Home Musica Recensioni Album RECENSIONE “DE GREGORI CANTA BOB DYLAN – AMORE E FURTO”. A MARZO...

RECENSIONE “DE GREGORI CANTA BOB DYLAN – AMORE E FURTO”. A MARZO DE GREGORI PARTE IN TOUR

Uscito l'omaggio di Francesco De Gregori a Bob Dylan, "De Gregori canta Bob Dylan - Amore e furto", undici brani del cantautore americano tradotte in italiano dal cantautore romano. L'album è stato anticipato dal singolo "Un angioletto come te". A Marzo 2016 parte l'AMORE E FURTO tour 2016.

2927
0
SHARE
Voto Autore

di Athos Enrile

Il nuovo disco di Francesco De Gregoriuscito il 30 ottobre – è un tributo ad un suo mito giovanile, Bob Dylan, protagonista di epocali proposte musicali che, a partire dagli anni sessanta, hanno caratterizzato un cambiamento culturale poi diffusosi a macchia d’olio, alimentato da messaggi tradotti in musica che disegnano il menestrello americano come prototipo del cantautore contemporaneo.

De Gregori ha esattamente dieci anni in meno di Dylan, e la differenza generazionale rappresenta la perfetta distanza tra il punto di riferimento e il suo follower, e il titolo scelto, AMORE E FURTO Love and Theft è il trentunesimo album in studio di Bob – diventa una descrizione rappresentativa di azioni e sentimenti che alimentano, probabilmente, il Francesco nazionale: amore per certa musica e adorazione per chi la crea, e al contempo una appropriazione musicale che ha come obiettivo principe l’omaggio all’autorevolezza e al talento altrui.

10336793_714384218622077_456735245212025833_n

Racconta Francesco De Gregori: “Tradurre Dylan è stata una grande avventura, in tutti i sensi racconta Francesco De Gregori – E credo che non avrei mai potuto nemmeno pensare ad un progetto del genere se non avessi amato da sempre il suo straordinario repertorio e il suo incredibile talento di musicista. Per questo motivo il mio disco ha questo titolo: “AMORE E FURTO”, rubato a un disco di Dylan in cui lui stesso dichiarava esplicitamente le sue passioni musicali e le influenze che aveva subito. Furto, quindi, ma soprattutto amore per un grandissimo artista e per alcune delle sue più belle canzoni, forse non le più conosciute qui in Italia”

Sono undici i brani che compongono l’album – disponibile in versione standard, in versione doppio vinile e in un box cd + doppio vinile – ma non sono certamente i più conosciuti, cioè i classici divenuti elementi didattici, come Mr. Tambourine Man, Blowin’ in the Wind, My Back Pages  e Like a Rolling Stone.

La ricerca di De Gregori appare invece più naturale e passa attraverso la necessità di cambiare poco o nulla – e anche questa è una grande forma di rispetto – mantenendo la fedeltà di arrangiamento e, soprattutto, quella traduttiva, fatto di per sé complicatissimo se si pensa alla differenza tra la metrica inglese e quella italiana, che ha spinto verso qualche naturale modifica.

Non ci sono periodi privilegiati nella scelta dei brani, e la lunga e dettagliata conoscenza del repertorio dylaniano permette di pescare in modo trasversale.

12204971_10206578193326973_431059106_n
Vediamo la track list e la provenienza originale, che spero possa essere utile ai curiosi per attivare un sano effetto domino.

Tracklist di “De Gregori canta Bob Dylan – Amore e furto”:

Un angioletto come te (Sweetheart like you, dall’album Infidels-1983)
Servire qualcuno (Gotta serve somebody, dall’album Slow Train Coming- 1979)
Non dirle che non è così– (If you see her, say hello, dall’album Blood on the Tracks-1975)
Via della Povertà– (Desolation row, tratto dall’album Highway 61 Revisited-1965)
Come il giorno – (“I shall be released”, registrato da The Band – 1967)
Mondo politico – (Political world, tratto dall’album  Oh Mercy -1989)
Non è buio ancora –  (Not dark yet, tratto dall’album Time Out of Mind-1997)
Acido seminterrato – (Subterranean homesick blues blues, tratto dall’album Bringing It All Back Home – 1965)
Una serie di sogni – (Series of dreams, tratto dall’album Oh Mercy – 1989)
Tweedle Dum & Tweedle Dee – (Tweedle Dee & Tweedle Dum, tratto dall’album Love and Theft-2001)
Dignità – (Dignity, tratto dall’album Bob Dylan’s Greatest Hits Volume 3 – 1994)

Disponibile su iTunes su Amazon su Spotify.

