20.4 C
Milano
domenica, Luglio 12, 2020

Ombretta Colli: “Chiedimi chi era Gaber”, il libro – RECENSIONE

S’intitola "Chiedimi chi era Gaber" il libro scritto a quattro mani da Ombretta Colli con Paolo Dal Bon, presidente della Fondazione Gaber

Ultimi post

Mahmood: fuori il nuovo singolo “Dorado” con Sfera Ebbasta e Feid

Esce il singolo “Dorado” di Mahmood in collaborazione con Sfera Ebbasta. Ai due si aggiunge anche Feid, mentre alla produzione c'è la firma di Dardust

Bob Dylan, l’ultimo dei migliori in “Rough And Rowdy Ways” – RECENSIONE

“Rough And Rowdy Ways”, uscito il 19 giugno scorso, è il 39° album in studio di Bob Dylan, un musicista “nobile” che ha venduto oltre 125 milioni di dischi

Arriva a Messina il primo albo che riconoscerà il mestiere di musicista

Arriva a Messina la rivoluzione della musica con la fondazione di un albo per musicisti professionisti. a seguito proposta del sindacato autonomo Sacs Cisal

Un viaggio nella vita di MILLE con “La Vita Le Cose” – INTERVISTA

Una voce coinvolgente e diversa dal solito è sicuramente quella di Elisa Pucci in arte Mille, uscita in questi giorni con il singolo "La Vita Le Cose"

America a ferro e fuoco – Proteste del mondo della musica contro il razzismo e Trump

Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

In America molti personaggi del mondo dello spettacolo, della musica, cinema e dello sport chiedono giustizia per la morte di George Floyd scagliandosi contro il clima di violenza e razzismo che pervade le istituzioni del paese.

.
Messaggi duri e diretti arrivano da parte di Taylor Swift, Beyoncé, Rihanna, Madonna, Lady Gaga, Cardi B, Ariana Grande, Justin Bieber, Demi Lovato e altri.

A scatenare ancora più la rabbia delle star dello spettacolo è stato il tweet del presidente contro le manifestazioni a Minneapolis per la morte di George Floyd.

america

Ricordiamo i fatti che hanno portato l’America a vivere forse uno dei momenti più delicati e difficili di tutta la sua recente storia, e tutto questo succede sotto la controversa presidenza Trump, sicuramente la peggiore di tutta la storia degli Stati Uniti.

L’America – già martoriata dalla pandemia del Covid-19, mal gestita dall’attuale amministrazione presidenziale ,che ha portato il paese ad essere tra i più toccati dal virus – è messa a ferro e fuoco, ad un passo da una guerra civile, dalle manifestazioni violente scoppiate in quasi tutto il suo territori a seguito dell’ennesima vergogna perpetrata ai danni di un cittadino afroamericano da parte delle autorità. E parliamo della terribile morte di George Floyd di 46 anni, ucciso in diretta video da un poliziotto a Minneapolis.

Il video in questione è quello di alcuni passanti che hanno ripreso tutta la vicenda, lanciando successivamente in rete quanto accaduto, cosa che ha scatenato l’ira di una popolazione ormai esasperata e stanca di assistere a sopprusi quotidiani che colpiscono  almeno 200 afroamericani all’anno.

Nel video, per chi è riuscito a vederlo fino in fondo, si vede il freddo e distaccato agente Derek Chauvin, già protagonista in passato di altri abusi di potere, schiacciare con il ginocchio per circa 9 interminabili minuti il collo di Floyd, mentre quest’ultimo supplicava:

Per favore, per favore, per favore, non riesco a respirare. Per favore”.

L’agente assassino, dopo essere stato licenziato insieme gli altri tre agenti che hanno partecipato al fermo è stato successivamente arrestato e indagato per omicidio colposo, a seguito anche della cavalcante protesta cittadina. Ma ormai, a quel punto, i “buoi erano scappati dall’ovile” e a Minneapolis prima, e in altre parti dell’America poi, le proteste sono montate in modo inarrestabile, compreso davanti alla Casa Bianca, fino a sfociare nella violenza più totale.

