Home Musica Tour Tre Allegri Ragazzi Morti: dopo l’uscita dell’album parte il “Sindacato Dei Sogni...

Tre Allegri Ragazzi Morti: dopo l’uscita dell’album parte il “Sindacato Dei Sogni Tour” – DATE

Annunciate le date dell'atteso tour estivo dei TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI per presentare “SINDACATO DEI SOGNI”, il nuovo album

268
0
SHARE
tre allegri
ph Magliocchetti HIRES
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 4]

Annunciate le date del tour estivo dei TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI per presentare “SINDACATO DEI SOGNI”, il nuovo album.

Conosciuti per le loro performance mascherate e i live di rock essenziale, TARM sono considerati uno dei pilastri della scena punk rock alternativa italiana.

La band ha appena pubblicato il singolo “Lavorare per il male” feat. Pierpaolo Capovilla in occasione della giornata della Festa del Lavoro e concluso il tour indoor in cui ha collezionato ben 10 sold out, confermandosi il gruppo mascherato più amato d’Italia.

tre allegri

DATE  “Sindacato Dei Sogni Tour”-Tre Allegri Ragazzi Morti

 31-05 Ortigia (SR) – Maniace (ingresso 15 euro + d.p.)
02-06 Cagliari – Ateneika (ingresso gratuito)
09-06 Olgiate Molgora (LC) – La Sbiellata Sanzenese (ingresso gratuito)
21-06 Romano Di Lombardia (BG) – Festa Della Musica (ingresso gratuito)
24-06 Roma – Villa Ada (ingresso 10 euro + d.p. in prevendita; 12 euro in cassa) *opening act: Lucio Leoni – NUOVA DATA
28-06 Legnago (VR) – Sound Vito Festival (ingresso gratuito)

05-07 Perugia – L’Umbria Che Spacca (ingresso gratuito)
06-07 Padova – Sherwood Festival (ingresso 1 euro)
17-07 Cassano Magnago (VA) – Woodoo Fest
19-07 Vialfre’ (TO) – La Tempesta Nel Bosco C/O Apolide Festival (ingresso 20 euro + d.p.)
28-07 Treviso – Suoni Di Marca
02-08 S. Severino Lucano (PZ) – Pollino Music Festival – NUOVA DATA
03-08 Platania (CZ) – Color Fest

22-08 Brescia – Festa Di Radio Onda D’urto
30-08 Modena – Arena Del Lago (ingresso gratuito)
12-09 Milano – Carroponte 

tre allegri

“SINDACATO DEI SOGNI” – IL DISCO

 “Sindacato dei sogni” arriva a tre anni dal precedente “Inumani” ed è pubblicato da La Tempesta, l’etichetta indipendente fondata proprio dai Tre allegri, e la distribuzione di Believe/Master Music.

Il titolo è un chiaro omaggio al rock psichedelico (“Sindacato dei sogni” è la traduzione di The Dream Syndicate, il gruppo californiano formato nel 1981 da Steve Wynn, massimo esponente del movimento musicale Paisley Underground) ed il nuovo album dei Tre allegri, che sembra a primo ascolto un ritorno al sound originale del gruppo, contiene molte dolcissime novità.

Dal disco sono stati estratti i singoli “Caramella”, “Bengala”, “Calamita” e “Una ceramica italiana persa in California”.

Se il disco precedente era intitolato “Inumani”, “Sindacato dei sogni” mostra un approccio produttivo più naturale, si potrebbe dire “umano”. Suonato con strumenti preziosi, a cominciare dalla batteria, una Ludwig del 1973, il disco rimette al centro del sound l’incontro musicale di Davide Toffolo, Luca Masseroni ed Enrico Molteni.

Per questo motivo, ad un primo ascolto, il lavoro riporta a sonorità tipiche dei TARM; batterie essenziali, chitarre elettriche sognanti e liriche poetiche ed ironiche portano questo lavoro in un territorio classico (tanto che il titolo di lavorazione del disco è stato per molto tempo proprio “Classic”).

Il ritorno al rock è evidente e la vena psichedelica, filo conduttore del lavoro, ha trovato nel musicista e produttore Matt Bordin, già Mojomatics e Squadra Omega, l’interlocutore perfetto per la ricerca del nuovo sound. E con Matt il gruppo condivide anche la produzione del lavoro.

Nello studio di Bordin, una grande casa di pietra su bordo del magico bosco collinare del Montello (TV), il gruppo, affiancato da Andrea Maglia, ha registrato durante quattro sessioni estive il materiale che ha dato corpo al lavoro.

