Home Musica Oggi nasceva Lucio Dalla – Bologna lo ricorda con un concerto

Oggi nasceva Lucio Dalla – Bologna lo ricorda con un concerto

212
0
SHARE
lucio dalla
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]
Lucio Dalla e il MARZO della sua vita e della sua morte. Infatti Lucio nasce il 4 Marzo del ’43 a Bologna e muore il 1° Marzo del 2012 a Montreaux.

.
Indimenticabile quel giorno di marzo di sette anni fa, quando da ogni dove, dalle televisioni, dalle radio, arrivava la triste notizia della morte di Lucio Dalla, stroncato da un infarto a 69 anni. La sera precedente si era esibito a Montreaux, in Svizzera, e a scoprire il suo corpo nella stanza dell’hotel fu il compagno Marco Alemanno. Tre giorni dopo, il giorno del suo compleanno, il 4 marzo, si svolsero i funerali nella sua Bologna, nella basilica di San Petronio.

Per celebrare il grande cantautore, oggi 4 marzo giorno di quello che sarebbe stato il suo compleanno, Bologna proporrà un concerto al teatro Comunale. Sul palco saliranno alcuni dell’artista, tra cui amici di Lucio, gente come Ron, Luca Carboni, Gaetano Curreri, Lo Stato Sociale e altri. Insieme a quest’ultimi ci sarà un’orchestra diretta da Beppe D’Onghia. Durante la serata verrà riproposta la scaletta di “Lucio Dalla”, album del ’79 che quest’anno compie 40 anni, quello della sua definitiva consacrazione. Assieme al precedente “Come è profondo il mare” e al successivo “Dalla”, il disco è considerato da gran parte della critica musicale il capitolo più importante del trittico della maturità dell’artista grazie a capolavori come “Anna e Marco” e “L’anno che verrà”, storie e testi ancora attualissimi, tanto che Bologna li ha scelti per le luminarie di Natale (fatte proprio con il testo de “L’anno che verrà”). L’installazione ora sarà venduta a scopo benefico.

Il concerto è andato sold-out in poche ore, come anche i biglietti per le visite guidate speciali alla casa di Dalla.
Oltre il concerto ci sarà anche la proiezione in Cineteca, sempre a Bologna, di “Quijote”, il film in cui Dalla recitava la parte di Sancho Panza.

Commento su Faremusic.it