Home Musica Carmen Consoli maestro concertatore della “Notte della Taranta”, Edizione 2016

Carmen Consoli maestro concertatore della “Notte della Taranta”, Edizione 2016

1363
0
SHARE
Voto Autore

di Giuseppe Santoro

A quanto sembra (manca soltanto l’ufficialità) sarà Carmen Consoli a dirigere l’orchestra del concertone finale della “Notte della Taranta” in programma per il 27 agosto.

Per la prima volta nella storia dell’evento salentino quindi, sarà una donna a fare da “maestro concertatore” alla serata e certamente, conoscendo la verve artistica dell’autrice siciliana, sarà in grado di gestire un incarico del genere.

Di sicuro per la Consoli si tratta di un grande onore e contemporaneamente di una grande responsabilità, soprattutto considerando la tantissima gente che negli anni scorsi ha invaso il paesino salentino di Melpignano per assistere allo spettacolo e la caratura degli artisti che nel corso degli anni hanno partecipato alla kermesse. Facendo un salto indietro solo di pochi mesi ad esempio, come vi abbiamo raccontato ampiamente in un altro articolo, la scorsa estate si è cimentato Ligabue con le sonorità pizzicate e con alcune tra le canzoni più popolari della tradizione grika, coadiuvato da un maestro come Phil Manzanera.

In questa diciannovesima edizione tocca alla Consoli invece fare da guida agli artisti che si alterneranno sul palco. Proprio lei che ha già partecipato, esattamente dieci anni fa, come ospite alla Taranta e che già in quell’occasione diede prova di grandi abilità di sperimentazione musicale e contaminazione culturale.

Non ci resta che aspettare e sperare di vedere uno spettacolo almeno all’altezza degli anni precedenti, ma che possa recuperare alcuni tratti più caratteristici, che rispetto alle prime edizioni si sono un po’ persi, senza cedere troppo il passo al commerciale. E Carmen Consoli potrebbe rivelarsi una scelta giusta in questo senso.

SHARE
Previous articleGrande raduno di giovani a Napoli, 13mila coristi per “lapiazzaincantata”, per diffondere la musica nelle scuole
Next articleSpringsteen annulla concerto in North Caroline e si schiera con la comunità LGBT
Giuseppe Santoro
Ricco, bello, dolce e simpatico nella vita precedente. In questa invece, nasco a Lecce il 18 luglio del 1989 da una famiglia di professori. Mia madre insegna Lettere in una Scuola Media di provincia e mio padre, adesso pensionato, era insegnante di Educazione Fisica. Dopo il diploma commerciale ho lavorato come impiegato in un Centro di Medicina Nucleare per un anno e mezzo, ma purtroppo in seguito ai tagli alla sanità pugliese, all’inizio del 2011 mi sono ritrovato disoccupato. Nel 2013 ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione e adesso frequento la facoltà Magistrale di Lettere Moderne. Importante è stata per la mia formazione professionale, l’esperienza come responsabile comunicazione e social per il sito Cometiveste.it, di cui sono il fondatore con altri due ragazzi. Canto in una band da due anni e adesso ci stiamo dedicando anche allo sviluppo di alcuni progetti inediti. Ho sempre scritto testi musicali, poesie, ma anche saggi brevi sugli argomenti più disparati e nei miei articoli mi piace osservare la società con occhio critico. Oltre a un’ ipotetica carriera nell’ambito dell’insegnamento, molto difficile visti i tempi che corrono, mi piacerebbe continuare a dedicarmi alla critica musicale e sociale. Non amo molto dire cose ovvie e in generale, non mi piace stare dalla parte del più forte. Da un po’ di tempo collaboro con questo blog che credo stia diventando un punto di riferimento importante per chi ama la musica e i suoi retroscena. Spero di essere all’altezza del compito e poter interessare i lettori a quelle che sono le mie idee e i miei pensieri.

Commento su Faremusic.it