Home Musica Sanremo Giovani: Laura Ciriaco plagia Jason Mraz?

Sanremo Giovani: Laura Ciriaco plagia Jason Mraz?

Sanremo Giovani: Laura Ciriaco, una dei 24 finalisti tra i giovani in corsa al prossimo Sanremo, propone un brano che sembra un plagio di una canzone di Jason Mraz

310
0
SHARE
sanremo
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 4]
La novità, non proprio rivoluzionaria, escogitata da Claudio Baglioni per il Festival di Sanremo 2019 è la soppressione della sezione “Nuove Proposte”.

.
In compenso, tra gli artisti cosiddetti “Big” che si sfideranno lungo le 5 prime serate più attese della prossima annata televisiva potranno accedervi direttamente i vincitori di un talent show pre-Festival che mediaticamente, fino ad ora, ha avuto la stessa cassa di risonanza di un Castrocaro qualunque. Parliamo di “Sanremo Giovani”, di ritorno su Rai1 nel mese di dicembre con quattro anteprime pomeridiane condotte da Luca Barbarossa (dal 16 al 19) e due puntate vere e proprie in fascia serale con Pippo Baudo e Fabio Rovazzi (il 20 e il 21). I vincitori del programma che di diventeranno magicamente “Big” saranno due, uno a puntata (leggi nostro articolo precedente).

È chiaro che sia l’inedita formula sia la strana accoppiata Baudo-Rovazzi alla conduzione puntino ad incrementarne, da un lato, l’appeal televisivo e, dall’altro, a stabilizzare su livelli altissimi lo share dell’evento nazional-popolare in programma dal 5 al 9 Febbraio. Non è, infatti, un mistero che i concorrenti sconosciuti abbiano da sempre rappresentato un problema di collocazione oraria per gli organizzatori. Con questo escamotage non si presenterà più il dilemma se mandarli in scena nell’anteprima del Festival o a notte fonda, prima dei titoli di coda. D’altro canto era già accaduto in precedenza che cantanti freschi di vittoria in talent show come X-Factor o Amici avessero un posto prenotato nei ‘Big’ prima del tempo. Il punto cruciale è un altro: saranno all’altezza della situazione, tra una Patty Pravo e una Loredana Bertè?

A scorrere l’elenco dei 24 concorrenti selezionati dalla commissione artistica – presieduta da Claudio Baglioni e composta da Claudio Fasulo, vice direttore Rai1 ed autore di numerose edizioni del Festival, Massimo Giuliano, ex discografico, Massimo Martelli, già autore del Festival e regista cinematografico, Duccio Forzano, regista tv con sei Festival all’attivo, e Geoff Westley, celebre produttore musicale di Lucio Battisti, oltre che arrangiatore per artisti del calibro di Mango, Mietta e Anna Oxa – sembrerebbe proprio di no. Una delle poche eccezioni è sicuramente quella che risponde al nome di Mahmood, già in gara a Sanremo nel 2016 con “Dimentica” e fresco trionfatore con “Uramaki” dell’Italian Music Festival, ovvero il contest musicale soprannominato dagli esperti del settore ‘il Sanremo del web’ per il suo nobile fine di porre riparo ai danni perpetrati nel corso degli anni dal Sanremo della tv.

Ciò che stupisce di più non è né la mancanza di grandi voci, poiché all’assenza di talent scout come super Pippo ci siamo abituati, né la solita presenza massiccia di ex talent. Quel che colpisce è che Claudio Baglioni sia inciampato nuovamente, per il secondo anno consecutivo, in un clamoroso plagio musicale. Dopo il caso Moro-Meta, vincitori di Sanremo 2018 nonostante l’auto-riciclo di canzone, è la volta di Laura Ciriaco. L’ex concorrente di The Voice of Italy, capitanata da Cristina Scabbia, è stata infatti selezionata con “L’inizio”, brano che sembra un plagio spudorato del brano “I Won’t Give Up” del cantautore statunitense Jason Mraz. La furbata anche nel ritornello: nel plagio viene cantato un’ottava sopra, nell’originale un’ottava sotto. Dopo aver segnalato il misfatto sul mio Blog “Hit Non Hit” è inevitabilmente scoppiato il caso. Il direttore artistico nonché conduttore lascerà nuovamente correre o prenderà provvedimenti per rispetto dei giovani artisti eliminati con lavori originali?

Tra gli esclusi dalla competizione canora anche Cimini, nome noto nel nuovo indie-pop, con “Anime impazzite”, Sarah Dietrich con “Per venirti a cercare”, brano firmato da The Niro, Flo, vincitrice di Musicultura e dei premi dedicati ad Andrea Parodi e a Bianca d’Aponte, con “Se move”, Federico Angelucci, vincitore della recente edizione di Tale e Quale Show e di Amici 2007, con “L’uomo che verrà” e Maryam Tancredi, che nell’ultima edizione di The Voice of Italy ha trionfato oscurando proprio la Ciriaco, con “Con te dovunque al mondo”.

SANREMO GIOVANI – IL CAST:

FEDERICA ABBATE – Finalmente (Milano)
ANDREA BIAGIONI – Alba piena – Pietrasanta (Lu)
CANNELLA – Nei miei ricordi (Roma)
LAURA CIRIACO – L’inizio – Atri (TE)
DIEGO CONTI – 3 Gradi (Frosinone)
CORDIO – La nostra vita (Catania)
DESCHEMA – Cristallo (Siena)
EINAR – Centomila volte (Santiago De Cuba)
FEDRIX & FLAW – L’impresa (Roma)
FOSCO17 – Dicembre (Bologna)
LA RUA – Alla mia età si vola – San Benedetto del Tronto (AP)
LA ZERO – Nina è brava – Piana di Sorrento (NA)
LE ORE – La mia felpa è come me (Viterbo/Roma)
MAHMOOD – Gioventù bruciata (Milano)
MARTE MARASCO – Nella mia testa (Milano)
MESCALINA – Chiamami amore adesso (Napoli)
FRANCESCA MIOLA – Amarsi non serve (Venezia)
GIULIA MUTTI – Almeno tre – Pietrasanta (LU)
NYVINNE – Io ti penso (Milano)
ROS – Incendio (Arezzo, Siena, Roma)
ROBERTO SAITA – Niwrad (Zurigo)
SISMA – Slow motion (Napoli)
SYMO – Paura di amare (Roma)
WEPRO – Stop/Replay – Tricase (LE)

Commento su Faremusic.it