22.9 C
Milano
giovedì, Aprile 9, 2020

Coronavirus: la Rai con la “Musica che unisce” per aiutare la Protezione Civile

In questo momento difficile per l'Italia a causa dell'emergenza sanitaria da Coronavirus, la Rai organizza un evento con il meglio della musica, e non...

Ultimi post

Disinteresse Generale, esordio di una band in quarantena, dalle registrazioni home-made ad una importante collaborazione internazionale

Disinteresse Generale è un trio strumentale nato ai tempi del Coronavirus composto da studenti dei Conservatori di Cuneo e Genova, che hanno iniziato a comporre...

NINA SIMONE: “Fodder On My Wings” torna su etichetta Verve

FODDER ON MY WINGS, FONDAMENTALE ALUM DELL’ULTIMO PERIODO DI NINA SIMONE, RIVEDE LA LUCE SU ETICHETTA VERVE:  PER LA PRIMA VOLTA, SU TUTTE LE...

Coca Cola e Cremonini insieme per Croce Rossa Italiana: una donazione e una campagna di crowdfunding #ungiornomigliore

Per dare un contributo concreto alla lotta all’epidemia di COVID-19 in Italia, dopo una donazione di 1,3 milioni di euro, parte la seconda fase a...

KATY PERRY ESCE CON “NEVER WORN WHITE” – VIDEO

"Never Worn White", il nuovo singolo di Katy Perry.  La ballata è stata scritta da Katy con Johan Carlsson, John Ryan, Jacob Kasher Hindlin...

FUOCOAMMARE: TRA IL VEDERE E L’OSSERVARE

Voto Autore

di Marco Volpato

Fuocoammare è il film che rappresenterà l’Italia ai prossimi Oscar nella categoria “miglior documentario”.

Un film-documentario che già ha vinto l’Orso d’Oro durante la Berlinale e ricevuto i complimenti anche di Meryl Streep la quale ha espresso in più di un’occasione di amare questo film, e che avrebbe fatto l’impossibile per portarlo negli USA.

Tuttavia la polemica che si è aperta ultimamente ha centrato il problema proprio nel genere stesso: documentario o film? Ebbene probabilmente la categoria per la quale è stato nominato, non è – ad avviso di chi scrive – indicata.

FuocoAmmare non è un film: è un documentario.

La Streep ha però affermato che “Sì, è un documentario, ma è anche arte… il modo in cui viene mostrata la realtà lo rende quasi una poesia”.

fuocoammare

Ebbene però, mi chiedo, come questo documentario possa esser visto come poesia, data l’atrocità dell’argomento trattato e delle immagini mostrate, eppure è così.

Un film estremamente delicato, sensibile all’animo dello spettatore; forse anche troppo, tante le metafore presenti, ed in questo, l’abilità di Gianfranco Rosi, è indiscussa e indiscutibile.

Il bambino con l’”occhio pigro” vuole essere la metafora che Rosi usa per dirci come stiamo vedendo la realtà, ma che siamo anche troppo pigri per osservarla veramente.

Tuttavia, questa potrebbe risultare una debolezza del film: non sempre l’accostamento traslato crea una riflessione, però è evidente che il regista vuole puntare a riprodurre la realtà così com’è, non servendosi di attori professionisti, come quando ci racconta in parallelo, la vita di Samuele, il  bambino dall’occhio pigro che gioca per le strade, che si diverte a tirare con la fionda e colpire piante e uccelli, utilizzato per esprimere l’astio ingiustificato che proviamo per il diverso da noi, o da qualcosa che non comprendiamo bene.

fuocoammare

Tuttavia queste continui confronti vanno un po’ a discapito della volontà di riprodurre la realtà: appare strano infatti la mancanza di tecnologia, di cellulari, di internet: sembra quasi che lo si volesse ambientare in anni un po’ più distanti dai nostri: particolarità che ci fa estraniare e allontanare dal renderci consapevoli della realtà nel momento in cui la si racconta.

Nota di merito per la capacità espressiva in cui racconta visivamente in modo eccellente “il momento”, certamente il fatto di testimoniare in modo dettagliato quanto succede, riportando fedelmente e senza filtri dei corpi morenti, dei corpi morti e disperazione, senza alcuna recitazione, lascia spiazzati, ma allo stesso tempo fa pensare: perché la scelta tra il testimoniare e l’aiutare è stata compiuta e questo, se ci si arriva, è il momento che angoscia di più: la consapevolezza entra prepotentemente in noi.

fuocoammare

In conclusione il film, se tale vogliamo definirlo, è tecnicamente ineccepibile: lo dimostra anche il fatto che Gianfranco Rosi è rimasto un anno a Lampedusa per diventare parte di questa tragica realtà.

Chi racconta il problema e la tragicità di un fenomeno attuale come quello del flusso migratorio verso un paese lontano, abusa della “notizia” creando nello spettatore un sentimento di angoscia tale da non farlo agire, ma solamente star male.

Tuttavia, se lo scopo era quello di far riflettere tramite analogie e metafore, allora non ci è riuscito.

Latest Posts

Disinteresse Generale, esordio di una band in quarantena, dalle registrazioni home-made ad una importante collaborazione internazionale

Disinteresse Generale è un trio strumentale nato ai tempi del Coronavirus composto da studenti dei Conservatori di Cuneo e Genova, che hanno iniziato a comporre...

NINA SIMONE: “Fodder On My Wings” torna su etichetta Verve

FODDER ON MY WINGS, FONDAMENTALE ALUM DELL’ULTIMO PERIODO DI NINA SIMONE, RIVEDE LA LUCE SU ETICHETTA VERVE:  PER LA PRIMA VOLTA, SU TUTTE LE...

Coca Cola e Cremonini insieme per Croce Rossa Italiana: una donazione e una campagna di crowdfunding #ungiornomigliore

Per dare un contributo concreto alla lotta all’epidemia di COVID-19 in Italia, dopo una donazione di 1,3 milioni di euro, parte la seconda fase a...

KATY PERRY ESCE CON “NEVER WORN WHITE” – VIDEO

"Never Worn White", il nuovo singolo di Katy Perry.  La ballata è stata scritta da Katy con Johan Carlsson, John Ryan, Jacob Kasher Hindlin...

I piu' letti

LA CANZONE PROFETICA DI GIORGIO GABER: “DESTRA-SINISTRA”

di Roberto Manfredi  C’è una sola canzone che potrebbe sostituire l’inno di Mameli, è Destra-Sinistra di Giorgio Gaber. Non è solo una canzone apparente satirica,...

Analisi del testo “Fin che la barca va”

di Alberto Salerno So che a molti sembrerà strano che io abbia deciso di affrontare l’analisi di questo grande successo di Orietta Berti, scritto da...

Viaggio nelle canzoni: Vattene amore

di Alberto Salerno Sono affezionatissimo a questa canzone, un vero emblema che rappresenta, insieme a poche altre, il Festival di Sanremo. Minghi e Panella ne...

La lunga storia della proprietà dell’Edizioni delle canzoni dei Beatles dal 1963 fino ai giorni nostri

di Claudio Ramponi Per comprendere meglio l'intera vicenda bisogna fare un salto nel passato e conoscere di un personaggio chiave: Dick James. Nato a Londra nel 1920,...

Viaggio nelle canzoni: “Il più grande spettacolo dopo il big bang” di Jovanotti

di Alberto Salerno Jovanotti e "Il più grande spettacolo dopo il big bang" - Fonte Testo Wikipedia: Il brano è caratterizzato da un sound rock,  che il...

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.