8.7 C
Milano
mercoledì, Novembre 25, 2020

SCENA UNITA: Insieme per aiutare i lavoratori della musica e dello spettacolo

E’ nato Scena Unita, il fondo lanciato da Fedez e sostenuto da Cesvi, Amazon Prime Video, Intesa Sanpaolo e molte altre aziende per sostenere i professionisti dello spettacolo e della musica colpiti dalla crisi economica causata dal coronavirus.

Ultimi post

“Edipo: io contagio”, il teatro diventa mostra al Palazzo Ducale di Genova

Il progetto "Edipo: io contagio", è nato per riaffermare l’importanza della cultura teatrale in tempo di crisi e tutelare l’occupazione di attori e maestranze

Elton John: esce un cofanetto di rarità e inediti, “Jewel Box”

Elton John ha pubblicato uno "Scrigno dei tesori", un mega box dal titolo "Jewel Box", un progetto rivolto per lo più ai collezionisti

Diodato: docu serie “Storie di un’altra estate” su RaiPlay – Nuovo singolo “Fino a farci scomparire”

Diodato esce con la docu-serie "Storie di un'altra estate" in onda su RaiPlay dal 29 novembre. Esce anche il singolo "Fino a farci scomparire"

Achille Lauro: fuori un altro nuovo album, “1920” – Celebrati gli anni ’20 con l’orchestra

Celebrati gli anni '20 nell'album con orchestra Achille Lauro: 1920 - ACHILLE LAURO & THE UNTOUCHABLE BAND, in uscita il 4 dicembre

La musica del “divertimento” è colpa di anni di scelte discografiche sbagliate e non di uno sbaglio semantico

Voto Utenti
[Total: 2 Average: 3]

Alcuni discografici si indignano se la musica, per uno sbaglio semantico, la definiscono “divertimento”, ma a ben vedere la colpa è anche la loro.

.
Nell’ennesima conferenza stampa del Governo, in questo drammatico momento segnato dall’emergenza da Coronavirus, appuntamento in cui doveva essere presentato il “Decreto Rilancio”, per quanto riguarda il settore dello spettacolo, musica, cinema, teatro, il Presidente del Consiglio Conte ha fatto un altro “scivolone” comunicativo, dicendo che gli “artisti ci fanno divertire“.

Certo, su questa affermazione, e sulla semantica, si potrebbero (e lo stanno facendo) costruire castelli di parole polemiche. Vero è che l’arte è prima di tutto “cultura” e poi mille altre cose, tra cui il “divertimento”. Ma è anche vero, se di arte vogliamo davvero parlare, che è lecito porsi la domanda se quello che produce oggi il comparto discografico ed editoriale italiano sia davvero “arte” o “altro”.

Ma a parte questa riflessione, che meriterebbe un articolo a sè, personalmente penso che in quel contesto, dopo ore e ore di trattative politiche e di lavoro per scrivere in fretta un decreto complesso e di notevole portata come quello presentato, si possa concedere il beneficio del dubbio a chiunque. Non penso che il Presidente del Consiglio volesse sottovalutare l’aspetto culturale del comparto musica-tetro-cinema italiano.

E soprattutto penso che il ministro Franceschini sappia bene le problematiche del settore. Come sempre, e più di tutti, il problema in certe conferenze stampa, da due mesi a questa parte, è la COMUNICAZIONE, che in alcuni frangenti ha lasciato molto a desiderare.

Ma tornado a monte, nel decreto effettivamente non ci sono grandi mezzi a sostegno dell’editoria e della discografia italiana (lo Stato aiuta il settore concedendo un aiuto a fondo perduto pari al 20% di quanto si è fatturato nel mese di aprile 2019).

Ma è anche vero che la crisi discografica esiste da ben prima del coronavirus: nasce dall’inizio della “musica liquida”; nasce dai tempi di Napster, nasce dalla mancanza di lungimiranza della discografia nel capire come la fruizione della musica stava cambiando; nasce dal momento in cui le case discografiche hanno totalmente ceduto a piattaforme come Spotify, e similari, la distribuzione della musica; nasce nel momento in cui i discografici (non tutti per fortuna) hanno smesso di fare il lavoro a cui erano stati destinati, ossia quello di scoprire, investire, seguire e coltivare artisti talentuosi; nasce nel momento esatto in cui la maggiorparte della discografia ha inspiegabilmente deciso di affidarsi ai talent televisivi per proporre “personaggi” a discapito di veri talenti che, intanto, erano in giro altrove e che, non avevano altro sbocco, hanno cominciato ad autoprodursi.

E potrei continuare per ore e ore a snocciolare e spiegare le colpe di un settore che oggi punta il dito verso chi ha sbagliato ad esprimersi in una conferenza stampa, senza poi guardarsi allo specchio e ammettere anche le proprie di colpe, lunghe decenni e decenni.

Forse è ora che tutto il settore discografico si “ristrutturi” e studi idee nuove e coraggiose per tirarsi fuori da un tunnel che dura da troppi troppi anni. E’ ora di tornare per strada a scovare vera arte e talento… e poi proponga idee valide al Ministero preposto e al Governo, perchè i decreti possono essere anche migliorati prima di passare al vaglio del Parlamento.
E’ finita l’ora di piangersi addosso, ora c’è bisogno di risorgere dalle proprie ceneri prodotte da una lunga, inesorabile e triste autocombustione.

Latest Posts

“Edipo: io contagio”, il teatro diventa mostra al Palazzo Ducale di Genova

Il progetto "Edipo: io contagio", è nato per riaffermare l’importanza della cultura teatrale in tempo di crisi e tutelare l’occupazione di attori e maestranze

Elton John: esce un cofanetto di rarità e inediti, “Jewel Box”

Elton John ha pubblicato uno "Scrigno dei tesori", un mega box dal titolo "Jewel Box", un progetto rivolto per lo più ai collezionisti

Diodato: docu serie “Storie di un’altra estate” su RaiPlay – Nuovo singolo “Fino a farci scomparire”

Diodato esce con la docu-serie "Storie di un'altra estate" in onda su RaiPlay dal 29 novembre. Esce anche il singolo "Fino a farci scomparire"

Achille Lauro: fuori un altro nuovo album, “1920” – Celebrati gli anni ’20 con l’orchestra

Celebrati gli anni '20 nell'album con orchestra Achille Lauro: 1920 - ACHILLE LAURO & THE UNTOUCHABLE BAND, in uscita il 4 dicembre

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.