6.6 C
Milano
martedì, Dicembre 1, 2020

JANE BIRKIN: A DICEMBRE ESCE L’ALBUM DELLA CANTANTE, ATTRICE E ICONA

JANE BIRKIN pubblicherà il suo album "OH! PARDON TU DORMAIS ...", in parte un adattamento musicale dello spettacolo teatrale omonimo scritto dalla Birkin negli anni '90

Ultimi post

Ghali in concerto con Nest Virtual Stage, una music experience interattiva di Google

Ghali protagonista di Nest Virtual Stage, una music experience interattiva realizzata da Google per portare la musica direttamente a casa delle persone grazie a Nest Audio, il nuovo smartspeaker di Google.

ENZO GRAGNANIELLO: FUORI IL NUOVO SINGOLO “FA CALDO” – VIDEO

Uscito “Fa caldo”, il nuovo singolo di Enzo Gragnaniello. In contemporanea è stato pubblicato anche il video del brano

GIANNA NANNINI AL WORLD PROTECTION FORUM™ PROMUOVE L’IMPORTANZA DI PROTEGGERE E VALORIZZARE LA MUSICA ITALIANA 

GIANNA NANNINI è intervenuta al World Protection Forum™ per promuovere l'importanza di proteggere e valorizzare la musica italiana

David Gilmour: fuori in edizione limitata “Yes, I Have Ghosts”, il nuovo singolo

Per il Record Store Day Black Friday, è disponibile l'edizione limitata in vinile di "Yes, I Have Ghosts", il nuovo singolo di DAVID GILMOUR

La dura legge del “sorcino” -E questa sera “Arenà: Renato Zero si racconta”, su Rai 1

Voto Autore

di Giò Allegri & Mela Giannini

E lui scrive sulla sua pagina di facebook:
…di questi tempi riesco a tenere il passo con i cambiamenti…

Imperdibile questa sera, per i “sorcini” di tutte le età e non solo, lo spazio che la rete ammiraglia RAI UNO, a partire dalle ore 20:35, concederà al grande artista romano, Renato Zero.

Arenà” è il titolo della trasmissione – che sarà un insieme di conversazioni e canzoni -, ed è un gioco di parole perfetto tra il grande Artista che si esibisce in una ARENA e un modo di chiamare se stesso e il suo  nome in “romanaccio”: a Renà. La trasmissione, in se, è un rimando ai tre fortunatissimi concerti di giugno scorso che l’artista ha tenuto presso l’Arena di Verona.

Io, la Giò “sorcina”, lo guarderò, lo registrerò e poi, già lo so, lo rivedrò altre 1000 volte…guarderò lui, il suo affascinante accento romanesco, a lui tanto caro, guarderò l’immenso artista che tutto di se ha dato alla musica e al suo pubblico in decenni di carriera, così come ha fatto quelle sere di giugno in Arena, a Verona, cantando il suo stupendo repertorio per 36 mila persone. Ascolterò anche il suo ultimo lavoro discografico, “ALT”, presentato anche questo live, per la prima volta, nei tre concerti Veronesi.

Guarderò lui, così imponente sul palco, fiero come sempre, provocatore ed implacabile osservatore di ogni sfaccettatura dell’attuale nostro vivere quotidiano, lui che attraverso la sua unicità e anticonformismo, denuncia, dice, parla, canta…e lo fa senza ipocrisie.
Sul palco dell’Arena Renato è accompagnato dalla sua band, dall’Orchestra Filarmonica della Francia corta diretta dal maestro Renato Serio e dai Neri Per Caso.

Comunque sono ben conscia che nessuna trasmissione TV riesce a donare l’atmosfera che si respira in un concerto di Renato, anche perchè, quella particolare alchimia che viene a generarsi altri non è che la perfetta sinergia tra l’immensità artistica di un uomo come Renato Zero e l’essenza magica insita nel pubblico dello stesso, i tanto famigerati “sorcini“…e spiegare  la fenomenologia dei fans di Renato non è cosa semplice, non si riassume, come lo stesso Renato non può essere riassunto…e certamente non cercherò di farlo neanche qui, tra queste righe.

Dal primo singolo, del 1967 ad oggi, di lui si contano decine di produzioni musicali, primati nelle classifiche, centinaia di date di concerti, alcune trasmissioni televisive, qualche esperienza nell’ambito cinematografico, ed un numero incalcolabile di fedelissimi sostenitori. Lui li “battezzò” con il nome “SORCINI”, perchè, all’epoca, veniva inseguito, per le vie di Roma, da gruppi di giovanissimi, in motorino.

