Home Scritto da voi Diario di un pomeriggio nel salotto di Roma

Diario di un pomeriggio nel salotto di Roma

Roma: A passeggio in un pomeriggio tra le strade romane tra venditori di caldarroste, madonnari, tristi teatrini di animazione improvvisati e Onorevoli.

964
0
SHARE
roma
Voto Utenti
[Total: 6 Average: 2.2]

di Luigi Calivà

Qualche pomeriggio fa mi sono preso qualche ora per passeggiare tra Via del Corso e le vie limitrofe, era molto tempo che non lo facevo.

Non ricordavo una babele simile di lingue, razze e saltimbanchi, dove la normalità è bandita.

Venditori di caldarroste a maggio con 26 gradi, madonnari che non buttano più il loro lavoro sul marciapiede, ma che dipingono su tele recuperabili incollate a terra, tristi teatrini di animazione improvvisati, carnagioni di tutti i colori, mille lingue diverse dove l’italiano è minimo quarta lingua.

Furtivi venditori di tutto e furtivi cacciatori di elemosine travestiti da turisti. Abbigliamenti da dopo sole a Riccione, e ragazze “un calippo e na biretta” accompagnate da coatti con trionfi di tatuaggi.

Ancora, latinoamericani con pinocchietti di tutte le fogge, asiatici senza l’eleganza e la carnagione dei giapponesi.

E poi poliziotti in borghese riconoscibili da un km, poliziotti in divisa e militari in mimetica.

Macchine tante, troppe, con permessi in vista, Taxi che seguono gli odiati Ncc magari di Uber… biciclette, car sharing parcheggiate dove capita.

Gente che parla a voce alta per farsi notare, e gente che cammina e parla a voce alta con auricolare al cellulare senza minimamente pensare che agli altri dei cavoli suoi non frega nulla, o meno di nulla.

Poi svolto a destra e sono a Piazza S. Lorenzo in Lucina.

Tre bar tavoli all’aperto, negozi meravigliosi compreso Luis Vuitton, e gente più elegante e più “normale”.

Ma eccoli li vedo, sono loro, gli “Onorevoli” a passeggio chiacchierando con il collega o l’assistente parlamentare (portaborse) tra una riunione di commissione e un voto.

Sono tutti lì intorno con i loro vestiti sartoriali blu, le camicie appena stirate con le cifre iniziali sulla pancia, e le scarpe con i lacci nere o marroni, stile Church.

Non si mischiano con il fiume di varia umanità che scorre tra Via del Corso, Via Condotti e i suoi negozi del lusso vuoti, e ancora Piazza di Spagna con il sole che scalda tutta quella varia umanità che intanto si è spostata li tra Trinità dei Monti e la Barcaccia.

Loro passeggiano in un raggio di 100 metri da Montecitorio, aspettando che arrivi la sera per rinchiudersi nelle decine di ristoranti lì intorno, e che vivono dei loro conti e delle loro carte di credito.

Il sole sta tramontando e mi dirigo verso “Palazzo Fendi” per l’aperitivo di compleanno della mia amica Maria Francesca, da Zuma in terrazza sui tetti di Roma.

SHARE
Previous articleLE CATENE WEB: UNA GRAN PERDITA DI TEMPO E DI NEURONI CEREBRALI
Next articleCAMBA – CORO TORNANO A CASA: FIRMATO CON WARNER CHAPPELL E UNOPIU’UNOFAMILLE UN ACCORDO TRIENNALE
Luigi Calivà
Ha iniziato la sua carriera nel mondo della musica come tecnico o tecnico del suono (nella prima metà degli anni 80) lavorando in tour con artisti come Rettore, Sergio Endrigo, la Bottega dell’Arte, Gepy & Gepy, Mia Martini, Nada, Mimmo Locasciulli, Riccardo Cocciante, Luca Barbarossa, Locasciulli & Ruggieri. Dopo una piccola esperienza come promoter discografico radiofonico, passa dall’altra parte della barricata diventando il direttore dell’ufficio discografico di RDS sin dalla sua nascita e per sedici anni. Dopo la sua uscita da dall’emittente diventa per alcuni anni il direttore marketing della divisione eventi Friends & Partners (oggi F&P Group), importate agenzia Italiana per la musica live. Ha fatto anche il general manager di un’etichetta indipendente producendo compilation e prodotti discografici di catalogo, riuscendo a vendere oltre un milione di dischi, e aggiudicandosene diversi d’oro e di platino. Ha gestito anche una società di edizioni musicali con un notevole catalogo, curando anche diverse colonne sonore per film e cartoni animati. E stato anche produttore o manager di artisti come Gegè Telesforo, Gli Stadio o Alex Britti, e ha collaborato come consulente per il management con molti altri artisti. Ha curato come produttore esecutivo due particolari progetti teatrali e musicali, “Britti & Bennato” e “Barbarossa & Marcorè”. E’ generalmente considerato un esperto di radiofonia, management musicale, produzione discografica, eventi musicali, sponsoring musicale, marketing entertainment e comunicazione non convenzionale legata al settore musica e dello spettacolo in genere. Ama definirsi un libero pensatore e scrivere, e ad oggi ed ha pubblicato due romanzi, “Il Cantautore” e “John Lemnos” (scritto con Fulvio Ottaviano). Ha inoltre pubblicato un e-book, un manuale dedicato ai giovani artisti che iniziano la loro carriera nella musica dal titolo. “Essere artisti nel nuovo mercato musicale e avere successo” che aggiorna ogni 2 anni. Oggi per non farsi mancare nulla, gestisce un’azienda di famiglia che nulla ha a che fare con la musica.

Commento su Faremusic.it