12196273_1030282800365549_5982752313681088393_n
Tutti gli episodi sono godibili, e mi pare presentino un deciso denominatore comune che definirei con un termine preciso… “rispetto”, con un deciso sforzo rivolto alla minore contaminazione possibile, alla fine inevitabile, vista la statura artistica di De Gregori, ma si avverte il senso della misura, in uno status di ferma coerenza, sia nella ballad che nel blues, ondeggiando tra situazione acustica ed elettrica, arrivando per via del tutto naturale alla rappresentazione dei cambi di percorso che procurarono a Dylan non poche critiche.

Bob Dylan è patrimonio comune, come tanti altri personaggi illustri della musica internazionale, e come tale viene riproposto a più riprese attraverso tributi, ricordi, serate da pub, album, ma non ho memoria di un tale atto di amore di un artista verso un altro artista, ed è netta la sensazione che l’album rappresenti una sorta di fermatura del cerchio, il punto di arrivo di un percorso iniziato lustri fa, quando un adolescente armato di idee e chitarra, incontrava un mondo nuovo e di esso si innamorava all’istante.

Un album tutto da ascoltare, senza la necessità di fare opera di comparazione perché, nonostante il gemellaggio dichiarato, AMORE E FURTO può essere fruito come inedito, soprattutto per quelli che non navigano con facilità nella sterminata discografia di Dylan, e che quindi potrebbero considerare il disco un vero e proprio nuovo atto.

Da segnalare che il brano Via Della Povertà/ Desolation Row fu tradotto assieme a Fabrizio De Andrè nel lontano 1973, e poi inserito nell’album Canzoni, che il cantautore genovese rilasciò nel’74.

11214164_1024341207626375_4416019316367368827_n

Nelle prossima primavera è prevista la realizzazione di un tour ed è probabile che una parte di spettacolo sarà dedicata in toto ad AMORE E FURTO.

Una curiosità: Love and Theft venne pubblicato l’11 settembre del 2001, una data impossibile da dimenticare, e mi piace immaginare che anche Amore e Furto di Francesco De Gregori possa in qualche modo riportare all’impegno verso i grandi temi che contraddistinguono la nostra quotidianità, quei muri di cemento che musicisti come Bob Dylan hanno provato a scalfire con la loro musica in tempi lontani, giorni in cui si aveva la speranza che una canzone potesse cambiare il mondo.

DE GREGORI CANTA BOB DYLAN – AMORE E FURTO è Prodotto da Guido Guglielminetti.

Il primo singolo estratto dall’album, attualmente in rotazione radiofonica, è “Un angioletto come te”. Il video del brano (diretto da Alessandro Arianti).

Il tour di Francesco De Gregori inizierà il 5 MARZO e toccherà i principali club e teatri italiani.

495x295-DeG
Date e Location dell’AMORE E FURTO tour 2016

5 marzo – Atlantico Live di ROMA
8 marzo – Teatro Augusteo di NAPOLI
9 marzo – Teatro Team di BARI
11 marzo – Teatro Metropolitan di CATANIA
12 marzo – Teatro Golden di PALERMO
15 marzo – Teatro Colosseo di TORINO
17 marzo – Obihall di FIRENZE
19 marzo – Teatro Carlo Felice di GENOVA
20 marzo – Teatro Regio di PARMA
23 marzo – Teatro Alcatraz di MILANO

I biglietti saranno disponibili su ticketone e nei punti vendita abituali (per info F&P Group).

RTL 102.5 è la radio media partner ufficiale dell’“AMORE E FURTO tour 2016” (prodotto e organizzato da Caravan e F&P Group) di Francesco De Gregori

[youtube id=”bd29sNmzaag”]

 

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here