Home Musica Interviste Una vita tra scrittura e palcoscenico: Virginio sta per tornare con un...

Una vita tra scrittura e palcoscenico: Virginio sta per tornare con un nuovo progetto -INTERVISTA

Virginio Simonelli, artista diviso tra scrittura e palcoscenico, dopo i singoli "Semplifica" e "Rischiamo Tutto", sta per tornare con un nuovo progetto didcogrsfico.

248
0
SHARE
virginio
Voto Utenti
[Total: 2 Average: 5]

Virginio lo avevamo sentito prima dell’estate per l’uscita del suo precedente singolo “Semplifica” (leggi nostro ARTICOLO-INTERVISTA precedente). Ora, dopo “un’e.sta.a.te” (l’artista in questione è coautore del singolo lanciato dalla Pausini l’estate scorsa, ndr) ricca di soddisfazioni, Virginio torna in radio con “Rischiamo tutto”, singolo che anticipa un progetto discografico più ampio in corso di realizzazione che vede l’artista impegnato tra Italia e New York per la scrittura dei nuovi brani.

Il lavoro è prodotto dalla iMean, la nuova etichetta discografica indipendente di Roberto Mancinelli, su licenza Believe.

Noi di FareMusic abbiamo raggiunto Virginio al telefono in una mattina newyorkese poco prima dell’uscita del nuovo singolo.

virginio

INTERVISTA a Virginio Simonelli

Ciao Virginio, intanto ben tornato con questo nuovo tassello che anticipa pian piano il tuo nuovo progetto. Anche con “Rischiamo tutto”, come avvenuto con “Semplifica” prima dell’estate, torna nella copertina una tua immagine da bambino. 

Ciao Antonino, come stai? Si, con questo nuovo brano, scritto assieme con GianLuigi Fazio (Edizioni Curci, nda), ho voluto riprendere una mia foto da bambino, è il mood di questo progetto unico in costruzione,  in questa immagine suono un tamburello che in qualche modo anticipa il suono ritmico del pezzo.

Va tutto bene, felice di risentirti carico per questa nuova uscita. Intanto raccontami un po’, com’è andata questa estate? Com’è stato partecipare agli opening dei concerti della Pausini. 

Un’esperienza pazzesca, Laura è stata molto generosa nel volermi dare quest’opportunità, cantare i miei brani davanti al suo pubblico pazzesco che la segue, ho avuto un buon riscontro, poi ero lì sul palco, in acustico, col mio chitarrista, davvero una gran cosa. Mi ha divertito il rito di essere ripreso da dietro mentre salivo sul palco…

Ho molto apprezzato questa scelta, non è da tutti gli artisti apprezzare a tal punto i propri autori, scelta lodevole, ma Laura è una grande professionista. Ma andiamo a te e al presente, cosa ci racconti di questo nuovo lavoro? 

“Rischiamo tutto” vuole essere un messaggio positivo che si ispira ad un pensiero di Sigmund Freud: «quando si elimina il rischio dalla propria vita non resta molto», lo trovo un messaggio positivo, in un mondo in cui tutto cambia, piuttosto che restare travolti, rischiare resta la scelta più saggia. Nella scrittura c’è un’evoluzione naturale del mio percorso, c’è il mio modo di vedere le cose in maniera malinconica ma che abbraccia una nuova veste house concept che le dà un aspetto più fresco. La vedo anche come la naturale continuazione di “Semplifica”, ma in una scrittura più intima, diciamo la sua versione notturna, sai quell’atmosfera particolare che ti dà la notte, mi viene un termine romano che rappresenta questa emozione… quel “friccicore”. Il video, girato tra New York e Milano, ne è una perfetta sintesi, anche in questo caso l’ho visto come una versione notturna di “Semplifica”.

Vuoi dire che anche questa volta ti vedremo ballare? 

No, stavolta no… (ride, nda)

Intanto cosa ci fai (qui oso intonare, visto che quando lo chiamo è a New York, una frase del suo brano) «ai margini del mondo, senza frastuono…»? Che progetti hai nell’immediato futuro? Hai in programma un tour? 

Si, effettivamente sono ai margini del mondo… (sorride, nda) qui sto scrivendo nuovi brani, con autori americani. Poi sarò per qualche giorno a Milano, poi direttamente a Osaka, in Giappone, per il Festival della cultura italiana. Rientrato in Italia pubblicheremo le date di un tour elettroacustico che terremo in giro per i club, dove porterò in giro questa nuova anima elettronica, ma ci sarà anche il pianoforte, mio compagno di sempre.

Allora che ti devo dire, in bocca al lupo, sicuramente avrò modo di venirti a sentire live. Salutami Roberto (Mancinelli, discografico di Virginio, ndr) e tanti saluti dalla redazione di Faremusic e a presto. 

Viva il lupo, riferitò i tuoi saluti, ci vediamo presto e un saluto speciale per Mela (Mela Giannini, direttore di FareMusic, ndr).

virginio

Commento su Faremusic.it