Quei sorcini oggi viaggiano per la sessantina d’anni, ma, nel tempo, sono stati affiancati da altre generazioni, fino a rendere il pubblico di Zero uno fra i più colorati e folli (dalle parole, che lui ha usato per descrivere se stesso, in un suo pezzo ) che si conosca.

Uno spettacolo di Renato si contraddistingue per la spasmodica attesa che inizia all’uscita della comunicazione delle date, poi quasi tutte regolarmente sold-out, e seguite, quasi sempre, da aggiunte di tappe, per la grande richiesta di biglietti che ogni volta un suo tour scaturisce.

Il fan perfetto, quello della prima ora, è organizzatissimo: non indugia, si tuffa sulla prevendita ed aspetta il giorno. Fino ad allora  si può parlare di normale pre-concerto, come per qualunque tour, di qualunque artista. Poi, anche se lo specchio rimanda i molti anni trascorsi, il fan di Renato inizia la preparazione/trasformazione. Lo spettacolo, da anni, viene preceduto da urlati countdown, da dieci a Zero, per l’appunto: è sempre così e sempre così sarà.

$_35

Lì, il ragioniere, l’impiegato, il chiunque,ri-diventano immediatamente sorcini, in una trasfigurazione allegra e coinvolgente, che trascina lo show in un’iperbole di abbracci, fino al consueto saluto di Renatone, “non dimenticatemi,eh!”.
C’è calore, tantissimo! Gioia, scambi di emozioni, commozioni, coralità.

Anni fa, ad un concerto di Renato, parlai con gli addetti alla sicurezza dello stadio San Siro, a Milano. Mi raccontarono, stupiti, che quello spettacolo era stato unico, per il carnevale di persone in festa, mai smodate, mai problematiche, come a volte avviene per altri concerti grandiosi e con simili numeri di spettatori.

Quanto tempo: rivedo me stessa giovanissima, sotto al tendone da circo negli anni ’70, in cui Renato tenne uno dei suoi primi trionfali tour; mi rivedo nei palazzetti, allo stadio, in ogni luogo in cui lui mi aspettava. Eh sì: perché il sorcino aspetta Renato, ma anche Renato aspetta i suoi sorcini, la cosa è davvero reciproca! Si sa, diamine, ma è impossibile, lo so, spiegare meglio. E’ fede, in senso lato. Come avviene per alcuni sport, per le passioni viscerali.

Quindi, stringendo il mio biglietto per novembre, mi dispongo all’attesa con tranquillità. Ma, in quel giorno, tirerò fuori la mia maglia totem, quella con i versi  “scomodo, sì, perché non so tacere mai “,  che, ovviamente, parlano per me e soltanto per me…

Lascerò a casa la mia composta freddezza: la porto con me tutto il tempo, ma quella sera, al momento giusto, non mi servirà più. Diventerò folle, colorata ed urlante, in mezzo a migliaia di altri folli, colorati e urlanti. Chi mi accompagna  penserà di avere accanto un’altra persona, ma fortunatamente sa che non c’è da preoccuparsi.

La dura legge del sorcino impone implicitamente il fatto che non smetti mai di essere sorcino. Per quanto tu faccia, non c’è verso, alla fine cedi alla magia dello spettacolo, ti trasformi alla velocità di Brachetti, e in men che non si dica diventi un sorcino di 15 anni, che ritornerà a casa con la laringite ed un sorriso stampato per ore.

Il sorcino c’è sempre stato. Quando i vestiti sgargianti di Renato offuscavano il suo talento, per scandalizzare i benpensanti, lui, il sorcino, c’era. C’era quando Renato pensava al ritiro, nei suoi momenti bui, e quando si staccò da una major (precursore sempre lui!) per creare un’etichetta indipendente. C’era  quando minacciò di scrivere una Messa, ed il sorcino avrebbe applaudito anche quella. C’era, ed è, quando Renato si lancia in sermoni inconclusi, ma ricchi di idee e  pensieri. Il sorcino conosce i veri pezzi belli di Renato e, con sufficienza mal nascosta, sopporta i titoli “popolari”, purtroppo must di ogni medley.

sorcini-doc-photo-andrea-arriga-806408

Il sorcino sa riconoscere che, la penna di Zero, sempre ispirata, negli ultimi album si avvale di qualche concetto ripetuto, ma questo non gli toglie grandezza. Il vero sorcino sa che la pigrizia di Renato lo tiene lontano per tre/quattro anni, fra una produzione discografica e l’altra, ma lui, in paziente sorcino, si siede pregustando il nuovo tour che verrà. E soprattutto gode, perché ricorda i tempi in cui doveva lottare con padre e madre per andare al concerto, ma poi, alla fine, ha accompagnato padre e madre ad applaudire uno dei più grandi istrioni del mondo dello spettacolo.

