21.6 C
Milano
mercoledì, Luglio 15, 2020

MARINA REI: esce il nuovo album di inediti “PER ESSERE FELICI”

“PER ESSERE FELICI” è il nuovo album di inediti di Marina Rei, che arriva a sei anni di distanza dal precedente lavoro “Pareidolia”

Ultimi post

IL CELEBRE PIANISTA LANG LANG REGISTRA LE MONUMENTALI VARIAZIONI GOLDBERG

Lang Lang ha realizzato un sogno che lo ha accompagnato per tutta la vita registrando il monumentale lavoro di Johann Sebastian Bach, le Variazioni Goldberg

Davide “BOOSTA” Dileo prosegue in tutta Italia il tour “BOOSTOLOGY”

Boosta è impegnato sui palchi di prestigiose location italiane con il tour in solo "Boostology", in cui presenta uno speciale concerto passeggiato

Il consumo di musica rap in Italia cresce del 40%, otto volte di più della media globale

Da “Rap Italia: Battle Royale” a “Plus Ultra”: Spotify presenta il restyling della più importante playlist hip hop italiana

Ligabue: morto Mario Zanni, barista di “Bar Mario” e “Certe notti”

Purtroppo il mitico Mario si è spento. Aveva 80 anni. Il suo bar era diventato famoso proprio grazie a delle canzoni di Ligabue

Achille Lauro presenta l’album 1969: “Mi sono fatto strada tra gli illusionisti. Il rock ‘n’ roll è il mio lifestyle”

Voto Utenti
[Total: 2 Average: 3]


Se in questa primavera 2019 c’è un album particolarmente atteso, soprattutto dopo la vetrina sanremese, è quello di Achille Lauro. Esce venerdì 12 aprile 1969, anticipato dal più che discusso Rolls Royce e dalla ballad C’est la vie, il disco arriva a circa un anno dal precedente Pour l’Amour e vede alla produzione il sodale Boss Doms affiancato da Fabrizio Ferraguzzo.

La presentazione è preceduta dall’ascolto dell’album, che nella sua sequenza di tracce suona vario e straniante, come è il personaggio Lauro, che in quanto a contaminazione e recupero di stilemi Anni Sessanta, Settanta e Ottanta ormai sta facendo scuola. Purtroppo o per fortuna.

Cita Jim Morrison e Easy Rider, i Beatles il Satyricon di Fellini, Rino Gaetano e Marylin Monroe. Insomma, non manca nulla delle icone di quegli anni. “Credo che gli Anni Sessanta e Settanta, al di là della musica, siano stati anni di grande cambiamento. Nel 1969, in particolare, c’è stato il primo allunaggio, ci sono stati Woodstock e il primo cuore artificiale.

Proprio in merito alla volontà di sperimentare, Lauro racconta di quanto sia un bisogno costante: “Mi colloco tra coloro che sono alla ricerca di qualcosa di nuovo, innovativo, diverso. Non mi piace essere inquadrato in un’etichetta né fare le stesse cose. La nostra è una ricerca non per piacere agli altri, ma per fare cose che innanzitutto piacciano a noi stessi”.

Sperimentare e insieme rimanere se stessi, come si fa?

Nonostante cambino il sound e le parole, dietro rimane sempre uno stato d’animo che vogliamo trasmettere. L’intenzione che viene data alle parole è importante quanto le parole. E se chi ascolta sente una certa malinconia di fondo è perché quella resta anche oggi ma trova anche altro.

Senti più responsabilità oggi, anche dopo le polemiche sul brano di Sanremo, rispetto al passato?

Mi trovo a essere fortunato ad affrontare una passione come un lavoro, ma bisogna lavorare ogni giorno, sono un operaio del mio successo. L’ho costruito senza dormire per sette anni. E sì, questo è il momento delle responsabilità non verso il pubblico, perché arte è arte, ma verso chi lavora con me a questo progetto. Siamo attaccati alla stessa corda e se sbaglio io cadono in tanti: questa è la mia responsabilità. Non sono un educatore, quello spetta a un altro sistema. Ovvio, coi social ci sono anche responsabilità in questo senso ma basta usare un po’ di intelligenza.

Siamo nati a livello artistico in una cantina e ci siamo dovuti fare strada tra gli illusionisti.

Parli spesso di “voglia di rimanere”: da dove nasce così forte?

Mi è capitato di sentirmi un fantasma nella vita e penso che sia frutto di etichette sbagliate che mi sono state attribuite. Siamo partiti in un modo e abbiamo sempre cambiato. Ogni anno cambio strada. Siamo outsider e ballerini. L’etichetta di Trap o Aamba Trap è superata, io voglio parlare a tutti quanti, non solo a una generazione. Proprio come ha fatto Vasco nella sua carriera. Quello che resta uguale è l’anima a livello di scrittura.

