Home Cult Music Un ricordo di Donovan

Un ricordo di Donovan

860
0
SHARE
Voto Autore

di Athos Enrile

In anticipo di tre giorni ricordo la nascita di Donovan Phillips Leitch, meglio conosciuto come Donovan, che il 10 maggio compirà 69 anni.

Donovan e’ una delle figure di spicco del panorama musicale di fine anni ’60, ed è talmente ampia e importante la sua biografia che preferisco aggrapparmi all’aneddoto personale.
Scozzese di nascita, ma artista cosmopolita, ha scritto ed interpretato canzoni che sono rimaste nella storia della musica, come Mellow Yellow, Sunshine Superman e Jennifer Juniper, ma su tutte spicca Hurdy Gurdy Man, che propongo a seguire.

La mia sottolineatura, ovviamente, non tende a stabilire valori assoluti, ma solo ciò che per me ha rappresentato, un brano che ancora oggi, dopo poche note, mi riporta alla mia giovinezza, in un’epoca e in una situazione ben precisa.
Avevo quattordici anni, ero in vacanza in un paesino del Piemonte, e avrei voluto essere… libero. Ma alla sera non era così semplice uscire, e io dalla mia camera sentivo e invidiavo “i più grandi” (di un paio d’anni), che sotto alle mie finestre si riunivano e ascoltavano musica, come accadeva allora, con l’aiuto di un mangiadischi: erano anche i giorni in cui un unico brano, magari proposto con alta frequenza dal juke box, poteva caratterizzare un’intera estate.
Di quelle serate vissute come “recluso” ricordo chiaramente una voce tremolante, facile da riconoscere tra le tante, che proponeva a ripetizione un brano sino ad allora sconosciuto.
Scoprii successivamente che era la voce di Donovan, ed il titolo della canzone era appunto Hurdy Gurdy Mane la musica girava, mentre i cuori di maschi e femmine incominciavano a pulsare per le prime vere emozioni, quelle che nascono e si autoalimentano a qualsiasi età.
Anche adesso, mentre riascolto l’attacco iniziale, mi rivedo affacciato a quella finestra, in una fantastica sera d’agosto, a “ rubare” le emozioni di altri, da unire alle mie.
Tanti auguri caro Donovan!


[youtube id=”3lKCUuyojDI”]

Commento su Faremusic.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here