Home Parole e Poesia In ricordo di Aldo Donati

In ricordo di Aldo Donati

L'anno scorso veniva a mancare il cantautore romano Aldo Donati.

1533
1
SHARE
Voto Autore

di Michele Caccamo
Sembrava che Dio ti avesse adornato l’ugola di farfalle: ogni vibrazione delle corde era modulata dal battito delle ali; una strozzatura in fondo.

Ma era proprio quella difformità a rendere unica e magnifica la tua voce. Avevi le dita nella saudade, la chitarra era il tuo albero della vita; eri un armonista raffinato, per l’amore e la solitudine.

Ah Miché, bello de casa” adesso mi risuona, si fa spazio nel mio dolore; la tua sensibilità, a ogni nostro incontro, era completamente mia. Tu sempre così dolce e per bene, nobile.

Adesso le tue nuvole sono ferme, le note melanconiche del tuo ultimo grido le hanno disperate, rese tristi e pietose, così, in comune col mio cuore. Hai abbandonato le nostre stanze infelici; quelle degli esseri, in generale, trovando la consolazione tra i flauti del cielo.

La morte non c’è Aldo, si ritorna vergini e senza i fastidiosi paraventi delle leggi fisiche: se ci pensi, ma adesso lo sai, ci hanno limitati nelle proprietà della virtù, rendendoci perpetui eredi del pensiero spirituale con la scienza e la meccanica, con l’ingegno inutile.
Tu adesso hai ottenuto la polvere dei Santi, e volgerai la tua esistenza verso la grazia della perfezione.

Sei stato un compositore di canzoni stupende. Fin quando non ti hanno abbandonato per i deliri modaioli dedicandosi alle assurdità sonore, all’immagine, al piattume, lasciando nell’orfanezza la musica. Fanno fatica a produrre il canto, Aldo, dalle bocche ascolto solo urla, plagi, melodie risapute; più nessuna beata ispirazione, solo canzoni furbe, in maniera disarmante orrende. Tu avevi originalità nei giri armonici, eri un genio infaticabile: sembrava avessi un impegno costante con la bellezza.

Io adesso ti bacio sugli occhi, mentre perdi peso e stai liberando la tua Anima nella quiete. Già ti immagino celebrare in musica la parola divina. Non lascerò che ti dimentichino, grande Artista: drappeggerò il cielo delle tue note e ingigantirò il tuo nome per appenderlo dal sole alla luna.

Tu eri di un altro sogno, Aldo, di un’altra generosità, proprio vicino alla nitidezza dell’Animo.

SHARE
Previous articleLe colpe dell’occidente
Next articleLa sfida continua… No, non quella con la Pausini
Michele Caccamo
Poeta drammaturgo e scrittore. Pubblicato e tradotto all'estero, conosciuto nel mondo arabo come il Poeta della fratellanza: per la sua attenzione all'integrazione e il suo impegno letterario nell'incontro tra popoli e religioni. È anche autore di testi di canzoni. Ha pubblicato finora sedici volumi di narrativa e poesia

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here