Home Musica Musica Elettronica: lo scippo odierno delle sue origini – Il concetto di neo...

Musica Elettronica: lo scippo odierno delle sue origini – Il concetto di neo tribalismo è una grande stronzata

La musica elettronica è storia, è roba seria che nasce addirittura a fine Ottocento. Il primo strumento elettronico che sia mai stato costruito fu il telharmonium. Oggi “i dischi non si suonano, sono già suonati”

291
0
SHARE
musica elettronica
Voto Utenti
[Total: 3 Average: 4.3]

Chiariamoci subito: la musica elettronica è storia, è roba seria che nasce addirittura a fine Ottocento. Il primo strumento elettronico che sia mai stato costruito fu il telharmonium (noto anche come dinamofono). Inventato nel 1897 da Thaddeus Cahill avvocato e inventore statunitense. Per musica elettronica si intende qualsiasi musica che venga prodotta da macchine e strumenti elettronici, ma utilizzati da ricercatori musicisti. Su questo non ci piove.

Oggi i cosiddetti musicisti del secolo scorso si chiamano deejay. E qui casca l’asino. Sarebbe facile tirare in ballo il Gabbani che scrisse un testo assai godibile su questo tema: “i dischi non si suonano, sono già suonati”, ma qui il fenomeno è assai più complesso per liquidarlo con una battuta. Ora è indubbio che anche il deejay svolge una funzione artistica e creativa, perché di fatto è una diramazione contemporanea di quella musica elettronica che ricorreva esclusivamente all’uso dei suoni sintetici prodotti dagli oscillatori elettrici di frequenze o da generatori di impulsi che producevano fonti sonore quali il rumore bianco. Quella scuola ha prodotto esponenti come Karlheinz Stockausen o Luciano Berio tanto per intenderci.

Il punto è che questi maestri sacri sapevano anche comporre un normalissimo minuetto scrivendolo su uno spartito. Sarei alquanto banale se dovessi paragonare un deejay elettronico di oggi con simili compositori, per cui me ne guardo bene. Ora il problema è più antropologico e sociologico che musicale. L’asticella andrebbe spostata un po’ più in alto e per farlo si può prendere in esame i tanti raduni di musica elettronica che si svolgono ogni anno in Europa. Sono raduni che coinvolgono migliaia di giovani e di persone in genere per cui non è certo un fenomeno che si può liquidare con leggerezza. Cosa spinge questa gente a partecipare a questi mega raduni? E’ la musica o dietro ci sono anche altre componenti?

Recentemente ho letto alcune dichiarazioni di vari deejay star e operatori culturali che sostengono convintamente che la musica elettronica sia di fatto la nuova cultura giovanile, la nuova frontiera della cultura alternativa, in grado si soppiantare in pochi anni tutta le musica delle generazioni precedenti, le generazioni vintage del rock, del pop, del blues, del jazz, dell’R&B etc, etc,etc.

Insomma una sorta di rivoluzione culturale, uno tzunami sonoro devastante che metterà una pietra sopra il passato, praticamente sopra la storia. Qualche guru tedesco, svedese e norvegese del disco suonato, si augura persino la scomparsa degli strumenti musicali tradizionali, bollati come strumenti del folklore. Non cito i nomi perché sono davvero tanti e qualcuno di loro, purtroppo, ha persino lasciato questa valle di lacrime, per cui sarebbe assai indelicato citarlo. Comunque direi che in queste dichiarazioni, esiste una buona dose di ignoranza e di presunzione messianica e totalitaria insieme. Ora questi imbonitori elettronici sostengono che la cultura elettronica derivi dalle antiche culture tribali e che il grande fenomeno dell’aggregazione giovanile sia connesso alla storia dei popoli. La connessione principale è il ballo e i ritmi che lo fanno scaturire. La rappresentazione fisica di una cultura tribale vera e propria.

Per capirne di più ho cercato di informarmi, di parlarne con vari deejay e frequentatori di rave party alternativi o di semplici festival di massa tradizionali. La risposta più comune è stata: “Si va per stare insieme, per ballare e per sballare, niente di più”. Ok, fin lì ci arrivavo anche io, mica c’era bisogno di fare un sondaggio nel popolo neo-tribale. Chiunque frequenti una discoteca fa questo ragionamento. Magari ci aggiunge   ”…e per cuccare”, ma siamo nella perfetta norma. Ora il concetto del neo-tribalismo è assai complesso.

