Home Musica Quando Mogol canta Mogol – Il maestro ad AstiMusica

Quando Mogol canta Mogol – Il maestro ad AstiMusica

“Mogol, L’Unesco e il Monferrato", in apertura della manifestazione musicale AstiMusica 2019. Il maestro si racconta, canta e risponde a domande sul palco

221
0
SHARE
mogol
Crediti Foto Brunella Vedani
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

523 milioni di dischi venduti in tutto il mondo. E su Mogol l’articolo si potrebbe chiudere qui, con questo dato strabiliante che ha fortemente segnato l’industria discografica degli ultimi 60 anni e l’immaginario emotivo di tutti coloro che quei dischi li hanno comprati, stra suonati e consumati.

Mogol è il poeta della nostra vita musicale.

Un poeta libero, scevro da ogni condizionamento nella sua scrittura, un narratore di vita vissuta: quello il suo segreto, ci svela nella serata dal titolo fortemente evocativo “Mogol, L’Unesco e il Monferrato“, in apertura della manifestazione musicale AstiMusica (leggi articolo) di quest’anno.

La gente –  lui dice – ha bisogno di emozionarsi alle cose veri, di racconti in cui ritrovare le proprie avventure, gli amori, i dispiaceri, la bontà delle cose semplici e anche le difficoltà della quotidianità“.

C’è che Mogol, però, ha un modo unico di raccontarti la vita, come forse solo Lucio Dalla è riuscito a fare: “continuai a camminare lasciandoti attrice di ieri“ della sua “I Giardini di Marzo” o tutto il meraviglioso testo di “Amarsi un po’“ o ancora “Io non so parlar d’amore, l’emozione non ha voce”, solo per citarne alcuni della sua immensa produzione, sono perle stilistiche e letterarie.

C’è la sua vita, la sua infanzia, ci sono i suoi ricordi nei testi delle canzoni: “Nessun dolore“ e “Prendila così”, per esempio, sono state scritte perché lui, in quel periodo storico, era veramente stato lasciato da una donna e ne descrive i tormenti e le difficili decisioni.

Questa la differenza tra chi è un vero autore di canzoni e chi fa semplicemente il “paroliere”:

quest’ ultimo – secondo Mogol – si limita a fare una specie di settimana enigmistica con le parole, senza alcun sentimento“.

Le domande a lui rivolte durante la prima serata di AstiMusica, intervallate dalle sue canzoni suonate dalla band guidata da Ettore Diliberto delle Custodie Cautelari, con la voce di Mogol a fare da controcanto estemporaneo a quella solista, non sono bastate a raccontarci l’intero mondo dell’autore: troppe le curiosità da soddisfare e gli aneddoti da svelare di una vita intera e di una carriera sterminata e costellata di successi.

Mogol risponde ancora una volta alla domanda sul perché lui e Lucio Battisti venivano etichettati come “fascisti”:

Erano tempi in cui si ragionava e si scriveva  con la testa a sinistra e, se uscivi da questo modus operandi, venivi subito bollato come fascista o, peggio, qualunquista. Non ho mai sentito Lucio parlare di politica – ribadisce – e io ho sempre cercato di votare il meno peggio del momento“.

Anche sul talento ha le idee molto chiare (nella sua scuola di musica, il Cet-Centro Europeo Tuscolano, si sono diplomati 2800 allievi):

“Bisogna crescerlo e coltivarlo, studiare e continuare a farlo. Lucio Battisti conosceva ogni grande cantante, (padroneggiava la produzione dei Beatles a menadito, per esempio), si preparava, si informava”.

I talent televisivi sono solo spettacoli, non si possono definire scuole: “certi docenti meriterebbero di fare essi stessi gli allievi“, provoca Mogol.

Ma, aldilà delle parole, quello che preme a Mogol è veder cantare il pubblico presente e le sue canzoni senza tempo trascinano mani e voci in un coro di emozioni e di note cantate a squarciagola nella calda notte estiva.

“La canzone del sole” e “La compagnia” chiuderanno l’incontro con Mogol con la loro forza immaginifica e corale.

Commento su Faremusic.it