Home Musica TORNA LA VOCE D’ANGELO DI ANTONY HEGARTY

TORNA LA VOCE D’ANGELO DI ANTONY HEGARTY

945
0
SHARE
Voto Autore

di Adrien Viglierchio

Si chiamerà Hopelessness, il nuovo progetto discografico di Antony Hegarty, una delle più belle voci del pianeta, capace di vibrare ed evocare in noi reazioni profonde e animiche.

Disco co-prodotto con Ross Birchard, alias Hudson Mohawke di Glasgow, uno dal sound elettronico inconfondibile e Daniel Lopatin, alias Oneohtrix Point Never, anche lui musicista sperimentale ambient e mago dei sintetizzatori.

Antony o meglio Mr. Hegarty, come molti lo chiamano, ha finalmente pubblicato una preview relativa al debut single del progetto ANOHNI e intitolato 4 Degrees, condiviso per lo streaming pochi giorni fa, il 30 novembre 2015, assieme ad una nota scritta di suo pugno, il singolo è in streaming nella pagina album dedicata.

Lui stesso ha scritto:

E’ un brano dance roboante che celebra il riscaldamento globale e la biodiversità morente […] Piuttosto che rifugiarsi nelle buone intenzioni, Anohni dà voce a quello che è il suo comportamento da persona che continua a consumare in questa economia basata sul petrolio”.

[youtube id=”Fi0q0O4V5Qs”]

Hegarty ha proposto alcune esecuzioni del disco al Sonar di Barcellona, sempre con la sua immancabile orchestra in grado di ampliare ancora di più le sue straordinarie capacità comunicative.

Su Pitchfork invece si può trovare una recente intervista molto interessante di Antony:
“Sono stanco di essere in lutto per l’umanità e ho anche pensato che pretendere di non essere parte del problema non sia totalmente onesto. 4 degrees è un tentativo brutale di rendermi responsabile, non solo di dare valore alle mie intenzioni ma di riflettere sul vero impatto delle mie azioni“.

E’ un disco elettronico con qualche dente affilato“, ha spiegato l’artista nel post apparso sulla pagina personale degli Antony and the Johnsons dove è stata ufficializzata la pubblicazione.

L’ultimo album di inediti in studio dell’artista di Chichester, Sussex, Regno Unito, risale al 2010: dopo “Swanlights” Hegarty ha saputo comunque occupare il panorama discografico con due dischi dal vivo, “Cut the world” del 2012 e “Del suo veloce volo“, quest’ultimo insieme a Franco Battiato, nel 2013, una colonna sonora (“Turning“, nel 2014) e l’EP “Fistful of love“, nel 2013.

Attendiamo l’uscita dell’intero lavoro, ora in fase di Mixaggio.


[youtube id=”kpxNDWL–KE&feature=youtu.be”]

Commento su Faremusic.it