Ed oggi che Renatone ha un’età, una certa pancetta, look da agente immobiliare e un po’ di doppio mento, per antonomasia anche i suoi sorcini gli assomigliano.
Ora avete capito cosa è un sorcino?

Magari, nell’attesa che i profani tentino di capire questa particolare “fenomenologia sorciniana”, io inizierò a tirare fuori la mia maglia totem, così, tanto per guardarla…visto che le nuove date del “ALT IN TOUR” sono vicine.

Ora, tanto per ragguagliare, in modo serio e ufficiale, le date del tour in corso di Renatone, segnatevi il calendario aggiornato, con location annesse:

14355525_1288886024457081_749885283053755446_n

ALT IN TOUR:

24 Novembre 2016 Bologna
25 Novembre 2016 Bologna
28 Novembre 2016 Torino
30 Novembre 2016 Torino
03 Dicembre 2016 Pesaro
06 Dicembre 2016 Roma
07 Dicembre 2016 Roma
09 Dicembre 2016 Roma
10 Dicembre 2016 Roma
13 Dicembre 2016 Roma
14 Dicembre 2016 Roma
16 Dicembre 2016 Firenze
17 Dicembre 2016 Firenze
19 Dicembre 2016 Firenze
20 Dicembre 2016 Firenze
22 Dicembre 2016 Padova
23 Dicembre 2016 Padova
06 Gennaio 2017 Milano
07 Gennaio 2017 Milano
09 Gennaio 2017 Milano
14 Gennaio 2017 Livorno
15 Gennaio 2017 Livorno

i-sorcini-di-roma-photo-andrea-arriga-806306_tn

Riportiamo di seguito il comunicato stampa ufficiale relativo all’ALT IN TOUR:

ALT IN TOUR 2016-2017
Sold out i concerti del 6, 7, 9 e 10 dicembre a Roma, del 16, 17 e 19 a Firenze e del 14 gennaio a Livorno.

A GRANDE RICHIESTA SI AGGIUNGONO 4 NUOVI CONCERTI!
13 E 14 dicembre a Roma, 20 dicembre a Firenze, 15 gennaio a Livorno.

Da martedì 20 settembre, alle ore 11.00, biglietti disponibili in prevendita per le nuove date.

A grande richiesta, dopo i sold out di Roma, Firenze e Livorno, “Alt in tour”, con cui l’artista porterà il suo ultimo disco “Alt” nei più importanti palasport d’Italia, si arricchisce di 4 nuovi appuntamenti dal vivo. Diventano così sei i live che lo vedranno protagonista indiscusso nella sua Roma, quattro saranno invece le date nella splendida Firenze e raddoppia anche il concerto di Livorno!

Le prevendite per le nuove date saranno disponibili a partire da martedì 20 settembre alle ore 11.00 su ticketone.it e nei circuiti di vendita e prevendite abituali.

RTL 102.5 è la radio media partner ufficiale di “Alt in tour”.

Latest Posts

Ghali in concerto con Nest Virtual Stage, una music experience interattiva di Google

Ghali protagonista di Nest Virtual Stage, una music experience interattiva realizzata da Google per portare la musica direttamente a casa delle persone grazie a Nest Audio, il nuovo smartspeaker di Google.

ENZO GRAGNANIELLO: FUORI IL NUOVO SINGOLO “FA CALDO” – VIDEO

Uscito “Fa caldo”, il nuovo singolo di Enzo Gragnaniello. In contemporanea è stato pubblicato anche il video del brano

GIANNA NANNINI AL WORLD PROTECTION FORUM™ PROMUOVE L’IMPORTANZA DI PROTEGGERE E VALORIZZARE LA MUSICA ITALIANA 

GIANNA NANNINI è intervenuta al World Protection Forum™ per promuovere l'importanza di proteggere e valorizzare la musica italiana

David Gilmour: fuori in edizione limitata “Yes, I Have Ghosts”, il nuovo singolo

Per il Record Store Day Black Friday, è disponibile l'edizione limitata in vinile di "Yes, I Have Ghosts", il nuovo singolo di DAVID GILMOUR

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.