In questo clima anche il mondo della musica si è mobilitato con vari appelli. Si sono levate alte le voci di gente come Beyoncé, Taylor Swift, Rihanna, Justin Bieber, Demi Lovato, Madonna, Cardi B, Ariana Grande, Janelle Monáe. Ma anche il mondo del cinema si è fatto sentire con Jamie Foxx, Robert De Niro, Lupita Nyong’o, Viola Davis, John Boyega, la regista Ava DuVernay e tanti altri.

america

La più “arrabbiata” è stata sicuramente Taylor Swift che in un post sui social si è scagliata contro il presidente Trump, reo di aver postato un violento tweet contro le manifestazioni a Minneapolis per la morte di George Floyd: “Quando iniziano i saccheggi, inizia la sparatoria”. Ricordiamo che lo stesso Twitter ha censurato il post in questione per “istigazione all’odio”.

Swift ha scritto: “Dopo aver alimentato il fuoco con la supremazia bianca e il razzismo per tutta la durata della tua presidenza  hai la faccia tosta di fingere superiorità morale prima di minacciare violenza? Ti cacceremo via a novembre”.
Il tweet di Taylor ha ottenuto ben 1 milione e 600mila “like”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

If you want to demand more charges brought on all those involved in the death of George Floyd, click the link in my bio to sign the petition.

Un post condiviso da Beyoncé (@beyonce) in data:

Devastata dall’accaduto, Beyoncé ha realizzato un video per chiedere giustizia per George Floyd:

Abbiamo assistito tutti al suo omicidio in pieno giorno”, ha detto in un video pubblicato su Instagram venerdì scorso. “Siamo increduli e disgustati. Non possiamo metabolizzare questo dolore. Non è una questione che ha a che fare solo con le persone di colore. Se sei bianco, nero, marrone o qualsiasi altra via di mezzo, sono sicuro che ti senti sopraffatto dagli episodi di razzismo che stanno accadendo in America proprio ora.

Niente più omicidi insensati di esseri umani. Non possiamo più vedere le persone di colore essere trattate meno che umane. Non possiamo più distogliere lo sguardo. George è tutta la nostra famiglia nell’umanità. È la nostra famiglia perché è un compagno americano. Troppe volte abbiamo assistito a questi omicidi violenti senza alcuna conseguenza”.

E ha concluso dicendo: “Sì, qualcuno è stato accusato, ma la giustizia è lungi dall’essere raggiunta”. Beyoncé ha chiesto ai suoi fan di firmare una delle quattro petizioni sul suo sito Web in onore di Floyd: “Per favore, firma la petizione e continua a pregare per la pace, la compassione e la guarigione per il nostro Paese. Grazie mille.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

For the last few days, the magnitude of devastation, anger, sadness I’ve felt has been overwhelming to say the least! Watching my people get murdered and lynched day after day pushed me to a heavy place in my heart! To the point of staying away from socials, just to avoid hearing the blood curdling agony in George Floyd’s voice again, begging over and over for his life!!! The look of enticement, the pure joy and climax on the face of this bigot, murderer, thug, pig, bum, Derek Chauvin, haunts me!! I can’t shake this! I can’t get over an ambulance pulling up to an arrest, a paramedic checking a pulse without removing the very thing that’s hindering it! Is this that fucking normal??? If intentional MURDER is the fit consequence for “drugs” or “resisting arrest”….then what’s the fit consequence for MURDER???! #GeorgeFloyd #AhmaudArbery #BreonnaTaylor

Un post condiviso da badgalriri (@badgalriri) in data:

Durissimo anche lo sfogo di Rihanna, che si scaglia contro il poliziotto che ha soffocato Floyd, chiamandolo «Bigotto, maiale, assassino e delinquente».

Dopo giorni di silenzio, l’artista ha scritto sui social un post infuocato:

Negli ultimi giorni, la grandezza della devastazione, della rabbia e della tristezza che ho provato mi ha sopraffatta, per usare un eufemismo.
Ho il cuore gonfio di dolore nel vedere la mia gente uccisa e linciata in questo modo, giorno dopo giorno, tanto che sono stata lontana dai social, per non sentire la voce agonizzante di George Floyd, che supplicava per la sua vita.
Lo sguardo compiaciuto, la gioia nel volto, di questo bigotto, maiale assassino, delinquente, Derek Chauvin, sono immagini che mi perseguitano.
Non posso passarci sopra, non posso vedere la scena di un’ambulanza e di un medico che non fanno nulla per salvarlo. Ma è questa la ca**o di normalità? Se la morte è la giusta punizione per ‘droga’ o ‘resistenza a pubblico ufficiale’, allora qual è la giusta punizione per un OMICIDIO? #GeorgeFloyd #AhmaudArbery #BreonnaTaylor“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

