ha profuso...

È morto Bill Withers. Era sua la bellissima canzone “Ain’t No Sunshine”

È morto un maestro, una leggenda, un mito, Bill Withers. A darne notizia è stata la famiglia con un comunicato ufficiale: "Siamo distrutti dalla perdita del...

I piu' letti

Analisi del testo “Fin che la barca va”

di Alberto Salerno So che a molti sembrerà strano che io abbia deciso di affrontare l’analisi di questo grande successo di Orietta Berti, scritto da...

LA CANZONE PROFETICA DI GIORGIO GABER: “DESTRA-SINISTRA”

di Roberto Manfredi  C’è una sola canzone che potrebbe sostituire l’inno di Mameli, è Destra-Sinistra di Giorgio Gaber. Non è solo una canzone apparente satirica,...

Viaggio nelle canzoni: Vattene amore

di Alberto Salerno Sono affezionatissimo a questa canzone, un vero emblema che rappresenta, insieme a poche altre, il Festival di Sanremo. Minghi e Panella ne...

Viaggio nelle canzoni: “Il più grande spettacolo dopo il big bang” di Jovanotti

di Alberto Salerno Jovanotti e "Il più grande spettacolo dopo il big bang" - Fonte Testo Wikipedia: Il brano è caratterizzato da un sound rock,  che il...

La lunga storia della proprietà dell’Edizioni delle canzoni dei Beatles dal 1963 fino ai giorni nostri

di Claudio Ramponi Per comprendere meglio l'intera vicenda bisogna fare un salto nel passato e conoscere di un personaggio chiave: Dick James. Nato a Londra nel 1920,...

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.