Home "Il Tasso del Miele" di Michele Monina Lettera aperta al Premio Tenco su Chiara Dello Iacovo

Lettera aperta al Premio Tenco su Chiara Dello Iacovo

2260
0
SHARE
Voto Autore

di Michele Monina

Lo confesso, nei confronti del Premio Tenco ho sentimenti contrastanti. Non siamo partiti bene, a volerla dire tutta, e abbiamo forse proseguito anche peggio. Da che ho ripreso a scrivere ho avuto il piacere di occuparmi del Premio Tenco riguardo la candidatura come miglior album di Brunori SaS, un paio di anni fa. In quell’occasione non ho speso parole bellissime, si è creato dibattito. Da quella mia presa di posizione piuttosto critica è nato l’invito a entrare a far parte dei giurati, di quel gruppo di critici musicali chiamati a votare i brani selezionati per le fasi finali. Questo l’anno scorso. Anche in quell’occasione la faccenda non è andata via liscia. Quelli che erano gli album che avrei votato non erano presenti tra i finalisti, l’ho dichiarato pubblicamente, ho anche pubblicamente fatto sapere chi avrei votato, poi qualcosa è andato storto e colui che avevo scelto, Filippo Andreani, proprio per quel mio voto mancante non ha vinto. Insomma, una catastrofe.

Bene. Domenica scadono i termini per candidare un album o un artista al Premio Tenco. Non so esattamente come funziona, perché da giurato mi sono trovato l’anno scorso un elenco di nomi di album, canzoni e artisti in un foglio excell. Se però è possibile che sia un critico musicale a indicare un album in una delle categorie, beh, sappiate che è quello che sto per fare. Sì, amici del Premio Tenco, colleghi, insomma, ci siamo capiti. È a voi che mi rivolgo. Queste mie strampalate parole son qui per invitarvi a accogliere nell’elenco dei partecipanti nella categoria Miglior Album d’Esordio e anche Miglior Album in Assoluto Appena sveglia di Chiara Dello Iacovo. Sapete che nell’ultimo paio di anni, diciamo da quando ho ripreso a occuparmi di musica su quotidiani e magazine, mi sono un pochettino messo in evidenza per la veemenza con cui mi sono applicato a smontare il sistema musicale, voi compresi, e per certe mie stroncature. Non dico niente di nuovo, tra addetti ai lavori se n’è parlato anche troppo, credo. Bene, a fianco di queste mie stroncature, anche questo non è un segreto, hanno trovato asilo anche pezzi in cui mi sono prodigato a tessere le lodi di giovani artisti che giudico particolarmente interessanti. Tra questi Chiara Dello Iacovo è una delle più interessanti, e il suo album d’esordio mi sembra una delle opere più significative apparse negli ultimi tempi. Di più, se l’album in questione finisse in una delle due categorie o, come auspico, in entrambe, è quello l’album che voterei, perché tale lo ritengo, il miglior esordio e il miglior album in assoluto. Sono enfatico? Può essere, ma ritengo che sia enfasi ben riposta, questa.

Quindi, amici del Premio Tenco, se potete accogliete questo mio invito. Poi non preoccupatevi, troverò comunque il modo di rompervi le palle come ho sempre fatto, ma almeno un bel lavoro avrà modo di essere ulteriormente messo in evidenza.

Cordialmente vostro, Michele Monina

Commento su Faremusic.it