-1 C
Milano
lunedì, Gennaio 18, 2021

ROBBIE WILLIAMS: fuori il video satirico e irriverente di “CAN’T STOP CHRISTMAS”

È online il video "CAN'T STOP CHRISTMAS" di ROBBIE WILLIAMS, un video satirico in cui l'artista si trasforma in BORIS JOHNSON

Ultimi post

Diario di un pomeriggio nel salotto di Roma

Voto Utenti
[Total: 6 Average: 2.2]

di Luigi Calivà

Qualche pomeriggio fa mi sono preso qualche ora per passeggiare tra Via del Corso e le vie limitrofe, era molto tempo che non lo facevo.

Non ricordavo una babele simile di lingue, razze e saltimbanchi, dove la normalità è bandita.

Venditori di caldarroste a maggio con 26 gradi, madonnari che non buttano più il loro lavoro sul marciapiede, ma che dipingono su tele recuperabili incollate a terra, tristi teatrini di animazione improvvisati, carnagioni di tutti i colori, mille lingue diverse dove l’italiano è minimo quarta lingua.

Furtivi venditori di tutto e furtivi cacciatori di elemosine travestiti da turisti. Abbigliamenti da dopo sole a Riccione, e ragazze “un calippo e na biretta” accompagnate da coatti con trionfi di tatuaggi.

Ancora, latinoamericani con pinocchietti di tutte le fogge, asiatici senza l’eleganza e la carnagione dei giapponesi.

E poi poliziotti in borghese riconoscibili da un km, poliziotti in divisa e militari in mimetica.

Macchine tante, troppe, con permessi in vista, Taxi che seguono gli odiati Ncc magari di Uber… biciclette, car sharing parcheggiate dove capita.

Gente che parla a voce alta per farsi notare, e gente che cammina e parla a voce alta con auricolare al cellulare senza minimamente pensare che agli altri dei cavoli suoi non frega nulla, o meno di nulla.

Poi svolto a destra e sono a Piazza S. Lorenzo in Lucina.

Tre bar tavoli all’aperto, negozi meravigliosi compreso Luis Vuitton, e gente più elegante e più “normale”.

Ma eccoli li vedo, sono loro, gli “Onorevoli” a passeggio chiacchierando con il collega o l’assistente parlamentare (portaborse) tra una riunione di commissione e un voto.

Sono tutti lì intorno con i loro vestiti sartoriali blu, le camicie appena stirate con le cifre iniziali sulla pancia, e le scarpe con i lacci nere o marroni, stile Church.

Non si mischiano con il fiume di varia umanità che scorre tra Via del Corso, Via Condotti e i suoi negozi del lusso vuoti, e ancora Piazza di Spagna con il sole che scalda tutta quella varia umanità che intanto si è spostata li tra Trinità dei Monti e la Barcaccia.

Loro passeggiano in un raggio di 100 metri da Montecitorio, aspettando che arrivi la sera per rinchiudersi nelle decine di ristoranti lì intorno, e che vivono dei loro conti e delle loro carte di credito.

Il sole sta tramontando e mi dirigo verso “Palazzo Fendi” per l’aperitivo di compleanno della mia amica Maria Francesca, da Zuma in terrazza sui tetti di Roma.

Latest Posts

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.