16.2 C
Milano
sabato, Maggio 30, 2020

Patrizia Cirulli canta Alda Merini: “Uno sfondo bianco e i colori delle emozioni per tornare all’essenza” – INTERVISTA

Intervista a Patrizia Cirulli, cantautrice milanese con solido pedigree, uscitacon un progetto interessante, “Patrizia Cirulli canta Alda Merini”

Ultimi post

BRUNORI SAS CEDE I RICAVATI DEL MERCHANDISING ALLO STAFF RIMASTO SENZA LAVORO

Nobile gesto quello del cantautore Brunori sas, che cede i ricavati del merchandising del nuovo album Cip! al suo staff rimasto senza concerti e senza lavoro

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

LADY GAGA: da oggi in tutto il mondo il nuovo album CHROMATICA

È finalmente disponibile in tutto il mondo “CHROMATICA”, il nuovo atteso sesto album di LADY GAGA (Virgin Records Italy/ Universal Music Italia)

Max Gazzè questa estate in tour per far lavorare le maestranze – Rinuncia ai cachet

Max Gazzè : “Ok ai concerti da mille posti a sedere, rinuncio ai cachet per ridare la dignità del lavoro a chi è fermo”

Il teatro sotterraneo di Boston è un gioiello segreto abbandonato dal 1942

Voto Autore

Articolo di Matteo Rubboli per vanillamagazine.it

Boston nasconde a 12 metri di profondità sotto la terra un luogo bellissimo e forse unico al mondo: una sala concerti abbandonata da 650 posti costruita a metà dell’800.

Il teatro è rimasto chiuso durante gli ultimi 73 anni e ha una storia interessante e curiosa. L’edificio è la parte inferiore del negozio di pianoforti M.S Steinert & Sons su Boylston Street. La Steinert Hall era una volta uno spazio celebre della capitale del Massachusetts, luogo di ritrovo delle persone colte e altolocate di Boston.

Il teatro “acusticamente perfetto” fu costruito da Alexander Steinert, figlio di Morris Steinert, un immigrato tedesco che arrivò a Boston a metà del 1800 con il sogno di aprire un negozio di pianoforti in America. Alexander progettò e fece realizzare questa sala concerti da 650 posti con lo scopo di realizzare un ambiente acustico unico, abbastanza profondo da isolarlo completamente dal rumore del traffico della città che gli stava sopra. I musicisti e gli artisti che calcarono le assi del suo palcoscenico godevano allora di fama mondiale, ma la Steinert Hall non ha ospitato eventi dal 1942, l’anno in cui una terribile tragedia scosse l’America.

In quell’anno 492 persone perirono durante un incendio alla discoteca di Cocoanut Grove, proprio a Boston. A seguito dell’incidente le autorità decisero che le norme di sicurezza all’interno dei locali pubblici sarebbero cambiate radicalmente, e in particolar modo gli spazi sotterranei avrebbero dovuto garantire vie di fuga adeguate per consentire agli spettatori di non fare la fine delle vittime del terribile incidente del Cocoanut Grove.

Ristrutturare il teatro per renderlo a norma sarebbe stata una spesa semplicemente inaffrontabile per Steinhert, e quindi la sala concerti finì dimenticata fra il frastuono delle notizie della Seconda Guerra Mondiale. Il negozio soprastante continuò la propria attività e divenne sempre più un punto di riferimento per i musicisti della città, ma tutti si dimenticarono di quell’Auditoirium sotterraneo, un tempo la casa degli amanti della musica e della cultura cittadina.

Foto Gallery: Teatro sotterraneo di Boston – [Fonte Foto vanillamagazine.it]

Nel 2011 Greig Lamont pubblicò un articolo sul suo blog, A Project in Ruins, che ricordarò al mondo l’esistenza di questo spazio unico e magnifico pochi metri sotto le strade di Boston. Il custode dell’edificio accordò il permesso a Greig di andare sotto e fotografare gli spazi, che egli descrive:
La sala ha alcune sedie e panche originali, ed è stata utilizzata come magazzino e ripostiglio. Pianoforti rotti, grandi casse di legno da trasporto, vecchi gabinetti, cassette, armadi, e altri oggetti giacciono sparsi sul suo splendido pavimento“.

Le sedute originali furono donate al Boston College High School e, dal momento della sua chiusura, il teatro è stato vittima dei danni causati dall’acqua. Nel 1960 la costruzione di garage causò gravi perdite a causa della rottura di un tubo dell’acqua, e da allora le infiltrazioni sono costanti e continue.

Durante la guerra il teatro fu anche indicato come un possibile rifugio antiaereo, ma fortunatamente non venne mai utilizzato. Alcuni musicisti hanno chiesto sovente di visitare lo spazio, e fra loro spicca il nome di Elton John che, durante un tour negli anni ’90, visitò lo Steinert. Il Boston Globe nel 2013 pubblicò un pezzo riguardante questo tesoro nascosto nei sotterranei della città ma, a scanso di equivoci, Paul Murphy, il presidente della M. Steinert & Sons, ha scoraggiato qualunque tipo di visita a causa degli elevati rischi per la sicurezza. Murphy stesso ha ricevuto diverse richieste per rendere nuovamente il teatro agibile ma, a causa dei costi elevatissimi della rimessa in sicurezza degli spazi stimati in circa 6 milioni di dollari, nessuno ha poi concretizzato l’acquisto.

Latest Posts

BRUNORI SAS CEDE I RICAVATI DEL MERCHANDISING ALLO STAFF RIMASTO SENZA LAVORO

Nobile gesto quello del cantautore Brunori sas, che cede i ricavati del merchandising del nuovo album Cip! al suo staff rimasto senza concerti e senza lavoro

Vecchioni: «Nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

Vecchioni ha ragione, quando parla della “sua” Milano: «Nessun paese, nessuna città, nessuna regione italiana può vivere, se muore Milano»

LADY GAGA: da oggi in tutto il mondo il nuovo album CHROMATICA

È finalmente disponibile in tutto il mondo “CHROMATICA”, il nuovo atteso sesto album di LADY GAGA (Virgin Records Italy/ Universal Music Italia)

Max Gazzè questa estate in tour per far lavorare le maestranze – Rinuncia ai cachet

Max Gazzè : “Ok ai concerti da mille posti a sedere, rinuncio ai cachet per ridare la dignità del lavoro a chi è fermo”

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.