Home Musica Recensioni Concerti RECENSIONE: Concerto ad Asti di fine “Club Tour 2016” dei Negrita

RECENSIONE: Concerto ad Asti di fine “Club Tour 2016” dei Negrita

1908
0
SHARE
Voto Autore

di Stefano Zonca

I Negrita sono una band che dal 1994 traccia la strada del rock italiano. Dopo anni di palasport e grandi location sono tornati ai Club. Un ritorno alle origini che fanno di questa rock band una realtà che pochi gruppi italiani possono vantare.

Ad Asti l’essenza del loro “CLUB TOUR” arriva al cuore dei fan e di tutte quelle persone che hanno potuto partecipare ad un loro concerto. Perchè i Negrita fanno musica punto. Senza filtri, senza ma e senza se. Rock, Funk, Blues, Ritmi Latini che ripercorrono una carriera che, senza mai svendersi, ha premiato il gruppo aretino.

Il Palco 19 di Asti (la location è un teatro trasformato in live club), diventa improvvisamente un posto dove la musica trasuda dalle pareti. Quella musica nata in locali piccoli e fumosi, dove il Rock ‘n’ Roll ha preso forma e i Negrita ne fanno parte.

Il loro concerto ti catapulta dentro l’atmosfera di quando, negli anni ’90, il rock italiano ha avuto il suo periodo migliore.

Si parte con “HEY NEGRITA” brano del loro primo album, per arrivare a “WAR”, per svoltare a “Negativo”, “Hollywood” e “1992”. Pezzi provenienti dai loro precedenti album e per anni tenuti nell’armadio per fare spazio alle hits di maggior successo radiofonico.

La performance non ti da respiro, non si riesce a stare fermi: si poga, si balla, si respira quello che i NEGRITA sanno fare meglio, comunicare le loro emozioni con la musica.  E c*** se ci riescono. Il pubblico è rapito, attento, divertito, ci sono lacrime che scendono e corpi che sudano.
Ma questo è il Rock ‘n’ Roll ragazzi.. questo è il f*** Rock ‘n’ Roll che ti passa attraverso il corpo e non ti molla.

Su “CAMBIO” Drigo viene lasciato solo dai compagni per un assolo che incanta il Club Astigiano. Drigo è uno dei pochi chitarristi italiani che ha una sua identità. Un modo di suonare che ha radici nel blues e che senza orpelli ti scava dentro lo stomaco.

Si chiude con “MAMA MAE” dopo due ore di CONCERTO VERO INTENSO E PURO.

Si conclude il CLUB TOUR con una pausa che durerà un po’, dicono i “DOTTORI del ROCK”.

Ma ciò che ho assistito sabato 9 Aprile a Palco 19 di Asti è qualcosa che durerà ancora un bel po’ in termine di emozioni. I Negrita sono nati su palchi di club dove solo la musica contava e dove solo le grandi band potevano conquistarsi il rispetto. E sabato sera ne ho avuto l’ennesima conferma.
Per citare un film di Virzì: “I Negrita… i più Grandi di Tutti”.

Commento su Faremusic.it