Cosa puoi anticipare del tour autunnale?

Il tour sarà il riflesso esatto di questo album, avrò con me la band e vogliamo portare una nuova ondata di musica. L’analogico rimane e in Rolls Royce si sente forte: la musica nata con gli strumenti vive davvero solo sul palco.



Questa la tracklist del disco – prodotto da Fabrizio Ferraguzzo e Boss Doms:

“Rolls Royce”
“C’est la vie”; 
“Cadillac”; 
“Je t’aime”
(feat. Coez)
“Zucchero”; 
“1969”; 
“Roma”
 (feat. Simon P); 
“Sexy Ugly”
“Delinquente”; 
“Scusa”.



Dopo alcune date estive nei festival, Achille Lauro sarà nei club dal 3 ottobre, ecco le date del Rolls Royce Tour:
  • 3 ottobre – Firenze, Tuscany Hall
  • 4 ottobre – Roma, Atlantico Live
  • 7 ottobre – Milano, Fabrique
  • 10 ottobre – Bologna, PalaEstragon
  • 11 ottobre – Venaria Reale (TO), Teatro Concordia
  • 13 ottobre – Napoli, Casa della Musica


Achille Lauro

Al via da oggi, venerdì 12 aprile, l’instore tour durante il quale l’artista attraverserà tutto lo stivale per incontrare i fan e firmare le copie del nuovo album!

Questi gli appuntamenti confermati:

Venerdì 12 aprile (ore 17:00) a Milano – Mondadori Megastore (Piazza Duomo, 1)

Sabato 13 aprile (ore 14:30) a Genova – La Feltrinelli (Via Ceccardi, 16)

Sabato 13 aprile (ore 18:00) a Torino – Mondadori Bookstore (Via Monte di Pietà, 2 ang. Via Roma)

Domenica 14 aprile (ore 14:30) a Verona – La Feltrinelli (Via Quattro Spade, 2)

Domenica 14 aprile (ore 18:00) a Stezzano (BG) – Media World c/o CC Le Due Torri (Via Guzzanica, 62/64)

Lunedì 15 aprile (ore 15:00) a Firenze – Galleria Del Disco (sottopassaggio Stazione Santa Maria Novella)

Lunedì 15 aprile (ore 18:00) a Lucca – Sky Stone & Songs (Piazza Napoleone, 22)

Martedì 16 aprile (ore 17:00) a Roma – Discoteca Laziale (Via Mamiani, 62)

Mercoledì 17 aprile (ore 16:30) a Bari – La Feltrinelli (Via Melo, 119)

Venerdì 19 aprile (ore 15:00) a Forlì – Mondadori Bookstore c/o CC Mega (Corso della Repubblica, 144)

Venerdì 19 aprile (ore 18:00) a Bologna – Semm Music Store & More (Via Oberdan, 24F)

Sabato 20 aprile (ore 14:30) a Varese – Varese Dischi (Galleria Manzoni, 3)

Sabato 20 aprile (ore 18:00) a Como – F.lli Frigerio Dischi (Via Garibaldi, 38)

Giovedì 2 maggio (ore 15.00) a Napoli – La Feltrinelli Stazione Centrale (Piazza Garibaldi)

Giovedì 2 maggio (ore 18.00) a Salerno – La Feltrinelli (Corso Vittorio Emanuele 230)

Venerdì 3 maggio (ore 16.30) a Foggia – Mondadori Bookstore (Via Guglielmo Oberdan, 9-11)

Achille Lauro

Latest Posts

IL CELEBRE PIANISTA LANG LANG REGISTRA LE MONUMENTALI VARIAZIONI GOLDBERG

Lang Lang ha realizzato un sogno che lo ha accompagnato per tutta la vita registrando il monumentale lavoro di Johann Sebastian Bach, le Variazioni Goldberg

Davide “BOOSTA” Dileo prosegue in tutta Italia il tour “BOOSTOLOGY”

Boosta è impegnato sui palchi di prestigiose location italiane con il tour in solo "Boostology", in cui presenta uno speciale concerto passeggiato

Il consumo di musica rap in Italia cresce del 40%, otto volte di più della media globale

Da “Rap Italia: Battle Royale” a “Plus Ultra”: Spotify presenta il restyling della più importante playlist hip hop italiana

Ligabue: morto Mario Zanni, barista di “Bar Mario” e “Certe notti”

Purtroppo il mitico Mario si è spento. Aveva 80 anni. Il suo bar era diventato famoso proprio grazie a delle canzoni di Ligabue

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.