3 C
Milano
venerdì, Aprile 3, 2020

Andrà tutto bene, nella speranza che il risveglio ci trovi più umani e grati

Viviamo momenti difficili, costretti da un virus, un'entità quasi invisibile, una semplice sequenza di geni, a cambiare le nostre vite radicalmente, a cambiare le...

Ultimi post

Coronavirus: “Artisti profondi”, artisti in diretta streaming per la città di Fondi da una idea di Virginio

“Artisti profondi, la musica italiana in diretta streaming per la città di Fondi”, un interessante gioco di parole che dà il titolo ad una...

Jack Savoretti e i suoi fan italiani in una canzone per l’Ospedale San Martino di Genova

“Siamo distanti ma uniti, andrà tutto bene e torneremo a cantare” sono alcune delle parole contenute nel bellissimo brano scritto da Jack Savoretti in...

Coronavirus: morto Ellis Marsalis, la leggenda jazz di New Orleans

Il coronavirus si porta via un altro grande artista. Il mondo della musica jazz perde un maestro, un gigante, un mito, Ellis Marsalis, una leggenda...

PEARL JAM ESCONO CON IL NUOVO ALBUM “GIGATON”

I Pearl Jam sono finalmente usciti con l'attesissimo nuovo album “Gigaton” a sette anni da "Lightning Bolt", il primo disco nell’era Trump. Molto spazio...

Innuendo e il saluto di Freddie

Voto Autore

di Giuseppe Santoro
Questa non è una recensione vera e propria, perché a scrivere sono le emozioni.

L’ultimo vero grande disco dei Queen, Innuendo, il quattordicesimo in studio, è uscito nel 1991, anno della morte del frontman Freddie Mercury.

Credo che egli sia diventato un mito per la gente, soprattutto per i concerti nei quali ha trascinato milioni di persone e per il suo stile di vita da rockstar, da me invece è considerato una leggenda perché ha continuato a fare musica e a cantare nonostante la malattia terribile che lo stava distruggendo. La sua voce, incredibilmente, diventava sempre più alta e bella, come se riuscisse a volare addirittura oltre la morte.

La prima traccia del disco è anche quella che dà il titolo all’album, “Innuendo”. Si tratta di un ritorno con elementi moderni, ai Queen più sperimentali degli anni 70. La canzone è un crescendo di rara bellezza, che ad un certo punto sfocia nel famoso assolo di flamenco eseguito dal chitarrista degli Yes. Dura 6 minuti e 30 secondi, più della celebre “Bohemian Rapsody” alla quale somiglia per la grande varietà di stili musicali adottati.

210298_10151211474867362_400862187_o

Giudico un capolavoro “I’m going slighty mad”, canzone glam rock molto raffinata scritta da Freddie, che forse ironizza sulle sue condizioni di salute e sulla sua paura di poter impazzire. Pare che il testo, decisamente ironico, sia nato pescando frasi a caso da un contenitore. Bisognerebbe farlo più spesso se questo è il risultato.
Il videoclip è stato girato nel Febbraio del 91, il penultimo con Mercury vivo che qui ancora riesce a muoversi, nonostante la malattia fosse già nella fase terminale.

Headlong”, è una canzone rock scritta da Brian May, con un ritornello che rimane in testa, fa il paio con la quarta traccia del Cd, “I can’t live with you”, sempre composta dal chitarrista. Quest’ultima possiede un’anima davvero potente e verrà ripubblicata in una versione ancora più rock nel 1997.

Don’t try so hard” è stata scritta da Freddie (anche se tutte le canzoni sono attribuite all’intero gruppo) ed è cantata quasi completamente in falsetto. Ad un certo punto il brano si apre e sul secondo ritornello, il cantante è accompagnato da un coro. Bellissimo l’assolo di May che rappresenta appieno tutto il significato del pezzo.

Una dichiarazione d’amore verso la propria macchina, era già stato il tema di una vecchia canzone dei Queen del 1976: “I’m in love with my car”. “Ride the wild wind”, ne è la chiara continuazione e parla di un viaggio ad alta velocità cavalcando il vento selvaggio. Scritta da Roger Taylor e strutturata su un beat continuo e veloce, dà la sensazione agli ascoltatori di essere alla guida di un bolide su quattro ruote.

All god’s people” è un pezzo gospel che doveva far parte di un progetto solista di Mercury e aveva come titolo provvisorio “Africa by night”. Ripreso dalla band e inserito in questo album, mette in mostra le grandissime doti vocali del frontman di Zanzibar.

