Home Rubriche Rubrica Televisione Sanremo Young: il Festival raddoppia in modalità ‘femminocentrica’ con Mara Maionchi, Mietta...

Sanremo Young: il Festival raddoppia in modalità ‘femminocentrica’ con Mara Maionchi, Mietta e Iva Zanicchi

Sanremo Young, il nuovo teen talent in onda su Rai1 dall'Ariston di Sanremo. Conduce Antonella Clerici. Nel cast anche Mara Maionchi, Cristina D'Avena e Elisabetta Canalis.

351
0
SHARE
Sanremo Young
Voto Utenti
[Total: 7 Average: 4.4]
Sanremo Young, il nuovo teen talent in onda su Rai1 dall’Ariston di Sanremo. Conduce Antonella Clerici. Nel cast anche Mara Maionchi, Cristina D’Avena e Elisabetta Canalis.

.

Cinque serate del Festival di Sanremo vi sono sembrate poche? Niente tristezza. Il Teatro Ariston non verrà smontato, ma –sulla scia degli ascolti stellari di Claudio Baglioni  si trasformerà in Sanremo Young. Si tratta del nuovo teen talent di Antonella Clerici che dal 16 febbraio, per cinque venerdì, riempirà le prime serate di Rai Uno.

Sanremo Young

La direzione artistica segna il ritorno in Rai di Gianmarco Mazzi, che di Sanremo ne ha targati sei. Sarà una versione ‘femminocentrica’ del Festival di Baglioni. Quindi meno fiorellini sul palco e più donne. L’asse ‘misogino’ del cast dei concorrenti si sposta e la quota rosa passa dal 15% all’80%.  A sfidarsi, su cover di celebri brani del Festival, ragazzi dai 14 ai 17 anni: Matteo Marcus Bok, Sharon Caroccia, Leonardo De Andreis, Zaira Angela Di Grazia, Ouiam El Mrieh, Luna Farina, Alessandro Franceschini, Elena Manuele, Bianca Moccia, Eleonora Pieri, Raffaele Renda e Rocco Scarano.

In prima linea per la giuria qualità di Sanremo Young, denominata Academy, due colonne storiche del Festival di Sanremo: Mietta e Iva Zanicchi. La Tigre di Taranto, che attualmente è ai vertici delle classifiche jazz con “Semplice”, singolo in collaborazione con il duo strumentale dei Marea, è a quota otto Festival. Il primo risale al 1988, quando appena diciottenne cantò “Sogno”.  Seguirono grandi hit d’autore come “Canzoni”, “Vattene amore” e “Dubbi no”, trittico amoroso firmato da Amedeo Minghi, e come “Fare l’amore”, gioiellino a sfondo sessuale scritto per lei da Mango. Dieci, invece, i Festival che hanno visto in gara l’Aquila di Ligonchio: dal debutto in bianco e nero del 1965 con “I tuoi anni più belli” all’ultimo a tinte hard del 2009 con “Ti voglio senza amore”.  Per i suoi Sanremo si sono scomodati anche i due autori celebrati nel Festival di Baglioni: Sergio Endrigo e Umberto Bindi. Ed è proprio l’Iva nazionale a detenere il record di vittorie. Ben tre con “Non pensare a me”, “Zingara” e “Ciao cara come stai?”.

Sanremo Young

A completare il team di accademici a Sanremo Young la discografica più televisiva, Mara Maionchi, che in quel di X Factor ha lanciato anche talenti veri come Ilaria Porceddu e Lorenzo Licitra. E poi Elisabetta Canalis, Cristina D’Avena, Marco Masini, Rocco Hunt, Angelo Baiguino e altri due nomi non ancora svelati. Se la direzione orchestale è stata affidata al Maestro Diego Basso e le coreografie a Daniel Ezralow, la regia rimarrà nelle mani di Duccio Forzano.

Ospiti della prima puntata saranno l’eterno sex symbol hollywoodiano Richard Gere e l’ex conduttore sanremese Paolo Bonolis. Sarà Sanremo 2019 per il terzetto Mazzi-Clerici-Bonolis? O strada facendo si arriverà alla conferma del bis di Baglioni?

Commento su Faremusic.it