Home Società e Cultura Fazio e la terza figuraccia internazionale

Fazio e la terza figuraccia internazionale

212227
1
SHARE
Voto Autore

di Giuseppe Santoro
Non so quale Noel Gallagher abbia conosciuto Fabio Fazio a Sanremo, nell’edizione del 2000 da lui presentata (gli Oasis erano i superospiti quell’anno).


Fatto sta che nei 5 minuti di intervista domenicale andata in onda su Raitre, per la rockstar britannica c’era ben poco da rispondere, in compenso però si avvertiva un evidente imbarazzo in studio. Le (non) domande erano abbozzate, di difficile interpretazione e l’unica più comprensibile, quella sulla differenza di scrittura quando si è solisti rispetto a quando si fa parte di un gruppo, è apparsa di una banalità sconcertante.

fazio-gallagher

Il presentatore più compunto della tv italiana, dovrebbe forse imparare a documentarsi maggiormente sugli ospiti durante la settimana, per evitare di chiamare il fratello di Noel, Laiam invece che Liam. Per altro, lo stesso errore lo fece qualche anno fa Simona Ventura, durante un’ospitata dei due fratelli di Manchester a “Quelli che il calcio”, a riprova del lavoro certe volte penoso che fanno gli autori di questi programmi Rai.

Fazio, viene da una serie di scivoloni con altri grandi artisti di fama mondiale che ha avuto il privilegio di intervistare in quest’ultima edizione del programma. Nell’Ottobre scorso, Bono Vox non era sembrato particolarmente contento della partecipazione a “Che tempo che fa”, arrivando a chiamare il conduttore Mr.Valium.

L’ otto marzo invece, per la festa della donna, è stata invitata la popstar femminile per eccellenza, Madonna. Il comportamento di Fazio è stato fin troppo adulatorio: ha regalato delle mimose a Madonna, non sapendo il suo odio per quei fiori e ha interrotto più volte la diva che ad un certo punto ha affermato: “stai zitto, ora parlo io”. Il regalo floreale pare sia finito nella spazzatura subito dopo la registrazione.

D’altra parte però, anche il frontman inglese ex Oasis, non ha fatto una bellissima figura nella puntata di domenica scorsa, è infatti apparso molto infastidito dall’auricolare e di conseguenza non riusciva a seguire il filo logico (ammesso che ce ne fosse uno) delle domande.

Noel, in un post su Facebook successivo alla trasmissione, ha dichiarato di aver vissuto l’intervista da Fazio come una “fottuta sofferenza”, però, per sua stessa ammissione, la notte prima aveva fatto molto tardi con sua moglie e probabilmente i postumi lo avevano colpito sul palco di Raitre.

Insomma, povero Fabio Fazio, che non parlando una parola di inglese, nelle ultime interviste internazionali è sembrato davvero impacciato e ha fatto quasi tenerezza vederlo così in difficoltà.
Quante altre figuracce dobbiamo aspettarci?

SHARE
Previous articleTUTTI I PREMI ALLA CARRIERA DEL FIM 2015
Next articleChanty – In estate il disco
Giuseppe Santoro
Ricco, bello, dolce e simpatico nella vita precedente. In questa invece, nasco a Lecce il 18 luglio del 1989 da una famiglia di professori. Mia madre insegna Lettere in una Scuola Media di provincia e mio padre, adesso pensionato, era insegnante di Educazione Fisica. Dopo il diploma commerciale ho lavorato come impiegato in un Centro di Medicina Nucleare per un anno e mezzo, ma purtroppo in seguito ai tagli alla sanità pugliese, all’inizio del 2011 mi sono ritrovato disoccupato. Nel 2013 ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione e adesso frequento la facoltà Magistrale di Lettere Moderne. Importante è stata per la mia formazione professionale, l’esperienza come responsabile comunicazione e social per il sito Cometiveste.it, di cui sono il fondatore con altri due ragazzi. Canto in una band da due anni e adesso ci stiamo dedicando anche allo sviluppo di alcuni progetti inediti. Ho sempre scritto testi musicali, poesie, ma anche saggi brevi sugli argomenti più disparati e nei miei articoli mi piace osservare la società con occhio critico. Oltre a un’ ipotetica carriera nell’ambito dell’insegnamento, molto difficile visti i tempi che corrono, mi piacerebbe continuare a dedicarmi alla critica musicale e sociale. Non amo molto dire cose ovvie e in generale, non mi piace stare dalla parte del più forte. Da un po’ di tempo collaboro con questo blog che credo stia diventando un punto di riferimento importante per chi ama la musica e i suoi retroscena. Spero di essere all’altezza del compito e poter interessare i lettori a quelle che sono le mie idee e i miei pensieri.

Commento su Faremusic.it

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here