Home Musica Recensioni Concerti Paolo Conte: un uomo d’altri tempi e una musica senza tempo –...

Paolo Conte: un uomo d’altri tempi e una musica senza tempo – RECENSIONE concerto all’Arciboldi a Milano

Tappa milanese, al Teatro degli Arcoboldi, per il cantautore astigiano, in tour con il suo nuovo album "Amazing game".

1651
0
SHARE
Voto Autore

di Elio Aldrighetti

E finalmente Paolo Conte entra in scena, unico tra i presenti sul palco a non indossare l’immancabile smoking. Il passo leggermente rigido, incerto, Paolo Conte si posiziona davanti al microfono, in piedi.

Abituato a farmi ubriacare gli occhi da lui che ogni tanto spunta sornione ed elegante dal pianoforte a coda come di consueto, la cosa mi fa un certo effetto.

L’orchestra, stupenda, stupendamente parte. E con lei arrivano le prime note della melodia, le prime parole. La voce ha acquistato uno strato di ruggine in più e qualche decibel in meno. Intatta rimane la magia che quest’uomo è in grado di creare fin dalle prime battute.

Dentro c’è tutto il possibile e anche l’impossibile. La nostalgia, l’ironia, l’amarezza, il mondo. I gesti con i quali si accompagna sono legnosi quasi da marionetta spesso impacciati eppure dentro ci leggo una dolcezza infinita. Mi assalgono sentimenti contrastanti. Tenerezza mista a rammarico per la consapevolezza del tempo che corre via come il vento delle sue pampas, come il suo aguaplano. E ancora un amore imbarazzante per questo artista.

paolo-conte-2-e1474984047817

Il pubblico applaude ad ogni canzone (nel frattempo è tornato al pianoforte) con uno scroscio di urla ed applausi da stadio. Che se certamente andranno a lusingare la sua vanità di uomo mi viene da pensare che disturberanno un po’ la sua sensibilità d’artista, perché è come se andassero a distruggere inconsapevolmente questa cattedrale di magia che sta prendendo forma sul palco. Ci vorrebbero applausi muti, una sorta di energia silenziosa che parte dalla platea e va ad incontrarsi e confondersi fino ad diventare un’unica cosa con l’energia che dal palco piove sugli spettatori.

Paolo Conte si avvia a concludere. Sento tutta la sua stanchezza di uomo anziano e tutta la giovinezza e il vigore della sua arte. Ci vorrebbe che il tempo si fermasse. Nient’altro. Anzi, forse a questo punto ci vorrebbe un kleenex. Per questi cazz* di occhi che continuano a inumidirsi.

 

Paolo Conte in Concerto Teatro degli Arcimboldi Milano 11 Novembre 2016
PER VEDERE IL VIDEO CLICCARE SULL’IMMAGINE Paolo Conte in Concerto – Teatro degli Arcimboldi Milano – 11 Novembre 2016

 

Commento su Faremusic.it