Home Musica Vinicio Capossela a Riace per il VIDEO de “Il povero Cristo” dal...

Vinicio Capossela a Riace per il VIDEO de “Il povero Cristo” dal nuovo album “Ballate per uomini e bestie”

La cittadina calabrese di Riace, modello di accoglienza, è diventata per due intense giornate il set del videoclip de Il povero Cristo di Vinicio Capossela

225
0
SHARE
capossela
Crediti del FotoMontaggio Immagini ©FareMusic - FMD Copyright
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

La cittadina calabrese di Riace, modello di accoglienza, è diventata per due intense giornate il set del videoclip de Il povero Cristo di Vinicio Capossela.

Uscito poche ore fa, il brano è il primo estratto di Ballate per uomini e bestie, il nuovo album di inediti del cantautore irpino che vedrà la luce il 17 maggio per La Cùpa/Warner Music Italy, presentato dall’autore stesso come “Un cantico per tutte le creature, per la molteplicità, per la frattura tra le specie e tra uomo e natura“.

Il povero Cristo è un pezzo che riflette sull’incapacità dell’uomo di salvarsi seguendo il precetto “ama il prossimo tuo come te stesso“, apparentemente semplice ma impossibile da realizzare per l’avidità, l’egoismo e l’ignoranza dell’uomo.

Cristo“, ha spiegato Capossela, “incontra l’uomo e impoverisce fino a diventare il povero cristo che, sulla bocca di tutti, si fa sinonimo della condizione umana“.

Ad anticipare la notizia della scelta di Riace come set della clip era stato, pochi giorni fa, il vicesindaco Giuseppe Gervasi, pubblicando sui social una serie di foto dei sopralluoghi attuati dalla produzione.

La mattina del 10 aprile, gran movimento di telecamere, luci, attori e tecnici arrivati nella Locride per il via ufficiale alle riprese, realizzate fra il borgo antico e la spiaggia di Riace marina. Lì dove, all’alba del primo luglio 1998, il vento fece arenare una nave con a bordo circa trecento curdi, segnando per sempre in profondità la storia di Riace.

capossela

Nell’accoglierli la città comprese infatti come quella potesse essere la strada giusta per offrire casa a chi non ce l’ha più, salvando al contempo il paese dall’abbandono. Il modello d’integrazione di Riace per oltre un decennio è assurto a punto di riferimento mondiale, prima che in ottobre venisse strozzato da una circolare di poche righe del Viminale e duramente colpito dall’inchiesta per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e irregolarità nella gestione degli appalti per la differenziata che ha travolto Mimmo Lucano.

Le accuse contro il sindaco attualmente sospeso, com’è noto, vanno sgonfiandosi giorno dopo giorno, mentre al Tar prosegue la battaglia amministrativa contro la revoca dei progetti. Ricordiamo che secondo una recente sentenza della cassazione non sussistono prove che tengano in piedi l’impianto accusatorio.
Sono mesi di attesa snervante che stanno costringendo Riace a lottare per la sopravvivenza.

Gli artisti, per fortuna, non sono rimasti a guardare.

In campo sono scesi per primi attori come Peppino Mazzotta, per anni in prima linea nelle iniziative culturali della Locride, e Giuseppe Fiorello, attore della fiction proprio su Riace, girata ma mai trasmessa dalla Rai.

Nei giorni scorsi è andata inoltre rafforzandosi sui social l’iniziativa spontanea “È stato il vento”, condivisa da tanti artisti per sostenere il modello Riace: oltre a Vinicio Capossela, fra gli altri, Brunori SAS, Levante, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Max Gazzè, Carmen Consoli, Vasco Brondi, Fiorella Mannoia, Daniele Silvestri, Luca Barbarossa, Roberto Vecchioni.

Tutti firmatari del manifesto “È stato il vento – Artisti per Riace“, in poche ore capace di registrare oltre 1000 sottoscrizioni.

Il nome dell’iniziativa, si legge sul sito dedicato (www.artistixriace.it), prende il nome dalla frase che Mimmo Lucano pronunciò quando nel ’98 la prima imbarcazione carica di curdi giunse sulle coste di Riace.

capossela

In paese dovrebbe tornare a breve anche Win Wenders, che nove anni fa dedicò alla cittadina e al suo sindaco il docufilm Il Volo, di cui intende girare il seguito. “Mi sono reso conto del regalo di Riace e di Mimmo a tutti noi – ha di recente commentato il regista tedesco a l’École Normale Supérieure di Parigi – era un paese che aveva sofferto l’emigrazione e che cercava di cambiare la storia. Perciò voglio continuare a parlare di questa utopia, il film lo continueremo“.

Con Capossela, protagonisti del video sono Marcello Fonte, pluripremiato attore di “Dogman”, fresco di partecipazione al Reggio Film Fest. ed Enrique Irazoqui, attore e accademico spagnolo, noto soprattutto per l’interpretazione di Cristo nel” Vangelo secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini.

Sembra quasi un cerchio che si chiude“, ha commentato Lucano dal suo esilio di Caulonia, dove ha voluto ricevere Irazoqui e Capossela: “Prima ancora dello sbarco dei curdi che ha ispirato quello che Riace sarebbe diventata, in paese avevamo organizzato delle rappresentazioni teatrali tratte dalle opere di Pasolini“. Dei testi si occupò proprio Lucano, mentre l’amico Tonino Petrolo si mise all’opera sulle scenografie. E “Il Vangelo secondo Matteo” – ha chiosato il sindaco sospeso – “è stata fonte di ispirazione. Iniziavamo a proporre un modo diverso di fare politica“.

capossela

 

Commento su Faremusic.it