11.1 C
Milano
martedì, Gennaio 18, 2022

Ultimi post

Dei riti smarriti… e delle malinconie estive

di Giò Allegri

Nelle estati della mia memoria, riaffiora il ricordo di un’immagine, quasi tramontata in nord Italia, nelle città.

La bancarella del cocomeraio, che occupava strategici angoli e crocevia di corsi molto frequentati, ma anche accessi alle tangenziali di periferia. Il cocomero era il genere di conforto per eccellenza, nelle sere estive dell’agosto di esodi, bollini neri, migrazioni di massa verso località di vacanza e serrande selvagge, concentrate in settimane roventi.

Il rito semi-scomparso del cocomero, aveva due momenti topici. Il momento del “prima di cena”: di ritorno dal lavoro, si sostava presso la salvifica bancarella, dove il cocomeraio, sollecito attendeva con un sorriso e la consumata competenza. Sceglieva il cocomero convincendovi di avere ascoltato le vostre richieste, lo tastava sapientemente, e con un magistrale colpetto di nocche sul fondo, all’ascolto del suono prodotto, garantiva la maturazione perfetta.

Rivedo il mio papà, impiegato in una famosa fabbrica del nord, percorrere la strada verso casa, con un’ enorme anguria sotto il braccio. Lui arrivava, sudato ed accaldato, ma la sua prima premura era quella di porre l’anguria in frigorifero (operazione impossibile, date le dimensioni) con la massima velocità, nella speranza di poterla mangiare fresca al termine della cena.

Mar cocomeri
Il secondo momento topico era, in alternativa, il giretto ”dopo cena”. Ci si recava alla bancarella, per degustare uno spicchio succoso già fresco, durante una passeggiata, nella canicola serale. Se ci si pensa, il cocomero consumato per strada era l’antesignano degli “Street food” che oggi impazzano nelle località turistiche, ma anche nelle città stesse.

Penso che queste usanze sopravvivano in alcune regioni del sud Italia: la convivialità, l’abitudine delle uscite in ore tarde, per evitare il caldo, i ritmi più rilassati e le molte feste paesane, incoraggiano ancora queste tradizioni.
Le bancarelle per la grattachecca, granite, fritture, panelle ed arancini, ancora sono presenti, nelle città del sud.

Ma nelle città del nord i cocomeri escono, ormai, quasi esclusivamente da refrigeratissimi ed asettici supermercati ed ipercentri.

cocomeri-540x322
Qualcuno ha visto ancora un papà che rientra dal lavoro con un’anguria sotto il braccio?
Eppure, quando incrocio una rara bancarella di periferia, ricordo un verso di Renato Zero: “Ritornerei ancora in quel sacco a pelo, Contando con voi tutte le stelle nel cielo”. (Angeli, da Via Tagliamento 1965/1970… ). Ahimè, sono nostalgica e passatista, e rinuncerei a qualche comodità odierna per aspettare il mio papà, con il frigorifero aperto ed un coltellaccio per tagliare l’anguria enorme, mentre in cortile si sente un vociare, scomparso anch’esso.

Vi auguro buone serate estive: teniamo qualche rito ancora presso di noi

Facebook Comments

Latest Posts

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.