Home Musica Marco Mengoni: il suo “Atlantico” è l’omaggio ad un mondo senza confini...

Marco Mengoni: il suo “Atlantico” è l’omaggio ad un mondo senza confini – CONFERENZA STAMPA

Marco Mengoni è uscito con il suo nuovo album "Atlantico". Ieri c'è stata la conferenza stampa in cui l'artista ha spiegato la genesi dell'album

332
0
SHARE
marco mengoni
Crediti Foto Corrado Salemi per #FareMusic
Voto Utenti
[Total: 5 Average: 3]

Marco Mengoni –  Immersive Experience

Non è facile condensare in poche righe l’esperienza nella quale ci ha coinvolto Marco Mengoni per la presentazione del suo nuovo disco “Atlantico“, per l’etichetta Sony Music. Il disco contiene 14 nuovi brani nati dall’esperienza di Marco nei suoi viaggi in questi due anni di riposo dalla musica. Ma ne parleremo nel dettaglio in seguito.

Partiamo invece dall’Immersive Experience: ritagliatevi un attimo di serenità, seduti comodi e in puro relax, senza fretta, e preparatevi ad affrontare questo viaggio sensoriale.

Siamo al quinto piano della Torre Velasca di Milano dove ci accoglie un percorso/installazione fortemente legato a questo disco: ogni stanza del percorso presenta l’interpretazione di un diverso brano del disco riprodotta dalle sensazioni di un o più performer. Il tutto potendo ascoltare in cuffia, con una esperienza tutta individuale, il brano rappresentato.

Ad esempio si attraversa il mondo del Fado di “Amalia“, suonato dai Dona Flor, oppure ci si immerge nell’incomunicabilità di “Dialogo tra due pazzi” attraverso i personaggi che costruiscono il loro mondo estetico.

Si percorrono quindi il luoghi e le sensazioni di tutti i brani del disco, canzone dopo canzone, attraverso la visione creativa di ballerini, fumettisti, pittori, musicisti all’opera all’interno di stanze che ospitano le loro installazioni.

Ogni canzone trova, quindi, un corrispettivo tattile, sensoriale, artistico che in grado di superare l’immaterialità della musica e del suo supporto. L’allestimento fa parte degli eventi della tre giorni di festa voluta per l’uscita di “Atlantico“.

Marco Mengoni – Conferenza stampa

Una volta terminata questa esperienza è il momento di parlare del disco. Marco Mengoni si presenta alla stampa nell’attico al 25° piano della Torre Velasca.

Si parte dal racconto del live in notturna alla Stazione Centrale di Milano (vedi nostro articolo), organizzato per i fan e per la stampa, nel quale ha presentato in anteprima dal vivo alcuni brani come “Mohammad Ali“, “Voglio” e “Hola” accompagnato dalla sua band storica.

La scelta di iniziare da una stazione è ovviamente simbolica: è una partenza. Due anni e mezzo fa sono partito allontanandomi dal mio lavoro dopo un periodo estremamente intenso nel quale avevo dato tutte le mie energie. Avevo necessità di cercare e di andare a prendere input nuovi.

Un viaggio che ho visto Marco Mengoni in giro per il mondo (Cuba, New York USA, Portogallo, Emirati Arabi, Tanzania) alla ricerca di altre culture e di contrasti (sonori e sociali) capaci di mettere nuova linfa nella sua musica. Un itinerario che e ha visto l’oceano Atlantico come elemento ricorrente: da questo nasce il titolo del disco.

Il contrasto è un tema importante per Marco.

Già dal titolo Voglio si capisce quanto ho voluto con forza ribellarmi ad uno stato di cose che mi stava solo succedendo e che allontanavo da me dicendomi c’è tempo. Invece Voglio è l’opposto di come sono cresciuto, è l’opposto del mio imprinting.

In sala è presente anche Fabio Ilacqua, l’autore più importante di questo disco:

Voglio ringraziare davvero Fabio. Quando io arrivato dai miei viaggi avevo la voglia di raccontare tutto, ogni particolare. Lui è stato bravissimo a decodificare le mie esperienze e a farne delle canzoni“.

Ma “Atlantico” è anche un disco ricco di condivisione: in questo contesto si inquadrano i featuring di Tom Walker in “Hola (I Say), di Vanessa De Mata e degli Selton in “Amalia”, e il cameo di Adriano Celentano in “La casa di Azul“.

Muhammad Ali” è una canzone fondamentale per Marco:

Mi sento molte volte debole e tante volte ho fato molte scelte sbagliate per paura ed ho sentito l’esigenza di trovare qualcuno che non avesse paura. Ed ho trovato in Mohammad Ali una persona capace di salire sul ring senza paura, e con lo stesso coraggio rinunciare ad una passione per un giusto ideale: non si poteva andare in Vietnam a combattere una guerra ingiusta. E’ un personaggio che vorrei che i giovanissimi di oggi conoscessero“.

Atlalantico” esce in varie versioni, con cinque copertine diverse proprio per descrivere il più possibile i colori e le sensazione raccolte durante questi ultimi due anni in viaggio.

#MENGONILIVE2019 – LE DATE

Il tour di Marco Mengoni partirà con 5 music show-case all’estero  per poi ritornare in Italia con un tour nei palazzetti delle principali città. Ecco le date:

Nuove date:

4 aprile Assago (Mi), Mediolanum Forum
10 maggio Roma, Palazzo Dello Sport
26 maggio Verona, Arena

Le date già annunciate:

27 aprile Torino, PalaAlpitour
1 e 2 maggio Asssago (Mi), Mediolanum Forum
8 maggio Roma, Palazzo dello Sport
13 maggio Bari, Palaflorio
16 maggio Castel Morrone, Pala Decò
18 maggio Eboli, Palasele
21 maggio Firenze, Nelson Mandela Forum
24 e 25 maggio Verona, Arena
29 maggio Rimini, RDS Stadium
30 maggio Casalecchio di Reno (Bo), Unipol Arena

TRACKLIST “Atlantico” di Marco Mengoni 

  1. VOGLIO (A. Bonomo, G. Fazio, M. Mengoni)
  2. HOLA (I SAY) feat. Tom Walker (F. Catitti, A. Mahmoud, M. Mengoni, T. Walker)
  3. BUONA VITA (F. Ilacqua, M. Mengoni)
  4. MUHAMMAD ALI (T. Maiello, M. Mengoni)
  5. LA CASA AZUL (F. Ilacqua, M. Mengoni)
  6. MILLE LIRE (F. Clemente, A. Mahmoud, M. Mengoni, A. Merli)
  7. INTRO DELLA RAGIONE (M. Mengoni, G. Monti, D. Panziani)
  8. LA RAGIONE DEL MONDO (F. Ilacqua, M. Mengoni)
  9. AMALIA feat. Vanessa De Mata, Selton (F. Ilacqua, M. Mengoni)
  10. RIVOLUZIONE (D. Faini, A. Mahmoud, M. Mengoni)
  11. EVEREST (M. Carucci, A. Mahmoud, M. Mengoni)
  12. I GIORNI DI DOMANI (F. Ilacqua, M. Mengoni)
  13. ATLANTICO (D. Faini, F. Servidei)
  14. HOLA (F. Catitti, A. Mahmoud, M. Mengoni)
  15. DIALOGO TRA DUE PAZZI (F. Ilacqua, M. Mengoni)

Commento su Faremusic.it