E’ indubbio che sia connesso alla merce, ai prodotti che consumiamo in quanto siamo ormai diventati più un popolo di consumatori che un popolo di persone. Si vive in Occidente, mica in Amazzonia. Ma questa storia della connessione con le culture tribali dei popoli attraverso la musica elettronica e il ballo è davvero una stronzata. Vagli a spiegare che gli indiani d’America avevano tante danze nel loro repertorio: dalla danza della pioggia a quella della guerra fino a quella dell’unione tra tribù differenti. Danze che esprimevano simboli, ideali e contenuti ben precisi che facevano parte della cultura di un popolo autentico. Non erano mica manifestazioni festaiole, di semplice aggregazione di intrattenimento. Si svolgeva il rito secondo quello che era accaduto o che stava per accadere. Vai a spiegare a un qualsiasi deejay che la stessa concezione simbolica si manifestava attraverso i tatuaggi e al loro significato. Mica ti capiscono se poi si sono fatti tatuare sul braccio una lattina di birra o il logo di uno sponsor. Così capisci che tutta stà cultura tribale è assai tirata per i capelli, tanto per acculturare la loro semplice esigenza di stare insieme, di ballare e di sballare. Non serve cercare scuse o alibi culturali.

Stesso discorso per la musica. Occhio a scippare il termine elettronica perché è come scippare il termine tribale. Questa musica si chiama compiuta, non composta, tanto per intenderci. E’ riprodotta e presa a prestito da musiche realizzate e composte da musicisti, da persone, non solo da macchine. Il punto è che se sul palco ci va solo il deejay che crea una sua reinterpretazione della musica prodotta da musicisti che invece sul palco non ci salgono perché il Festival elettronico li lascia a casa, allora c’è da preoccuparsi seriamente.

Tutta questa gente che va ai Festival di musica elettronica che sta per ore davanti a un palco dove c’è uno dietro a una consolle con una cuffia in testa, immerso negli effetti speciali, si diverte veramente o sta lì perché bisogna starci per forza? Perché fa figo esserci altrimenti passi per un vecchio rincoglionito? La musica suonata con strumenti tradizionali è vecchia?

Bhè… scusatemi ragazzi… preferisco essere un vecchio giovane che un giovane vecchio.

Ma al di là di banalissimi gap generazionali che poi non ho mai sopportato, fatemi un piacere. Cercate di non usare termini alla cazzo… di non appropriarvi di significati che non vi appartengono. E’ assai opportunistico e per l’appunto… strumentale! Dite semplicemente che avete voglia di sudare e di sfondarvi le orecchie e basta. Buon festival e non portatevi la maglia di lana sennò copre i tatuaggi, ma almeno un po’ di tappi per le orecchie per precauzione. Se dici a una ragazza: “mi piaci un casino” e quella non ti sente perché è sorda, è dura cuccare. Non hanno ancora inventato la seduzione per mezzo elettronico, per fortuna.

