Home Musica Come Jovanotti ricreò la copertina di “Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band”...

Come Jovanotti ricreò la copertina di “Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band” dei Beatles

Come Jovanotti ricreò la famosa copertina del glorioso album "Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band" dei Beatles.

790
0
SHARE
jovanotti
Crediti del FotoMontaggio Immagini: FareMusic - ©FMD Copyright
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 4]

di Veronica Ventavoli

Il primo giugno del 1967, esattamente mezzo secolo fa, usciva quella che molti considerano l’opera-manifesto dei Beatles e insieme uno degli album più rivoluzionari nella storia della musica: Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band.

In occasione dei cinquant’anni dell’album, in questi giorni è approdato anche nei cinema italiani il documentario “Sgt. Pepper and beyond”, che racconta attraverso immagini e materiali inediti il periodo dei mitici Abbey Road Studios.

La stessa copertina di Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band, che rappresenta la platea ideale di fronte alla quale i Fab Four avrebbero voluto esibirsi, è ormai un oggetto mitico; negli anni è stata citata e rielaborata innumerevoli volte, spesso in chiave umoristica. Famosissima, per esempio, la citazione presente in una puntata de “I Simpson”, in cui compaiono tutti i personaggi della serie animata.

Una rivisitazione della copertina tutta “Made in Italy” è quella che Lorenzo Jovanotti realizzò diversi anni fa su richiesta del mensile Max che all’evento dedicò uno speciale. Insieme all’amico Sergio Pappalettera, suo braccio destro per la grafica dei dischi, Lorenzo si mise all’opera scegliendo una serie di personaggi curiosamente eterogenea. Accanto a sportivi, cantanti, dj, filosofi e politici, nell’immagine compaiono infatti l’allora famosissima Pecora Dolly, Bill Gates, Steve Jobs e… Gesù Bambino!

jovanotti
Ecco l’elenco completo dei prescelti da Jovanotti per la sua versione di Sgt Pepper, con tanto di commenti originali fra parentesi:

Valentino Rossi (campione di moto), Sean Penn (attore), Shakira (cantante), Mark Chapman (assassino di John Lennon), Hayao Miyazaki (creatore di cartoon), Orhan Pamuk(scrittore), Julian Schnabel (artista), Bob Geldof (bob geldof), Padre Pio (santo), Aldo Nove(scrittore), Apple MacRun DMC (hip hop band), Javier Bardem (attore), Jean Baudrillard(filosofo), Roberto Benigni (attore), Abele Bikila (atleta), Björk (musicista), Bono (bono), Brian Eno (artista), Maurizio Cattelan (artista), David Lynch (regista), Leonardo DiCaprio (attore), Cameron Diaz (attrice), John Galliano (stilista), Fat Boy Slim (dj producer), Gilberto Gil (cantante ministro), Giorgio Armani (stilista), George Ivanovitch Gurdjieff (G.I.G.), Wislawa Szymborska (poeta), Jay-Z (rapper), Jim Jarmush (regista), John Travolta (attore), Queen Rania of Jordan (regina), Nicole Kidman (attrice), Kurt Cobain(musicista), Linus Torvalds (informatico), Luciano Pavarotti (cantante), Presidente Lula(presidente del Brasile), Madonna (artista), Nelson Mandela (presidente), Comandante Marcos (comandante), Michael Jackson (cantante), Niccolò Ammanniti (scrittore), Bill Gates (businessman), Osama Bin Laden (nemico pubblico n 1), Chuck Palahniuk(scrittore), Paris Hilton (personaggio), Lapo Elkann (imprenditore), Sofia Coppola(regista), Jovanotti (autore di questo gruppo di persone insieme a Sergio Pappalettera), Hillary Clinton (politica), Susan Sarandon (attrice), Francesco Totti (capitano), Tupac Shakur (rapper), Zang Yimou (regista), Slavoj Zizek (filosofo), Romeo Castellucci (regista teatrale), Beyoncé (cantante), Franco Bolelli (filosofo), Marco Pantani (campione), Sam Taylor Wood (artista), Scarlett Johansson (attrice), Susan Sontag (scrittrice), Uma Thurman (attrice), Bernard Stiegler (filosofo), Bart Simpson (personaggio), Pippo Baudo(presentatore), Claudio Cecchetto (talent scout), Beppe Grillo (comico), Dolly (pecora), Anna Politkovskaya (giornalista), Arundhati Roy (scrittrice), Steve Jobs (informatico), Elton John (cantante), Saddam Hussein (rais), Stephen Hawking (scienziato), Nusrat Fateh Ali Khan (cantante), Oliviero Toscani (artista), Vrienden Van Osho (VVO), Paolo Bololis (presentatore), Pedro Almodóvar (regista), Gorillaz (virtual band), Red Hot Chili Peppers (band), Rick Rubin (producer), Rocco Siffredi (attore), La guardia Svizzera(guardia), Edoardo Sanguineti (poeta), Snoop Dog (rapper), U2 (band), Chavez(presidente), Yoko Ono (artista), Matthew Barney (artista), Tim Burton (regista), Johnny Deep (attore), Spike Jonze (regista), Silvano Agosti (regista), Renzo Rosso (imprenditore creativo), Afrika Bambaataa (dj), Leonard Cohen (cantante), Amartya Sen (economista), Massud (comandante).

E voi, quanti personaggi avevate riconosciuto osservando l’immagine?

 

SHARE
Previous articleBeatles nell’anima – I 50 anni di “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”
Next articleBeatles: Sgt. Pepper visto da una diversa angolazione
Veronica Ventavoli
Pistoiese di nascita, prima di laurearmi in Storia medievale all’Università di Siena e poi in Storia contemporanea a La Sapienza di Roma, ho lavorato per oltre dieci anni come cantante solista e in vari gruppi di cover toscani. In tale veste, vincendo quella che al tempo si chiamava Accademia della Canzone di Sanremo, ho avuto l’opportunità di partecipare all’omonimo Festival del 2005 classificandomi al terzo posto nella categoria Giovani. I primi ricordi nitidi che ho mi vedono impegnata a inventare e disegnare cartoni che non si sono mai animati, a imitare nei cortili parenti e personaggi famosi, a consumare i tanti 45 e 33 giri ricevuti in regalo da zii, cugini, vicini di casa: fra le sigle di Fantastico e il prog italiano degli anni Settanta, tra Pupo e i Beatles, anche se priva di fratelli e sorelle non mi sono mai sentita sola! Gli amici mi chiamano “scimmietta” perché sono tuttora curiosissima di conoscere canzoni, libri e film. Sono – da sempre, mi pare – devotamente innamorata di gatti, pastasciutte, David Bowie, Anna Marchesini e “Cipì” di Mario Lodi.

Commento su Faremusic.it