Home Musica Coca Cola Summer Festival: il Festivalbar targato De Filippi & Co.

Coca Cola Summer Festival: il Festivalbar targato De Filippi & Co.

Se anche il Festivalbar porta il marchio De Filippi diventa il Coca Cola Summer Festival.

1894
0
SHARE
Voto Autore

di Giuseppe Santoro

La terza edizione del Coca Cola Summer Festival targato De Filippi, sembra avere, anche quest’anno, un grande successo. Le quattro puntate estive sono state registrate a fine giugno e vengono trasmesse da Mediaset ogni giovedì su Canale 5.

Lo share è alto, come accade ormai per ogni programma della Maria nazionale, ma la qualità a mio parere, in questo caso è inversamente proporzionale agli ascolti.

Sono stato il primo a difendere il talento dei “The Kolors” dopo la recente vittoria ad Amici 14, mi sembrava comunque uno spiraglio di musica fresca e giovane, anche se non proprio in linea con i miei gusti musicali.

coca-cola-summer-festival-terza-puntata1-700x400
Nel caso della kermesse in oggetto invece, che cerca di riprendere il pubblico dell’ormai dimenticato Festivalbar, ho grosse difficoltà a non considerarla uno strumento completamente pensato e piegato alle logiche commerciali, un format che in questa terza edizione (come le precedenti) non dà un reale e adeguato spazio ai giovani che vorrebbero emergere.

In Piazza del Popolo a Roma infatti, i cantanti non noti al grande pubblico che si sono esibiti, erano soltanto 6, mentre invece i cosiddetti “big” (in alcuni casi molto “cosiddetti”), sono stati in tutto 47, e per la maggior parte provenienti dalla scuderia Defilippiana

E pensare che negli anni precedenti questo spettacolo era stato presentato come un trampolino di lancio, diverso dai talent, per alcuni gruppi o giovani artisti che fossero alla ricerca di visibilità per i propri pezzi o album.

x1
Già dalla prima edizione infatti, anche se la partecipazione di Clementino (poi vincitore) faceva ben sperare, l’esibizione di artisti come Bianca Atzei (pupilla di Suraci, padron di Rtl 102.5, altro partner del Coca Cola Summer Festival), lasciava intendere che per essere lì, dovevi far parte del “giro”.

E’ andata anche peggio nella seconda edizione, visto che nella categoria giovani non c’è stato nessun artista che sia emerso davvero e che abbia lasciato un segno evidente nella discografia italiana.

E’ bene precisare che il format televisivo, il primo anno, è stato sponsorizzato da Tezenis, importante marca d’abbigliamento, mentre l’anno scorso e quest’anno dal colosso mondiale Coca Cola, diventando appunto il “Coca Cola Summer Festival”.

coca-cola-summer-festival-registrato-a-giugno-a-roma

Che il notissimo marchio di bevande abbia imposto un deciso cambio di rotta alla kermesse, spostando l’attenzione dai giovani verso gli artisti più affermati, per attirare maggiore seguito e quindi maggiori introiti pubblicitari? Non lo sapremo mai. Quello che è invece certo è che Mediaset ha la possibilità di vendere gli spazi pubblicitari a prezzi più alti durante la messa in onda (anche se in differita), se ci sono molti nomi importanti. Tutto questo ovviamente a dispetto di chi vuole emergere.

Viene da pensare che nonostante l’evento sia stato organizzato dalla “Fascino S.r.l.”, del fascino che aveva il Festivalbar e di quella qualità musicale, è rimasto davvero poco.

SHARE
Previous articleRobbie Williams sul palco del Lucca Summer Festival 2015
Next articleBenvenuti Fans di Alessandra Amoroso!
Giuseppe Santoro
Ricco, bello, dolce e simpatico nella vita precedente. In questa invece, nasco a Lecce il 18 luglio del 1989 da una famiglia di professori. Mia madre insegna Lettere in una Scuola Media di provincia e mio padre, adesso pensionato, era insegnante di Educazione Fisica. Dopo il diploma commerciale ho lavorato come impiegato in un Centro di Medicina Nucleare per un anno e mezzo, ma purtroppo in seguito ai tagli alla sanità pugliese, all’inizio del 2011 mi sono ritrovato disoccupato. Nel 2013 ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione e adesso frequento la facoltà Magistrale di Lettere Moderne. Importante è stata per la mia formazione professionale, l’esperienza come responsabile comunicazione e social per il sito Cometiveste.it, di cui sono il fondatore con altri due ragazzi. Canto in una band da due anni e adesso ci stiamo dedicando anche allo sviluppo di alcuni progetti inediti. Ho sempre scritto testi musicali, poesie, ma anche saggi brevi sugli argomenti più disparati e nei miei articoli mi piace osservare la società con occhio critico. Oltre a un’ ipotetica carriera nell’ambito dell’insegnamento, molto difficile visti i tempi che corrono, mi piacerebbe continuare a dedicarmi alla critica musicale e sociale. Non amo molto dire cose ovvie e in generale, non mi piace stare dalla parte del più forte. Da un po’ di tempo collaboro con questo blog che credo stia diventando un punto di riferimento importante per chi ama la musica e i suoi retroscena. Spero di essere all’altezza del compito e poter interessare i lettori a quelle che sono le mie idee e i miei pensieri.

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here