SHARE
Previous articlePino Daniele – PINO È: fino al 10 giugno è attivo il numero solidale 45585 “In Aid of Children” per sostenere Open Onlus e Save the Children
Next articleI Wind Music Awards 2018 questa sera e domani sera all’Arena di Verona – In differita su Rai1 prossimamente
Roberto Manfredi
Roberto Manfredi è figlio d’arte. Madre organista alla chiesa Valdese di Milano e insegnante di pianoforte. Padre pittore, musicista di oboe, diplomato al Conservatorio di Pesaro. La musica accompagna Roberto fin dalla tenera età, in cui canta gli inni protestanti, ( gospel e ballate ) e suona in casa con i suoi genitori. Studia il pianoforte e il basso elettrico. Poi terminati gli studi all’Accademia di Belle Arti a Carrara, entra nella discografia nel 1975 alla Produttori Associati dove si occupa di promozione e in particolare della promozione dei dischi di Fabrizio De Andrè, poi diventato suo amico negli anni a seguire. Dopo un anno si sposta alla Editori Associati, l’ Edizione musicale che fa parte della Ricordi e della produttori Associati. Nel 1976 produce il primo disco insieme al fratello Gianfranco e a Claudio Fabi. E’ la registrazione live dell’ultimo Festival di Re Nudo al Parco Lambro. Nel disco figurano artisti come Ricky Gianco, Eugenio Finardi, Area, Tony Esposito, Canzoniere del Lazio e molti altri. Passa poi nel gruppo RCA insieme a Nanni Ricordi seguendo parecchie produzioni discografiche dell’Etichetta indipendente Ultima Spiaggia e per la RCA stessa. In quegli anni produce gli album di Gianfranco Manfredi, David Riondino che lo fa conoscere a De Andrè che lo porta nel suo storico tour con la PFM e soprattutto l’album “Un Gelato al limon” di Paolo Conte. Scopre anche Alberto Fortis presentandolo dopo il periodo della RCA a Claudio Fabi e Mara Maionchi alla Ricordi. Durante questo periodo segue molte registrazioni di Enzo Jannacci, Claudio Lolli, Ricky Gianco, Ivan Cattaneo, etc… Passa poi come vice direttore artistico alla Polygram dove segue contemporaneamente una trentina di artisti sotto contratto, da Massimo Bubola a Carlo Siliotto, da Maria Carta a Roberto Benigni ( L’inno del corpo sciolto ) fino alla compilation “Luci a San Siro” di Roberto Vecchioni. Nel 1981 abbandona la Polygram, resosi conto che l’industria discografica si avviava al fallimento, e si trasferisce a Roma fondando con Pasquale Minieri, Anna Bernardini e Gaetano Ria la Società Multipla. Qui parte la produzione dell’operazione Mister Fantasy. Beppe Starnazza e i Vortici, con Freak Antoni nei panni del front man. Dopo l’album e due tournèe, seguono due singoli distribuiti dalla Cbs. Produce in seguito il supergruppo vocale The Oldies per la Rca ( con Nicola Arigliano, Cocky Mazzetti, Ernesto Bonino, Wilma De Angelis e Claudio Celli ) e l’ultimo album di Gianfranco Manfredi per la Polygram. Produce anche le colonne sonore del film “Liquirizia” di Salvatore Samperi e “Lupo Solitario”, programma di Antonio Ricci con Elio E Le Storie Tese, Banda Osiris e Skiantos. Contemporaneamente passa alla televisione come autore televisivo. Fonda anche la società Sorpresa SoS, che si occupa di promozione e produzione di concerti, servizi stampa e casting televisivi. Organizza e promuove concerti del management di Franco Maimone e Francesco Sanavio, quali Iggy Pop, Suzanne Vega, Lena Lovich e Nina Hagen, James Brown, Depeche Mode, The Kinks, Penguin Cafè Orchestra, Charlie Headen Liberation Orchestra e Sting. Poi decide di specializzarsi nel mondo televisivo e nei format musicali. E’ stato autore e capoprogetto di format quali Lupo Solitario, Fuori Orario, Mister Fantasy, Sanremo Rock, Segnali di Fumo, Tournèe, Super, Night Express, Italian Music Award, e “Supermarket” di e con Piero Chiambretti e di innumerevoli speciali monografici per Italia uno di artisti quali Elton John, Madonna, U2. Contemporaneamente produce gli home video “Mistero Buffo” di Dario Fo e “Storie del signor G” di Giorgio Gaber. Nel 1988 fonda il gruppo satirico “I Figli di Bubba” partecipando al Festival di Sanremo nella sezione Big. In seguito rimane come capoprogetto nella sezione tv della Trident Agency per oltre due anni e infine entra nella società Magnolia di Giorgio Gori come produttore esecutivo e autore. Dopo sette anni in cui produce ben quattro edizioni del format “Markette” di Piero Chiambretti, lavora per la ITC Movies per lo show di Maurizio Crozza “Crozza Alive” occupandosi anche di altre produzioni per Varie case di produzione tra cui Endemol e 3zero2 di Piero Crispino e Mario Rasini di cui è stato autore nel programma RAI DUE : “Delitti Rock”, E’ stato direttore artistico di vari eventi e manifestazioni di carattere nazionale e internazionale come “Il cinquantesimo anniversario della bomba di Hiroshima” presso la Sala Nervi in Vaticano dove ha riunito artisti come Dee Dee Bridgewater, Al Jarreau e Randi Crowford, è stato direttore artistico dei concerti per la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nel 1995 e dell ‘unico Festival di Musica africana a San Siro per il sostegno alla Liberia, insieme a George Whea e a Laura Boldrini, allora dirigente della World Food Program facendo suonare su due palchi paralleli artisti come Alpha Blondie, Youssou ‘n’dour, Salif Keita, Morikante, Buddy Guy, etc… Attualmente è Head manager new format media presso la società Infront per lo sviluppo e la produzione di nuovi format tv “made in Italy” , produttore esecutivo per la Società Magnolia e autore di “Eccezionale Veramente” su La7. Ha scritto quattro libri : “Talent Shop” ( dai talent scout ai talent show ), Nu Ghe Né ( dedicato all’amico Fabrizio de Andrè ) , “Freak, odio il brodo” ( omaggio a Freak Antoni ). Di prossima pubblicazione ( febbraio 2016 ) il volume “ SkANZONATA - Storia della canzone satirica, umoristica e comica italiana, dai futuristi a oggi”, per la Skira Editrice. Regista del film “ Il Sogno di Yar Messi Kirkuk” in emissione 2015 su Sky Sport 24 e di alcuni filmati industriali e video web per aziende quali Academia Barilla, Fiat, Omnitel, etc…

Commento su Faremusic.it