20.8 C
Milano
venerdì, Giugno 5, 2020

La REPUBBLICA delle banane – L’addio di Lerner, Corrias, Deaglio e forse Saviano, Serra e Mauro

Da quando John Elkann è Presidente del gruppo Gedi, molte firme eccellenti del giornalismo italiano hanno lasciato La Repubblica

Ultimi post

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

Wanna Marchi torna in tv e: “Ora parla LEI”!

Voto Autore

di Alessandra M. Segneri

E’ ufficiale, Wanna Marchi sta per tornare in tv con un programma del quale sappiamo solo che non venderà nulla. Ciò accadrà Lunedì 16 Novembre, si chiamerò “ORA PARLO IO“, alle ore 18.00 sul Canale 165 del Digitale terrestre, Canale 845 Sky.

Questa notizia è stata commentata parecchio sui vari social e ha “scandalizzato” tante anime pie che dall’alto del loro candore hanno ritenuto inconcepibile che la signora Marchi possa utilizzare nuovamente il mezzo televisivo per comunicare con il mondo, nonostante abbia pagato i suoi debiti con la giustizia.

E’ importante ricordare che la Marchi ha scontato quattro anni e mezzo per “associazione per delinquere, truffa e bancarotta”, ovvero reati contro il patrimonio (non aggressione, minacce, lesioni, ecc…), ma per molti opinionisti del web il reato è quello di “maghitudine” e “imbroglia vecchine”, reati per i quali, sempre secondo i sopraccitati opinionisti di internet, avrebbe dovuto scontare un ergastolo con resurrezione e successivo secondo ergastolo.

Il problema del processo mediatico è che mancano sempre elementi importanti al fine di perfezionare un’opinione. Ad esempio: la famosa signora Fosca che abbiamo conosciuto tramite il servizio di Striscia la Notizia, la quale veniva minacciata da Stefania Nobile, figlia di Wanna Marchi, di ricevere “malevoli influssi magici” (non percosse o bombe sotto l’auto) non era un campione significativo dei clienti della Marchi e comunque, se fosse stata ricca come Ivana Trump starebbe ancora lì a farsi fare gli amuleti.

E’ vero, Wanna e Stefania proponevano in maniera convincente, essendo ottime comunicatrici, l’acquisto di numeri e portafortuna costosissimi di “preziosa” fattura, firmati addirittura da “Maestro di Vita Do Nascimiento” (capito? Mica Mario Rossi!). Ma voi che state ridendo leggendo queste righe e fingete di indignarvi perché la nonnina ci cascava e spendeva tutta la pensione per comprare l’amuleto per i nipotini, dovete sapere che la maggior parte degli utenti erano giovani adulti in cerca di consulti e filtri d’amore. E certo! Pensavate che i maghi fossero roba da vecchine che confezionano maglioni ai ferri davanti alla tv?

Vi propongo un interessante dossier de “L’ESPRESSO” (Titolo:La crisi ingrassa maghi e cartomanti: 13 milioni di Italiani si affidano all’occulto- PER LEGGERE —>QUI) sul tema che vi mostrerà una nonnina molto più giovane e avvezza all’utilizzo di internet di quanto non pensiate.

I reati ascritti a Wanna Marchi riguardano solo reati contro il patrimonio (così come può si LEGGERE—>QUI ) e non “maghità aggravata da futili “filtri”, e vi ricordo che tuttora in tv ci sono persone che promettono di svelarvi il futuro leggendo gli astri e persino le vostre mani. Questi individui entrano nelle vostre case attraverso trasmissioni molto seguite che addirittura si occupano di cronaca e si avvalgono di testate giornalistiche che ne dovrebbero attestare la serietà. Parliamo di Ada Alberti, ovvero “Adina” di Barbara D’urso, ma anche Paolo Fox o Solange che legge la mano ai vip.

Voi direte: “lo fanno gratis in tv”. Io vi rispondo: lo fanno gratis in tv e nella loro speciale vetrina su Mediaset e in Rai, così come Wanna Marchi vi intratteneva gratuitamente, ma su una piccola emittente del centro Italia e nessuno era obbligato a comprare nulla. Vi siete mai chiesti quanto costa un consulto da Solange nel suo studio piemontese? E come funziona? Il mago Fox vi predice la verità e Do Nascimiento no? Il giornalino di Fox vi costa un euro a settimana, chissà da quanti anni lo acquistate, mentre l’amuleto del maestro brasiliano era capace di costarvi 100 Euro e non a rate, comprendo lo scandalo. C’era offerta perché tuttora c’è molta domanda.

Dunque, scandalizzatevi pure se Wanna Marchi decide di fare ciò che ha dimostrato di saper fare benissimo: comunicare e divertire in tv e abbiate paura, sì, MA DI VOI STESSI se vi si può indurre a sottoscrivere costosi servizi in abbonamento per ricevere ogni giorno sul telefonino l’oroscopo di Branko (ECCOLO—>QUI), del resto è lui sì che è un mago autorevole: è ospite fisso nel capodanno di Rai1!

Latest Posts

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.