13.8 C
Milano
domenica, Aprile 5, 2020

Eurovision Song Contest 2020 ANNULLATO

E da giorni che girava la notizia dell'annullamento dell’Eurovision Song Contest 2020 e ora si è arrivati a questa decisione. A causa dell’emergenza sanitaria per...

Ultimi post

Turchia: morta l’attivista e cantante Helin Boker dopo 228 giorni di sciopero della fame

Si è conclusa così la battaglia di Helin Boker cantante dei Grup Yorum, band simbolo della sinistra turca fin dagli anni Ottanta, che dopo...

MEI e OA Plus riuniscono “L’Italia in una stanza”. Da Jamiroquai e Nek, tutti gli ospiti dello show

Da sabato 4 aprile fino a domenica 5 aprile andrà in onda in diretta streaming, dalle 8 alle 20, sui siti e sulle pagine...

Finale di Amici 19 ai tempi del Coronavirus: Il nulla assoluto!

Con tutto il rispetto per i concorrenti, per i ragazzi, per chi lavora nel programma, per le manovalanze, per la gente che ha profuso...

È morto Bill Withers. Era sua la bellissima canzone “Ain’t No Sunshine”

È morto un maestro, una leggenda, un mito, Bill Withers. A darne notizia è stata la famiglia con un comunicato ufficiale: "Siamo distrutti dalla perdita del...

RECENSIONE: Concerto ad Asti di fine “Club Tour 2016” dei Negrita

Voto Autore

di Stefano Zonca

I Negrita sono una band che dal 1994 traccia la strada del rock italiano. Dopo anni di palasport e grandi location sono tornati ai Club. Un ritorno alle origini che fanno di questa rock band una realtà che pochi gruppi italiani possono vantare.

Ad Asti l’essenza del loro “CLUB TOUR” arriva al cuore dei fan e di tutte quelle persone che hanno potuto partecipare ad un loro concerto. Perchè i Negrita fanno musica punto. Senza filtri, senza ma e senza se. Rock, Funk, Blues, Ritmi Latini che ripercorrono una carriera che, senza mai svendersi, ha premiato il gruppo aretino.

Il Palco 19 di Asti (la location è un teatro trasformato in live club), diventa improvvisamente un posto dove la musica trasuda dalle pareti. Quella musica nata in locali piccoli e fumosi, dove il Rock ‘n’ Roll ha preso forma e i Negrita ne fanno parte.

Il loro concerto ti catapulta dentro l’atmosfera di quando, negli anni ’90, il rock italiano ha avuto il suo periodo migliore.

Si parte con “HEY NEGRITA” brano del loro primo album, per arrivare a “WAR”, per svoltare a “Negativo”, “Hollywood” e “1992”. Pezzi provenienti dai loro precedenti album e per anni tenuti nell’armadio per fare spazio alle hits di maggior successo radiofonico.

La performance non ti da respiro, non si riesce a stare fermi: si poga, si balla, si respira quello che i NEGRITA sanno fare meglio, comunicare le loro emozioni con la musica.  E c*** se ci riescono. Il pubblico è rapito, attento, divertito, ci sono lacrime che scendono e corpi che sudano.
Ma questo è il Rock ‘n’ Roll ragazzi.. questo è il f*** Rock ‘n’ Roll che ti passa attraverso il corpo e non ti molla.

Su “CAMBIO” Drigo viene lasciato solo dai compagni per un assolo che incanta il Club Astigiano. Drigo è uno dei pochi chitarristi italiani che ha una sua identità. Un modo di suonare che ha radici nel blues e che senza orpelli ti scava dentro lo stomaco.

Si chiude con “MAMA MAE” dopo due ore di CONCERTO VERO INTENSO E PURO.

Si conclude il CLUB TOUR con una pausa che durerà un po’, dicono i “DOTTORI del ROCK”.

Ma ciò che ho assistito sabato 9 Aprile a Palco 19 di Asti è qualcosa che durerà ancora un bel po’ in termine di emozioni. I Negrita sono nati su palchi di club dove solo la musica contava e dove solo le grandi band potevano conquistarsi il rispetto. E sabato sera ne ho avuto l’ennesima conferma.
Per citare un film di Virzì: “I Negrita… i più Grandi di Tutti”.

Latest Posts

Turchia: morta l’attivista e cantante Helin Boker dopo 228 giorni di sciopero della fame

Si è conclusa così la battaglia di Helin Boker cantante dei Grup Yorum, band simbolo della sinistra turca fin dagli anni Ottanta, che dopo...

MEI e OA Plus riuniscono “L’Italia in una stanza”. Da Jamiroquai e Nek, tutti gli ospiti dello show

Da sabato 4 aprile fino a domenica 5 aprile andrà in onda in diretta streaming, dalle 8 alle 20, sui siti e sulle pagine...

Finale di Amici 19 ai tempi del Coronavirus: Il nulla assoluto!

Con tutto il rispetto per i concorrenti, per i ragazzi, per chi lavora nel programma, per le manovalanze, per la gente che ha profuso...

È morto Bill Withers. Era sua la bellissima canzone “Ain’t No Sunshine”

È morto un maestro, una leggenda, un mito, Bill Withers. A darne notizia è stata la famiglia con un comunicato ufficiale: "Siamo distrutti dalla perdita del...

I piu' letti

Analisi del testo “Fin che la barca va”

di Alberto Salerno So che a molti sembrerà strano che io abbia deciso di affrontare l’analisi di questo grande successo di Orietta Berti, scritto da...

LA CANZONE PROFETICA DI GIORGIO GABER: “DESTRA-SINISTRA”

di Roberto Manfredi  C’è una sola canzone che potrebbe sostituire l’inno di Mameli, è Destra-Sinistra di Giorgio Gaber. Non è solo una canzone apparente satirica,...

Viaggio nelle canzoni: Vattene amore

di Alberto Salerno Sono affezionatissimo a questa canzone, un vero emblema che rappresenta, insieme a poche altre, il Festival di Sanremo. Minghi e Panella ne...

La lunga storia della proprietà dell’Edizioni delle canzoni dei Beatles dal 1963 fino ai giorni nostri

di Claudio Ramponi Per comprendere meglio l'intera vicenda bisogna fare un salto nel passato e conoscere di un personaggio chiave: Dick James. Nato a Londra nel 1920,...

Viaggio nelle canzoni: “Il più grande spettacolo dopo il big bang” di Jovanotti

di Alberto Salerno Jovanotti e "Il più grande spettacolo dopo il big bang" - Fonte Testo Wikipedia: Il brano è caratterizzato da un sound rock,  che il...

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.