with his knee on his neck, handcuffed and helpless, crying for his life with his face in the street is the most sickening, heartbreaking thing ive seen in a long time. This Officer knew he was being filmed and murdered him with arrogance and Pride. This has to stop!! Until we can over come Racism in America— no one should be allowed to carry a gun. Most of all cops. God Bless you George Floyd Im so sorry for you and your family. And all the senseless killings that have gone before you. Will it ever end? 🙏🏼 I pray to GOD it does one day. Until then—Fuck The Police! Yea I said it. Im not interested in being PC. Im interested in Justice. @shaunking #georgefloyd #justice #guncontrol

Un post condiviso da Madonna (@madonna) in data:

Madonna invece ha pubblicato sui suoi social il video del poliziotto che schiaccia il collo di George Floyd. Il commento dell’artista a quelle immagini inquietanti è stato di forte sdegno e rabbia:

È la cosa più straziante e dolorosa che io abbia visto da molto tempo a questa parte. Il poliziotto sapeva che lo stavano riprendendo e l’ha ucciso con arroganza e fierezza. Questo deve finire. Finché non riusciremo a sconfiggere il razzismo negli Stati Uniti, a nessuno deve essere permesso di portare una pistola. Soprattutto ai poliziotti. Che Dio ti benedica George Floyd. Sono così addolorata per te e per la tua famiglia. Così come per tutti quelli uccisi senza motivo prima di te. Quando finirà? Prego Dio affinché ciò avvenga, un giorno. Fino ad allora, fanculo la polizia“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lady Gaga (@ladygaga) in data:

Lady Gaga, che al momento sta promuovedo il suo nuovo album Chromatica, ha invece scritto una lettera aperta, prendendosela duramente e senza mezzi termini con Trump per aver creato un clima insopportabile in questi anni in America: “Sappiamo che Trump è razzista, sono arrabbiata”

Questo quanto scritto dalla Germanotta:

Ho un sacco di cose da dire, ma la prima cosa che voglio dire è che ho paura di dire qualsiasi cosa che possa incitare ulteriore rabbia (…) non voglio contribuire a ulteriore violenza ma a una soluzione […] come risultato di un razzismo sistematico e di un sistema corrotto che lo supporta. Le voci della comunità nera sono state silenziate per troppo tempo […] ogni giorno la gente in America è razzista, è un fatto […] Sappiamo da molto tempo che il Presidente Trump ha fallito. È nell’ufficio più potente al mondo, e continua a non offrire altro che ignoranza e pregiudizio mentre gli afroamericani continuano a morire. Abbiamo capito che è pazzo e razzista da quando ha preso il suo incarico. Sta alimentando un sistema in cui è già radicato il razzismo e le attività razziste e possiamo vedere tutti quello che sta avvenendo. È ora di cambiare […] Come donna bianca e privilegiata mi impegno a tenermi pronta. Come comunità privilegiata non abbiamo fatto abbastanza per lottare il razzismo e lottare per quelle persone che per causa sua sono state uccise (…). Sono triste, arrabbiata e userò le parole che troverò per comunicare cosa bisogna cambiare come una strada di non violenza per me“.

 

Latest Posts

Mahmood: fuori il nuovo singolo “Dorado” con Sfera Ebbasta e Feid

Esce il singolo “Dorado” di Mahmood in collaborazione con Sfera Ebbasta. Ai due si aggiunge anche Feid, mentre alla produzione c'è la firma di Dardust

Bob Dylan, l’ultimo dei migliori in “Rough And Rowdy Ways” – RECENSIONE

“Rough And Rowdy Ways”, uscito il 19 giugno scorso, è il 39° album in studio di Bob Dylan, un musicista “nobile” che ha venduto oltre 125 milioni di dischi

Arriva a Messina il primo albo che riconoscerà il mestiere di musicista

Arriva a Messina la rivoluzione della musica con la fondazione di un albo per musicisti professionisti. a seguito proposta del sindacato autonomo Sacs Cisal

Un viaggio nella vita di MILLE con “La Vita Le Cose” – INTERVISTA

Una voce coinvolgente e diversa dal solito è sicuramente quella di Elisa Pucci in arte Mille, uscita in questi giorni con il singolo "La Vita Le Cose"

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.