Home Le pillole di A. Salerno Dedicato al “nostro” Michele Monina

Dedicato al “nostro” Michele Monina

3570
2
SHARE
Voto Autore

di Alberto Salerno

Michele sembra essere diventato l’unico fustigatore di costumi cantarecci della musica italiana.
Un mostro di cattiveria, così la pensa chi lo attacca in continuazione sui vari social. Che piaccia o no, lui si occupa di musica, scrive di musica, insomma fa il critico musicale.

Già di per sé il termine “critico” può stare sulle palle a molti, ma ohibò! I critici non sono nati con Michele, ci sono sempre stati da che mondo è mondo, ma adesso pare che non si possa più neppure osare criticare un lavoro, un disco, una semplice esibizione dal vivo. Ma vogliamo dimenticarci allora della schiera di giornalisti musicali che negli anni ottanta arrivavano a Sanremo per bombardare, quasi sempre, senza pietà le canzoni del Festival?

Forse bisognerebbe anche accettare le critiche con un sorriso, pensando che ognuno fa il suo mestiere. Non ti piaccio? Amen, me ne farò una ragione, risponderei io.

Vi voglio solo fare un esempio che mi toccò da vicino nel 1985. Avevo Zucchero che partecipava con “Donne“, e Cesare Romana, grandissimo giornalista e critico feroce, che amava solo Fabrizio De Andrè, scrisse sul giornale una frase fantastica, per il quale andai a fargli personalmente i complimenti: Donne – Zucchero: Il meglio del peggio. Ahahahah, ma non è una critica fantastica?

Mi ricordo anche di un altro episodio che riguardò i Pooh, e sempre Cesare Romana che a ogni festival li massacrava. Il loro produttore di allora, Giancarlo Lucariello, decise di avvicinare Romana e gli chiese: “Senta, le chiedo un favore. Invece di continuare a denigrare i ragazzi, può ignorarli, evitare di scrivere proprio?“. Anche Cesare aveva un cuore, e da allora non scrisse più neppure una riga su di loro. Ne avrei altri di aneddoti, su Fegiz, Castaldo, Venegoni & Co, ma me li tengo per una prossima puntata.

Commento su Faremusic.it

2 COMMENTS

  1. Sulla forma infatti si può discutere, forse può pungere più una punta di fioretto che una sciabolata, ma Michele ha questo mood…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here