Home Musica Interviste Palla e Chiatta: L’arte di essere curvy – INTERVISTA

Palla e Chiatta: L’arte di essere curvy – INTERVISTA

2276
0
SHARE
Voto Autore

di Angela Paonessa

La parodia di un brano tra i primi posti in classifica,una serata al Grand hotel Chiambretti, la partecipazione al talent Eccezionale Veramente, un singolo dal titolo Geisha e un pizzico di ironia sono la ricetta perfetta per un exploit di successo. Di seguito,uno speciale dedicato all’intervista esclusiva Palla e Chiatta, alias Manuela Tasciotti e Sabrina Antonetti per i lettori di FMD.

La loro storia inizia con la parodia del brano più in voga della scorsa Estate “Roma-Bangkok’’ trascritto in “2 uova alla coque’’ da due ragazze particolari nel loro modo di essere se stesse, loro sono Palla e Chiatta alias Manuela Tasciotti e Sabrina Antonetti che in questa intervista esclusiva dedicata ai lettori di FMD ci svelano alcuni particolari delle loro vite e dei loro progetti.

 INTERVISTA:

Il vostro percorso artistico esordisce su youtube circa un anno fa con il video “2 uova alla coque’’ parodia del successo “Roma-Bangkok’’ interpretato da Baby K in collaborazione con Giusy Ferreri. Il primo approccio con il pubblico è di carattere ironico. Colpisce la vostra fisicità e il vostro feeling creativo. Ma chi sono durante la quotidianità Palla e Chiatta?

PALLA (Manuela Tasciotti): Io sono Manuela 35 anni di Roma, oversize orgogliosa di esserlo da almeno 15 anni! Lavoro da 10 anni nel teatro musicale, ho 5 gatti, ma solo perché non ho ulteriore spazio (ride). Oltre a mangiare, amo andare al cinema, viaggiare ogni volta che posso e ascoltare ogni tipo di musica!

Chiatta (Sabrina Antonetti): Io sono Sabrina ma per tutti Bambi, 31 anni, oversize forse da 3 vite precedenti se non di piu’ 😉

Nasco come bambina estremamente timida e mi rivelo intrattenitrice dopo l’adolescenza. Vocalist e presentatrice di eventi per lavoro, pantofolaia nella vita (sorride). Sono una persona eclettica sul palco ma nel mio quotidiano addirittura noiosa per quanto ordinaria. Amo viaggiare, soprattutto col pensiero e sono sempre in prima linea per la difesa dei miei ideali che rappresentano l’uguaglianza e il rispetto in primis!

Wow, bella presentazione ragazze, ma dite un po’, i vostri nomi d’arte sono frutti di improvvisa ispirazione o sono riconducibili ad altro?

Palla: Va beh dai,qui meglio passare la parola alla mia collega, creatrice del progetto 😉

Chiatta: Angela, ammetto che il richiamo è fortemente legato a Paola e Chiara, per me icone intramontabili; mi piaceva associare quella presenza cult e filiforme a due oversize e di conseguenza il nome doveva allinearsi!

Una serata al Grand Hotel Chiambretti dall’isola dei Famosi 2016, l’interpretazione di un classico Unforgettable, scritto da Irving Gordon, registrato originariamente nel 1951, cantato da NatKing Cole e sua figlia Natalie, inserito nella Grammy Hall of Fame nel 2000. Cosa si prova a dar voce a un brano di questo calibro nel 2016?

PALLA: Paura! Soprattutto se si ci esibisce davanti a Chiambretti che non ha proprio peli sulla lingua, ma non avendoci ne’ insultate ne’ lanciato oggetti contro deduciamo sia andata bene (ride). Sai, è stato proprio il signor Chiambretti a richiedere un brano classico, e alla nostra proposta di Unforgettable ha risposto si, e noi abbiamo provato ad esibirlo in pubblico. Bella esperienza!

Chiatta: Già, una grande responsabilità, ma appena il Sig. Chiambretti ha ascoltato il brano da noi presentato ha deciso che sarebbe stato ideale per la serata. La versione, inoltre, è molto soft come noi del resto! Con molta emozione ricordo che durante le prove il pubblico in sala ci ha applaudito molto; Una magnifica esperienza come magnifici gli abiti creati su misura per noi, lo Staff di Chiambretti ci ha coccolato molto!

Ironia e comicità a pari passo nella partecipazione ad “Eccezionale Veramente’’, talent di LA7 condotto da Gabriele Cirilli, una giuria composta da Diego Abatantuono, Paolo Ruffini, Selvaggia Lucarelli e il giudice esterno della serata Raul Cremona. Uno sketch dietistico il vostro. Da chi è nata l’idea di un monologo in veste enogastronomica?

PALLA: Anche dello Sketch l’autrice è stata la mia metà artistica,meglio cedere a lei la parola descrittiva  (sorride)

Chiatta: Beh,ho pensato a quel che più poteva starci a pennello. La comicità vera per me è quella che gioca su situazioni reali e sulla credibilità del personaggio, non saremmo state convincenti se avessi scritto qualcosa su argomenti distanti da noi, ma non neghiamo che attualmente stiamo sondando altri terreni per non rimanere standardizzate al cliché delle cicciottelle che ironizzano solo sui chili di troppo.

E’ da poco uscito il vostro primo inedito Geisha, per la prima volta discostato dal settore parodico, rappresenta un brano d’altro stile. Oltre ad essere le madrine vocali del brano, ne siete anche le autrici?

PALLA: Noi ne siamo solo le interpreti, in realtà il brano è stato scritto dal nostro produttore musicale Stefano Pedullà.

Chiatta: Ne siamo esclusivamente le interpreti e devo ammettere che Geisha è davvero un brano che amiamo molto e di cui stiamo curando anche la versione inglese, spinte dall’inaspettato risultato e successo del 2 posto nella classica Dance album e stabili da più d’una settimana in top10 senza alcun tipo di promozione! Non ti nego che ci piacerebbe che qualcuno ascoltandoci decida di investire discograficamente su di noi; è pur sempre un sogno, no?

Il futuro vi attende. Quali sono i vostri prossimi progetti?

Palla e Chiatta: Dopo Chiambretti, Eccezionale Veramente e la partecipazione al videoclip di Elisa “Love me forever” le richieste di eventi sono di gran lunga aumentate. Molti avrebbero piacere di intrattenere le loro serate con le nostre esibizioni e noi, nel limite del possibile, cerchiamo di soddisfarli! Sarà un’estate di continue partenze e all’insegna della musica e di tante risate assicurate!

Ultima domanda di rito: se aveste la possibilità di esprimere un unico desiderio, quale sarebbe?

PALLA: Desidererei che la gente si accettasse e si piacesse così com’è, magro o grasso, alto o basso, etero o gay. Siamo tutte persone diverse l’una dall’altra e siamo tutte uniche nel nostro essere, per fortuna, altrimenti sai che noia!

Chiatta: Da ex Miss Italia vorrei la Pace nel Mondo (ride). Scherzo! E’ un obiettivo da raggiungere troppo distante dalle nostre realtà, ma quello che desidererei più di ogni altra cosa è che tutti si ricordassero di essere umani. Ergo, trattiamo tutti come vorremmo essere trattati e di sicuro non sbaglieremo mai!

Grazie mille per l’intervista ragazze,è stato un vero piacere,in bocca al lupo per tutto!        

Palla e Chiatta: Grazie a te Angela per averci intervistate e un saluto speciale allo Staff e ai lettori di Fare Musica e Dintorni, grazie di cuore!

[youtube id=”BCjQuGa1IvQ&feature=youtu.be”]

Commento su Faremusic.it