Home Musica GLI ITALIANI NEL MONDO DELLA MUSICA IGNORATI IN ITALIA

GLI ITALIANI NEL MONDO DELLA MUSICA IGNORATI IN ITALIA

1367
0
SHARE
Voto Autore

di Mariafrancesca Mary Troisi

L’altro giorno ho letto un articolo di Claudio FerrantePresidente e fondatore di Artist First – che poneva la sua attenzione sugli italiani che fanno parlare di sé, nel mondo della musica.

Leggendo avidamente il suo articolo, mi sono focalizzata su alcuni punti.

Perché i media in Italia non prestano la stessa dettagliata attenzione – ad esempio – ai Grammy, e ci “rompono i cabasisi” (come direbbe Montalbano) con estenuanti maratone su Sanremo?

Che in fondo di musica se ne occupa solo come di un accessorio di contorno, talvolta anche fastidioso, perché toglie l’attenzione al fulcro principale dello show.

Eppure i Grammy  Awardsuno dei premi statunitensi più importanti al mondo per i risultati conseguiti nel settore della musica -, l’equivalente in musica dei ben più celebrati, dai media italiani, Oscar del cinema, meriterebbero la giusta rilevanza.

Nessun canale in Italia ha trasmesso l’evento, nemmeno in differita, anche se nella notte del 16 febbraio su quel palco hanno “trionfato” – tra gli altri – due connazionali.

Riccardo Damianingegnere del suono di Uptown Funk, di Mark Ronson feat. Bruno Mars – vincitore del Grammy come “Record of the Year” (uno dei quattro Grammy Award più prestigiosi, che premia l’artista e il suo team di realizzazione – del brano), e Tommaso Collivaproduttore dell’album dei Muse – “Drones” -insieme a Mutt Lange, che si è aggiudicato il premio come Best Rock Album.

Perché non citare due giovani italiani che arrivano ad aggiudicarsi un Grammy?

La risposta me l’ha data Ferrante – chiaramente – nel suo articolo. Perché nessuno – in Italia – pone la sua attenzione a tutti quei professionisti che lavorano nel mondo della musica, lavori che qui da noi non sono considerati nemmeno un lavoro. Spesso ci si sente dire: ”Sì, fai musica. Ok. Ma di lavoro, lavoro vero, che fai?”.

Non si ha la giusta percezione del “mestiere” musica. La musica che è al centro della vita di tutti, ma le cui professionalità non sono considerate come in tutti gli altri campi.

Questo per ignoranza culturale.

E quindi non c’è nemmeno da meravigliarsi se sul “famoso” Maestro Morricone si scriveranno – giustamente – fiumi di pagine per il suo Oscar – dopo quello alla carriera – finalmente conseguito, e due meno noti professionisti del settore, nonostante il prestigioso riconoscimento, passino in sordina, passino attraverso quel silenzio in cui operano tanti che fanno questo mestiere, schiacciati dall’ignoranza e dalla frustrazione, che vedono riconosciuti i propri meriti fuori dal confine italiano.

Eh già, perché Riccardo Damian e Tommaso Colliva, ad esempio, lavorano a Londra. Sono andati via da un Paese in cui se sei giovane di opportunità ne trovi con il lumicino, e se le trovi, gridi al miracolo.

Il mondo della musica ormai parla sempre meno italiano, perché non esportiamo quasi più nulla di nostro all’estero. E quando parla italiano, lo fa in silenzio.

Perché il nostro Paese è il primo a non “riconoscere” le sue eccellenze, e in alcuni casi la sua lingua stessa.

SHARE
Previous articleL’ESORDIO DI MARGHERITA ZANIN
Next articleADELE A LONDRA CANTA PER LE VITTIME DI BRUXELLES E USA PAROLE DURE PER I TERRORISTI
Mariafrancesca Mary Troisi
Da sempre appassionata alla letteratura italiana, ho iniziato a scrivere da ragazzina. Passione, insieme a quella per la musica, ereditata da mio padre, scomparso quando ero ancora piccola. In breve tempo la penna e il foglio (o lo schermo di un pc) sono diventati il “mio amico fedele”, capace di comprendere perfettamente ogni mio stato d’animo. Dall’età di 6 anni, per circa 8 anni, ho preso lezioni di pianoforte classico, e per due anni consecutivi, ho fatto parte di un coro, partecipando a svariati concorsi, portando il folclore della mia terra (la Campania) in giro per l’Italia. Esperienza, insieme a quella del pianoforte, volutamente accantonata, ma non conclusa, perché il “mondo della musica” ha continuato ad affascinarmi, anche se in altre “vesti”. Ho iniziato, infatti, a scrivere testi di canzoni, sviscerandomi e “confidandomi” in ogni mio testo, scoprendo così, lati di me, sconosciuti anche a me stessa. Per circa un anno ho collaborato con una rivista, scrivendo racconti. Ho partecipato a diversi concorsi di poesia; le poesie sono sempre state scelte per la pubblicazione. Ho avuto il piacere e onore di essere inserita lo scorso anno nell’Enciclopedia dei Poeti Contemporanei, intitolata a Mario Luzi, patrocinata dal Senato della Repubblica, con 3 poesie. Dall’inizio dell’anno ho una sorta di blog su fb, una pagina sui cui appunto considerazioni, riflessioni, e su cui pubblico periodicamente racconti e poesie. Ho provato di recente anche l’esperienza della radio, facendo uno stage /laboratorio full immersion, con alcuni degli speaker più “quotati” attualmente. Esperienza, quella della radio, che riprenderò a breve, senza abbandonare quello che è il mio sogno più grande, ossia continuare a scrivere. Perché paradossalmente sono i sogni l’unica certezza che abbiamo.

Commento su Faremusic.it