[youtube id=”oB4K0scMysc”]

La canzone più dolce e malinconica è sicuramente “These are the day of our lives”, che non eccelle per la complessità della struttura, ma forse proprio per questo racconta perfettamente il sentimento nostalgico che provavano i Queen in quel periodo. Incredibile valore al brano è dato da due fattori: l’assolo di chitarra di Brian May, che appare quasi come un lamento per le condizioni precarie del grande amico e compagno di musica e il videoclip, l’ultimo girato da Freddie Mercury (scomparirà sei mesi dopo). L’immobilità alla quale era costretto durante le riprese, non hanno influito sulla grandissima espressività dell’artista, che con un ultimo sorriso, a testimonianza della sua grandezza, saluta i suoi fan con le parole “I still love you”.

La nona traccia è un pezzo scritto come un gioco e voluto fortemente nel Cd da Mercury. In “Delilah” infatti, non c’è grande valore musicale ed è soltanto una dimostrazione dell’amore che il cantante provava per i suoi gatti.

The Hitman” invece, non mi dispiace affatto e la considero davvero una bella canzone hard-rock degli anni 90. Sicuramente sottovalutata.

La penultima traccia, Bijou, è un duetto tra Mercury e May, dove non compaiono gli altri due componenti del gruppo (cosa molto rara nella produzione dei Queen). Il cantato è ridotto all’osso per lasciare spazio alla melodia magnifica suonata dalla Red Special. Un dialogo bellissimo e originale di voce e chitarra.

[youtube id=”t99KH0TR-J4″]

Ma è con “The show must go on” che si raggiunge l’apice dell’album e forse dell’ultima parte della carriera dei Queen. Brano maestoso, conosciuto da tutti e spesso erroneamente attribuito a Mercury. In realtà è stato scritto da Brian May in suo onore e cantato dall’amico sofferente, assume un significato incredibile.
È in questa canzone che la voce di Freddie sembra superare ogni difficoltà legata all’Aids e riesce a raggiungere delle note altissime, a dispetto anche di quello che prevedeva May.
Il singolo uscì un mese e mezzo prima della morte del leader dei Queen e rimase in classifica per mesi, enfatizzando ancora di più il triste evento.

Quando si parla di Innuendo, a volte non si coglie lo sfondo e si guarda solo il primo piano, altre volte invece ci si sofferma sul contesto e non sulla qualità vera dell’album. Io credo che le due cose non si possano scindere, il messaggio che ha voluto lasciarci Freddie infatti, è proprio quello di fare quello in cui crediamo fino all’ultimo… “to the end of time”.

Latest Posts

Coronavirus: “Artisti profondi”, artisti in diretta streaming per la città di Fondi da una idea di Virginio

“Artisti profondi, la musica italiana in diretta streaming per la città di Fondi”, un interessante gioco di parole che dà il titolo ad una...

Jack Savoretti e i suoi fan italiani in una canzone per l’Ospedale San Martino di Genova

“Siamo distanti ma uniti, andrà tutto bene e torneremo a cantare” sono alcune delle parole contenute nel bellissimo brano scritto da Jack Savoretti in...

Coronavirus: morto Ellis Marsalis, la leggenda jazz di New Orleans

Il coronavirus si porta via un altro grande artista. Il mondo della musica jazz perde un maestro, un gigante, un mito, Ellis Marsalis, una leggenda...

PEARL JAM ESCONO CON IL NUOVO ALBUM “GIGATON”

I Pearl Jam sono finalmente usciti con l'attesissimo nuovo album “Gigaton” a sette anni da "Lightning Bolt", il primo disco nell’era Trump. Molto spazio...

I piu' letti

Andrà tutto bene, nella speranza che il risveglio ci trovi più umani e grati

Viviamo momenti difficili, costretti da un virus, un'entità quasi invisibile, una semplice sequenza di geni, a cambiare le nostre vite radicalmente, a cambiare le...

Lady Gaga come un’ androide nuda per il lancio di “Chromatica”

Lady Gaga sta per uscire con il suo nuovo album "Chromatica", in uscita il 10 aprile, anticipato dal singolo "Stupid Love". L'artista italo americana sta...

Come è nata Bella D’estate

di Alberto Salerno  Siamo nel marzo del 1987 e ci troviamo a Bologna, nello studio di Mauro Malavasi, che era stato scelto come arrangiatore del...

Analisi del testo “Fin che la barca va”

di Alberto Salerno So che a molti sembrerà strano che io abbia deciso di affrontare l’analisi di questo grande successo di Orietta Berti, scritto da...

Beppe Carletti sul cambio del cantante dei Nomadi: “dico ai fan di avere fiducia in noi, e spero capiranno”

di Athos Enrile I Nomadi fanno sempre notizia. La loro storia è infinita e il loro resistere al mutare dei tempi, i loro live sempre...

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.