La copertina, infine, ha qualcosa di magico e rétro. Si tratta di una ceramica raffigurante tre giovani gatti, rielaborata con la maschera simbolo del gruppo, grazie all’idea e all’intervento grafico di Davide Toffolo. La ceramica, di produzione italiana anni ‘70, è stata acquistata in California e questa è la vera chiave per leggere il nono disco dei Tre allegri ragazzi morti: una ceramica italiana persa in California.

tre allegri

LA BAND PARLA DELL’ALBUM “SINDACATO DEI SOGNI”

Le giornate passate a registrare ed ascoltare musica nell’accogliente cucina dell’Outside Inside Studio hanno in breve rafforzato la linea musicale del lavoro. Television, Dream Syndicate, Grateful Dead, presenti costantemente nelle discussioni attorno ai brani, e ancora Neu!, Can, Kraftwerk. No musica italiana. Poca musica dell’ultima ora. Session lunghe, sfide fra i chitarristi Enrico, Matt e Andrea. Passeggiate nel bosco e dormite nella grande sala di ripresa, fra gli strumenti. Questa la quotidianità delle registrazioni.

Quattro dei dieci brani sono stati scritti nei giorni delle registrazioni e questo certifica l’atmosfera di ispirazione che il luogo ha regalato.

tre allegri

TRACKLIST

01 – Caramella
02 – Calamita
03 – C’era un ragazzo che come me non assomigliava a nessuno
04 – AAA Cercasi
05 – Accovacciata gigante
06 – Bengala
07 – Mi capirai (solo da morto)
08 – Difendere i mostri dalle persone
09 – Non ci provare
10 – Una ceramica italiana persa in California
11 – *Bonus track – Con i bengala in cielo

CREDITI DEL DISCO

“Sindacato dei sogni” è stato registrato e missato da Matt Bordin all’Outside Inside Studio di Volpago del Montello (TV). Le voci sono state editate da Paolo Baldini all’Alambic Studio di San Foca (PN). Le canzoni sono state pre-prodotte da Enrico Berto al Mushroom Studio di Frisanco (PN) e da Andrea Maglia e Meme Gerace al Bleach Studio di Gittana (LC). Gli archi di Bengala sono stati registrati da Davide Rossi a Los Angeles. Masterizzato da Giovanni Versari a La Maestà Studio.

Tre allegri ragazzi morti sono Davide Toffolo, Enrico Molteni e Luca Masseroni.

Tutte le canzoni sono di Tre allegri ragazzi morti tranne “Accovacciata gigante” (testo di Mattia Cominotto e Davide Toffolo) e “Difendere i mostri dalle persone” (testo di Mattia Cominotto). Hanno suonato in questo disco anche Francesco Bearzatti, Davide Rossi, Ruben Gardella, Matt Bordin, Adriano Viterbini, Nicola Manzan e Andrea Maglia.

Ospiti che hanno suonato nel disco:

Il sassofono infuocato di “C’era un ragazzo che come me non assomigliava a nessuno” è di Francesco Bearzatti, jazzista internazionale di residenza parigina ma di origine friulana, come i Tre allegri.

Gli archi di “Bengala” sono stati scritti, suonati e registrati da Davide Rossi a Los Angeles. Musicista magico già membro dei Goldfrapp, arrangiatore dei Coldplay e Röyksopp (solo per citare alcune delle sue incredibili collaborazioni). Esiste una versione solo archi, armonica e voce di “Bengala” intitolata “Con i bengala in cielo”.

Il flauto traverso “magico” in “Mi capirai (solo da morto)” è di Ruben Gardella, già Contezero, Bangarang! e attualmente in forze nella scena hardcore milanese con la band To Je Život.

I synth e gli arpeggiatori di Matt Bordin, Squadra Omega e prima Mojomatics, a colorare il lavoro di una sensazione psicadelica fuori dal tempo in “Enorme” e “Caramella”.

La chitarra slide di Adriano Viterbini in “AAA Cercasi”. Già allegro ragazzo morto nel tour e nel disco precedente, fan del gruppo e chitarrista inarrivabile.

Il piano elettrico di Nicola Manzan, aka Bologna Violenta, collaboratore del Teatro degli orrori, Baustelle e tanti altri, in “Caramella” e “C’era un ragazzo”.

Andrea Maglia, da anni “quarto allegro ragazzo morto” dal vivo, ha dato il suo contributo chitarristico in tutto il disco.

 

 

Commento su Faremusic.it