Home Musica Recensioni Concerti Pierdavide Carone e i Dear Jack in concerto alla Casa Delle Arti...

Pierdavide Carone e i Dear Jack in concerto alla Casa Delle Arti – RECENSIONE

Bel concerto di Pierdavide Carone e i Dear Jack alla Casa Delle Arti a Conversano, che sul palco hanno reinterpretato anche classici della musica italiana

596
0
SHARE
carone
Voto Autore

Non sono mai stata una grande estimatrice di Pierdavide Carone, nè tantomeno dei Dear Jack, ma il live a cui ho assistito nell’intimità conversanese della Casa Delle Arti, mi ha piacevolmente colpita e fatto scoprire dei ragazzi bravissimi, umili e simpatici, che amano la musica a tal punto da coinvolgere davvero tutti.

Carone è un artista che ho apprezzato con il tempo, specie con la sua magistrale partecipazione a Sanremo quando interpretò “NaNì” con il compianto e immenso Lucio Dalla.

Ai tempi della sua edizione di AMICI, era uno dei pochi che spiccava, capace di proporre qualcosa di diverso dal classico pop-melodico.

Nel periodo successivo ho approfondito la sua musica e ne ho capito l’originalità, e a distanza di anni lo ritengo uno dei talenti più autentici usciti dalla scuderia della Maria nazionale, anche se purtroppo non ha avuto la giusta e meritata visibilità.

Una collaborazione insolita, ma riuscita, quella con i Dear Jack, anche loro usciti anni fa da Amici, una band che ha alle spalle repentini cambi di formazione, ma con una discreta esperienza (vedi la loro presenza come opening act ai concerti dei Modà a San Siro).Ora i Dear Jack sono passati a queste atmosfere più intime, in cui si avverte un’esigenza primaria di stare sul palco e la voglia di suonare che risalta subito all’occhio e all’orecchio. Graffiante ed intensa la voce di Lorenzo Cantarini.

E così, che sull’onda del successo del brano Caramelle, che tratta in modo delicato e tagliente il tema della pedofilia, Carone e i Dear Jack sul palco, oltre ai loro repertori, hanno reinterpretato classici della musica italiana, da Lucio Dalla (“Disperato Erotico Stomp”) a Morandi (“C’era un ragazzo”), Celentano ( Il Tuo Bacio è come un Rock” ), Battisti e tanti altri.

Il cantautore pugliese e il gruppo romano insieme sono giovani che con impegno e sacrificio, attraverso questo tour fatto di live tanto essenziali quanto intimi, cercano di valorizzare la buona musica tra i giovani, quella musica che ancora si suona con degli strumenti e che non muore nella sua staticità passando attraverso computer e autotune.

 

Si ringrazia la vurroconcerti.net di Pasquale Vurro e alla sua collaboratrice Greca Colamartino.

SHARE
Previous articleTakagi & Ketra: nuovo singolo con il trio d’eccezione dei The Barbooodos – VIDEO
Next articleAperto il bando del “Premio Andrea Parodi”, l’unico concorso italiano di world music
Francesca De Luisi
Nata a Bari il 18 agosto 1975 sotto il segno del Leone. Amo la musica da bambina, fan sfegatata della regina del Pop: Madonna e una grande passione per i manga e gli anime. Da ragazzina passavo i pomeriggi in un vecchio store di vinili dove scoprivo i grandi artisti. Il profumo del vinile tra le mani e il suono che emette per me non ha eguali. Oggi mi sono buttata a capofitto nella gestione delle pagine artista dei principali social network. Tutto è cominciato tanti anni fa, quando decisi di prendere in mano "la missione" di far conoscere artisti emergenti, che non escono dai talent e meritano visibilità. Infatti, sono principalmente conosciuta nel magico mondo di Facebook, per essere sempre stata la social media manager dell'eclettica band pop/rock FuoRiOraRiO e successivamente di altri artisti tra cui la bravissima cantautrice Gina Rodia e la talentuosa Marzia Dipalma, fino ad arrivare ad esserlo dell'incantevole voce di Camilla Fascina. Credo nella potenza della viralizzazione mediatica e punto molto su questo.

Commento su Faremusic.it