16.5 C
Milano
giovedì, Giugno 4, 2020

La REPUBBLICA delle banane – L’addio di Lerner, Corrias, Deaglio e forse Saviano, Serra e Mauro

Da quando John Elkann è Presidente del gruppo Gedi, molte firme eccellenti del giornalismo italiano hanno lasciato La Repubblica

Ultimi post

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

Quando Mogol canta Mogol – Il maestro ad AstiMusica

Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

523 milioni di dischi venduti in tutto il mondo. E su Mogol l’articolo si potrebbe chiudere qui, con questo dato strabiliante che ha fortemente segnato l’industria discografica degli ultimi 60 anni e l’immaginario emotivo di tutti coloro che quei dischi li hanno comprati, stra suonati e consumati.

Mogol è il poeta della nostra vita musicale.

Un poeta libero, scevro da ogni condizionamento nella sua scrittura, un narratore di vita vissuta: quello il suo segreto, ci svela nella serata dal titolo fortemente evocativo “Mogol, L’Unesco e il Monferrato“, in apertura della manifestazione musicale AstiMusica (leggi articolo) di quest’anno.

La gente –  lui dice – ha bisogno di emozionarsi alle cose veri, di racconti in cui ritrovare le proprie avventure, gli amori, i dispiaceri, la bontà delle cose semplici e anche le difficoltà della quotidianità“.

C’è che Mogol, però, ha un modo unico di raccontarti la vita, come forse solo Lucio Dalla è riuscito a fare: “continuai a camminare lasciandoti attrice di ieri“ della sua “I Giardini di Marzo” o tutto il meraviglioso testo di “Amarsi un po’“ o ancora “Io non so parlar d’amore, l’emozione non ha voce”, solo per citarne alcuni della sua immensa produzione, sono perle stilistiche e letterarie.

C’è la sua vita, la sua infanzia, ci sono i suoi ricordi nei testi delle canzoni: “Nessun dolore“ e “Prendila così”, per esempio, sono state scritte perché lui, in quel periodo storico, era veramente stato lasciato da una donna e ne descrive i tormenti e le difficili decisioni.

Questa la differenza tra chi è un vero autore di canzoni e chi fa semplicemente il “paroliere”:

quest’ ultimo – secondo Mogol – si limita a fare una specie di settimana enigmistica con le parole, senza alcun sentimento“.

Le domande a lui rivolte durante la prima serata di AstiMusica, intervallate dalle sue canzoni suonate dalla band guidata da Ettore Diliberto delle Custodie Cautelari, con la voce di Mogol a fare da controcanto estemporaneo a quella solista, non sono bastate a raccontarci l’intero mondo dell’autore: troppe le curiosità da soddisfare e gli aneddoti da svelare di una vita intera e di una carriera sterminata e costellata di successi.

Mogol risponde ancora una volta alla domanda sul perché lui e Lucio Battisti venivano etichettati come “fascisti”:

Erano tempi in cui si ragionava e si scriveva  con la testa a sinistra e, se uscivi da questo modus operandi, venivi subito bollato come fascista o, peggio, qualunquista. Non ho mai sentito Lucio parlare di politica – ribadisce – e io ho sempre cercato di votare il meno peggio del momento“.

Anche sul talento ha le idee molto chiare (nella sua scuola di musica, il Cet-Centro Europeo Tuscolano, si sono diplomati 2800 allievi):

“Bisogna crescerlo e coltivarlo, studiare e continuare a farlo. Lucio Battisti conosceva ogni grande cantante, (padroneggiava la produzione dei Beatles a menadito, per esempio), si preparava, si informava”.

I talent televisivi sono solo spettacoli, non si possono definire scuole: “certi docenti meriterebbero di fare essi stessi gli allievi“, provoca Mogol.

Ma, aldilà delle parole, quello che preme a Mogol è veder cantare il pubblico presente e le sue canzoni senza tempo trascinano mani e voci in un coro di emozioni e di note cantate a squarciagola nella calda notte estiva.

“La canzone del sole” e “La compagnia” chiuderanno l’incontro con Mogol con la loro forza immaginifica e corale.

Latest Posts

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.