22 C
Milano
mercoledì, Settembre 23, 2020

COME CAMBIERA’ L’ESTETICA DELLO SPETTACOLO LIVE

Roberto Manfredi parla della sua esperienza da regista del primo live olografico italiano, “Il Brigante”, prodotto Mauro Paoluzzi

Ultimi post

Madonna lavora su un film biografico di cui sarà regista

Madonna annuncia l’uscita del suo film biografico di cui sarà regista, scritto assieme a Diablo Cody. . Il Daily Mirror rende noto che la regina del...

LA SOCIAL FOBIA DELLE EMOZIONI

Le emozioni di Manuel Agnelli sotto accusa sui social perchè si è commosso mentre ascoltava una ragazza che eseguiva “A Case of You” di Joni Mitchell

ACHILLE LAURO: FUORI LO SCONVOLGENTE VIDEO DI “MALEDUCATA”

Atmosfere da Rocky Horror Picture Show nello sconvolgente Video "Maleducata", nuovo singolo di Achille Lauro

Loredana Bertè: i 70 anni festeggiati con ristampe durante l’arco di un anno

Loredana Bertè festeggia i 70 anni con “70Bertè - Vinyl collection”, una ristampa in vinile di 5 album in edizione limitata

Guccini e il suo regalo alle nuove generazioni con “Note di viaggio” – RECENSIONE

Voto Autore

Francesco Guccini aveva detto volersi ritirare, dall’alto dei suoi ottant’anni di età e di una produzione di qualche centinaio di canzoni, spalmata in una carriera lunghissima.

Si è palesato però il desiderio di riproporre alcuni brani in veste differente, soprattutto con interpretazioni diverse e nuovi arrangiamenti; la figlia Teresa ha dichiarato di sperare che con questa operazione il padre sia ancora più apprezzato dalle nuove generazioni e soprattutto non dimenticato.

Produttore e arrangiatore è Mauro Pagani, una garanzia quando si tratta di lavori di qualità, e il risultato è da par suo. Il compito era molto pesante, praticamente una sovrapposizione di quelle tante responsabilità che già da singole costituiscono un arduo impegno per il produttore-arrangiatore: innanzitutto il problema di trovare la canzone adatta per l’interprete adatto, poi quello di arrangiare in modo che il brano ne esca valorizzato e rivitalizzato, facendo ovviamente in modo che anche il cantante faccia la sua figura.

guccini

Inoltre con Guccini c’è il testo da far sentire e seguire, parole di peso specifico enorme, ma senza apparire declamatori o solenni.

Tutti i cantautori presenti appaiono nel proprio elemento, a partire dallo stesso Guccini, che in apertura ci offre una emozionante “Natale a Pavana”: commovente.

“Incontro” in versione Ligabue scorre evocativa come un paesaggio visto dal finestrino della macchina, come del resto tanti brani dell’indiano di Correggio; bella prova anche quella di Brunori su “Vorrei”, molto equilibrata e gradevole in un’atmosfera che in realtà ricorda un po’ De Gregori, mentre inaspettatamente anche Gabbani vende cara la pelle in “Quattro stracci”: viene da pensare che la performance sopra le righe in quel di Sanremo gli abbia dato popolarità e forse qualche lira, ma che il suo mondo artistico sia un altro, ben più corposo.

“Osterie fuori porta” propone un abbinamento forse imprudente, risolto in un confronto involontario tra Bersani e Carboni che appare abbastanza sbilanciato a favore del primo, anche se forse è solo questione di gusti personali. Samuele in ogni caso si riconferma un artista di grande spessore, anche in questa veste di interprete.

guccini

Sicuramente è questione di gusti personali che anche le versioni di “Auschwitz”, “Noi non ci saremo” e “Tango per due” non appaiano memorabili e che in generale sembri che i maschietti siano più a proprio agio rispetto alle femminucce, ad ogni buon conto ci pensa Carmen Consoli a sparigliare: la versione di “Scirocco” è veramente bellissima, il brano, l’interpretazione e l’arrangiamento costituiscono il punto più alto dell’intero CD. Combatte degnamente la versione di “Canzone quasi d’amore” di Malika Ayane, bell’arrangiamento con archi e chitarra in evidenza e la nostra che canta con personalità, interpretazione e rispetto.

Bella l’atmosfera minimalista di “Stelle”, giusto il mood di Giuliano Sangiorgi e per una volta la batteria palesemente finta è perfetta.

Infine in chiusura la versione di “L’avvelenata” con clavicembalo e ritmica rock è una ulteriore dimostrazione della maestria di Mauro Pagani, sia oggettivamente che riguardo all’improbo compito di cui sopra: Manuel Agnelli e il brano sono valorizzati in modo egregio, e il maestro si toglie lo sfizio di duettare con l’ex Afterhours.

Un bel disco, degno tributo ad un grande del cantautorato italiano, da riascoltare magari davanti al camino, in attesa della seconda puntata che è già in lavorazione.

guccini
Crediti del FotoMontaggio Immagini ©FareMusic – FMD Copyright

TRACKLIST “Note di viaggio” cap.1 – Francesco Guccini

01. Natale A Pavana 
02. Auschwitz 
03. Incontro 
04. Scirocco 
05. Stelle 
06. Tango Per Due 
07. Vorrei 
08. Canzone Quasi D’amore 
09. Quattro Stracci 
10. Canzone Delle Osterie Di Fuori Porta 
11. Noi Non Ci Saremo 
12. L’avvelenata

Latest Posts

Madonna lavora su un film biografico di cui sarà regista

Madonna annuncia l’uscita del suo film biografico di cui sarà regista, scritto assieme a Diablo Cody. . Il Daily Mirror rende noto che la regina del...

LA SOCIAL FOBIA DELLE EMOZIONI

Le emozioni di Manuel Agnelli sotto accusa sui social perchè si è commosso mentre ascoltava una ragazza che eseguiva “A Case of You” di Joni Mitchell

ACHILLE LAURO: FUORI LO SCONVOLGENTE VIDEO DI “MALEDUCATA”

Atmosfere da Rocky Horror Picture Show nello sconvolgente Video "Maleducata", nuovo singolo di Achille Lauro

Loredana Bertè: i 70 anni festeggiati con ristampe durante l’arco di un anno

Loredana Bertè festeggia i 70 anni con “70Bertè - Vinyl collection”, una ristampa in vinile di 5 album in edizione limitata

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.