16.6 C
Milano
giovedì, Giugno 4, 2020

La REPUBBLICA delle banane – L’addio di Lerner, Corrias, Deaglio e forse Saviano, Serra e Mauro

Da quando John Elkann è Presidente del gruppo Gedi, molte firme eccellenti del giornalismo italiano hanno lasciato La Repubblica

Ultimi post

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

Che triste sta diventando l’Inghilterra – Gli effetti della Brexit sulla musica

Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

Che triste e grigia sta diventando l’Inghilterra post Brexit. Il laboratorio del più cinico dei sovranismi occidentali sta mostrando al mondo come, quello che era il posto più libero, cosmopolita e interraziale di tutti, ambito da tutti i giovani, artisti, studenti, e amanti della musica, stia diventando piano piano e impietosamente una tana per topi, tutta rinchiusa in se stessa, desolata, vecchia come se in una sola notte sia balzata di 70 anni indietro nel tempo.

Ebbene si, l’anacrostica Brexit non ha risparmiato nemmeno la musica, la più libera delle arti contemporanee. Sul sito gov.uk si legge infatti che, a partire dal  gennaio 2021, dopo la fine del periodo di transizione per la Brexit a dicembre 2020, tutti i musicisti che vivono fuori del Regno Unito dovranno richiedere un visto e pagare circa 244 sterline per poter suonare nel paese della Union Jack.

Per potersi esibire e lavorare temporaneamente in UK, i musicisti dovranno munirsi del visto Tier 5 (stesso visto si deve usare in campo sportivo). Il visto che comprende audizioni, spettacoli, o semplicemente seminari, conferenze, eventi e addirittura esibizioni sui palchi di festival.

Ma non finisce qui, perchè il peggio è la regola la quale prevede che gli artisti che intendono viaggiare in Inghilterra 90 giorni prima della richiesta del visto dovranno dimostrare di avere circa 1.000 sterline presenti sul proprio conto ed essere autosufficenti, a meno che non siano già stati “completamente approvati”.

Prima della Brexit non c’erano alcune restrizioni, si poteva entrare liberamente nel Regno Unito, senza visti e senza permessi di lavoro.

Su questa decisione del governo sovranista inglese si è opposta l’amministratore delegato della Incorporated Society of Musicians, Deborah Annetts:

Siamo profondamente delusi dal fatto che la libera circolazione di musicisti e altri artisti dall’UE sia stata esclusa e chiediamo al governo del Regno Unito di riconsiderare la nostra richiesta per un visto biennale ad ingressi multipli. Come ha affermato l’ex ministro di Stato presso il Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport Nigel Adams il mese scorso, ‘i tour sono senza dubbio la linfa vitale del settore‘”.

Latest Posts

Coronavirus: morto a 34 anni Chris Trousdale, voce della boyband Dream Street

Chris Trousdale, ex voce della boyband Dream Street, è venuto a mancare ad appena 34 anni. A darne l'annuncio è stata la sua manager, Amanda Stephan

Kareem Abdul-Jabbar: “Il razzismo in America è come la polvere nell’aria, sembra invisibile, ma ti sta soffocando”

Per la rubrica “Scritto da Voi” abbiamo scelto un articolo, pubblicato sul Los Angeles Times, del campione di basket Kareem Abdul-Jabbar in cui spiega il razzismo in America

Medimex quest’anno è online: dal 3 al 21 giugno diventa “Medimex D”

Il Medimex quest'anno si veste di una veste tutta nuova e digitale. Questo quanto deciso all'ente organizzatore dell’evento Puglia Sounds

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.