22.9 C
Milano
giovedì, Aprile 9, 2020

Coronavirus: la Rai con la “Musica che unisce” per aiutare la Protezione Civile

In questo momento difficile per l'Italia a causa dell'emergenza sanitaria da Coronavirus, la Rai organizza un evento con il meglio della musica, e non...

Ultimi post

Disinteresse Generale, esordio di una band in quarantena, dalle registrazioni home-made ad una importante collaborazione internazionale

Disinteresse Generale è un trio strumentale nato ai tempi del Coronavirus composto da studenti dei Conservatori di Cuneo e Genova, che hanno iniziato a comporre...

NINA SIMONE: “Fodder On My Wings” torna su etichetta Verve

FODDER ON MY WINGS, FONDAMENTALE ALUM DELL’ULTIMO PERIODO DI NINA SIMONE, RIVEDE LA LUCE SU ETICHETTA VERVE:  PER LA PRIMA VOLTA, SU TUTTE LE...

Coca Cola e Cremonini insieme per Croce Rossa Italiana: una donazione e una campagna di crowdfunding #ungiornomigliore

Per dare un contributo concreto alla lotta all’epidemia di COVID-19 in Italia, dopo una donazione di 1,3 milioni di euro, parte la seconda fase a...

KATY PERRY ESCE CON “NEVER WORN WHITE” – VIDEO

"Never Worn White", il nuovo singolo di Katy Perry.  La ballata è stata scritta da Katy con Johan Carlsson, John Ryan, Jacob Kasher Hindlin...

Vito Pallavicini: un autore dimenticato

Voto Utenti
[Total: 7 Average: 2.9]

di Alberto Salerno

E’ un vero dispiacere che nessuno, dico nessuno, abbia mai speso una parola su Vito Pallavicini, autore che negli anni ’60 e ’70 ha firmato una marea di successi, diventati poi parte della storia della musica leggera italiana.

Fra le tante sue canzoni ne cito qualcuna come “Io che non vivo senza te”, “Amore scusami”, “Mille bolle blu”, “Io che non vivo”, “Nel sole”, “Azzurro”, “Insieme a te non ci sto più” e l’adattamento italiano di “Downtown”.

Pallavicini era di Vigevano, parlava con la erre moscia, ed era un “personaggio” sempre allegro, con una gran voglia di comunicare. Aveva un gran fiuto per gli affari, oltre ad essere anche un eccellente talent scout.

Sua la scoperta di Paolo Conte e Toto Cutugno che, grazie alle sue conoscenze e al loro talento, sono diventati popolari come autori.

Si dice che Vito Pallavicini abbia firmato, senza mai averli scritti, dei testi per Conte e per Cutugno, ma di queste storie non esiste assolutamente alcuna prova, motivo per cui le “dicerie” che hanno dato vita a fantasiose tesi, sono prive di fondamento, non reggono.

Resta comunque la storia di un paroliere popolare e pragmatico, un autore che per un ventennio ha dominato la scena musicale italiana. E alla fine sono i fatti che contano.

pallavicini
Paolo Conte “Azzurro” – Royal Theatre Carré di Amsterdam 1988

Latest Posts

Disinteresse Generale, esordio di una band in quarantena, dalle registrazioni home-made ad una importante collaborazione internazionale

Disinteresse Generale è un trio strumentale nato ai tempi del Coronavirus composto da studenti dei Conservatori di Cuneo e Genova, che hanno iniziato a comporre...

NINA SIMONE: “Fodder On My Wings” torna su etichetta Verve

FODDER ON MY WINGS, FONDAMENTALE ALUM DELL’ULTIMO PERIODO DI NINA SIMONE, RIVEDE LA LUCE SU ETICHETTA VERVE:  PER LA PRIMA VOLTA, SU TUTTE LE...

Coca Cola e Cremonini insieme per Croce Rossa Italiana: una donazione e una campagna di crowdfunding #ungiornomigliore

Per dare un contributo concreto alla lotta all’epidemia di COVID-19 in Italia, dopo una donazione di 1,3 milioni di euro, parte la seconda fase a...

KATY PERRY ESCE CON “NEVER WORN WHITE” – VIDEO

"Never Worn White", il nuovo singolo di Katy Perry.  La ballata è stata scritta da Katy con Johan Carlsson, John Ryan, Jacob Kasher Hindlin...

I piu' letti

LA CANZONE PROFETICA DI GIORGIO GABER: “DESTRA-SINISTRA”

di Roberto Manfredi  C’è una sola canzone che potrebbe sostituire l’inno di Mameli, è Destra-Sinistra di Giorgio Gaber. Non è solo una canzone apparente satirica,...

Analisi del testo “Fin che la barca va”

di Alberto Salerno So che a molti sembrerà strano che io abbia deciso di affrontare l’analisi di questo grande successo di Orietta Berti, scritto da...

Viaggio nelle canzoni: Vattene amore

di Alberto Salerno Sono affezionatissimo a questa canzone, un vero emblema che rappresenta, insieme a poche altre, il Festival di Sanremo. Minghi e Panella ne...

Viaggio nelle canzoni: “Il più grande spettacolo dopo il big bang” di Jovanotti

di Alberto Salerno Jovanotti e "Il più grande spettacolo dopo il big bang" - Fonte Testo Wikipedia: Il brano è caratterizzato da un sound rock,  che il...

La lunga storia della proprietà dell’Edizioni delle canzoni dei Beatles dal 1963 fino ai giorni nostri

di Claudio Ramponi Per comprendere meglio l'intera vicenda bisogna fare un salto nel passato e conoscere di un personaggio chiave: Dick James. Nato a Londra nel 1920,...

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.