Home Rubriche Rubrica Cinema Bernardo Bertolucci è morto – Addio all’ultimo dei grandi maestri del cinema...

Bernardo Bertolucci è morto – Addio all’ultimo dei grandi maestri del cinema italiano

E' morto uno degli ultimi maestri del cinema italiano, Bernardo Bertolucci. Da tempo malato, il regista si è spento a Roma a causa di una crisi respiratoria

285
0
SHARE
bertolucci
Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

E’ morto uno degli ultimi grandi maestri del cinema italiano, Bernardo Bertolucci.

.
Figlio del poeta Attilio Bertolucci e di Ninetta Giovanardi, era nato il 16 marzo 1941 a Parma. Da tempo malato, il grande regista si è spento a Roma a causa di una crisi respiratoria, all’età di 77 anni, nella sua casa in via della Lungara, a Trastevere.

Nella sua lunga carriera Bertolucci ha firmato la regia di veri capolavori. Fin da piccolo la sua affinità con il cinema è stata fortissima, cominciando con la realizzazione (tra il ’56 e il ’57) di cortometraggi in 16 mm come “Morte di un maiale” e “La teleferica“, fino a conoscere Pier Paolo Pasolini che firmò nel ’62 la sceneggiatura del suo primo lungometraggio prodotto da Tonino Guerra, “La commare secca“.

bertolucci

Per anni Bertolucci ha affinato la sua tecnica tra il Living Theatre e Sergio Leone; per quest’ultimo, insieme a Dario Argento, scrisse il soggetto di “C’era una volta il west”. I primi film che lo hanno fatto conosce al pubblico internazionale sono stati “Strategia del ragno” e “Il conformista” (tratto dal racconto di Alberto Moravia).

La consacrazione arriva nel ’72 con il grandissimo successo mondiale de l’ “Ultimo tango a Parigi”, un controverso dramma erotico che vede tra i protagonisti Marlon Brando e Maria Schneider.

bertolucci

Il film, che entusiasmò tantissimo il pubblico, racconta la storia sessuale ed erotica fra una giovane di vent’anni e un uomo di quaranta. Le polemiche, i sequestri della pellicola e gli scandali caratterizzarono l’uscita della pellicola, tanto da portare il regista ad essere condannato a 4 mesi per offesa al comune senso del pudore. Ma il mondo del cinema ha premiato a gran voce questo capolavoro con un Nastro d’Argento e la candidatura all’Oscar come miglior regista. La pellicola è tornata nelle sale nel maggio scorso nella versione integrale, in lingua originale, restaurata in 4K a cura della Cineteca Nazionale e della Cineteca di Bologna.

Nel ’76 arriva un altro grandissimo capolavoro, l’epica pellicola “Novecento“, film che ha come soggetto le lotte contadine emiliane dai primi anni del XX° secolo fino alla Seconda guerra mondiale. Il cast del film è prestigioso con nomi quali Robert De Niro, Gérard Depardieu, Donald Sutherland, Burt Lancaster, Stefania Sandrelli, Alida Valli, Laura Betti, Romolo Valli e tanti altri.

bertolucci

Seguono a ruota i film “La luna(pellicola ambientata tra Roma e l’ Emilia-Romagna che parla della droga e dell’incesto) e “La tragedia di un uomo ridicolo” con uno straordinario Ugo Tognazzi.

Nell’87 arriva per Bertolucci la consacrazione nell’olimpo internazionale del mondo del cinema con il grandioso kolossal girato in Cina, “L’ultimo imperatore” (con Peter O’Toole), che fa guadagnare al regista ben nove Oscar e altri premi quali quelli del BAFTA, César, David di Donatello, Golden Globe, European Award e Nastri d’Argento.

bertolucci

Seguono piccoli progetti corali come “12 autori per 12 città” con Michelangelo Antonioni, suo fratello Giuseppe Bertolucci, Francesco Rosi, Mario Soldati, Franco Zeffirelli, Mauro Bolognini, Alberto Lattuada, Carlo Lizzani, Mario Monicelli, Ermanno Olmi, Gillo Pontecorvo, e Lina Wertmüller.

Nel ’90 Bertolucci gira in Marocco il film “Il tè nel deserto“, tratto da un romanzo di Paul Bowles, e nel ’93 esce il “Piccolo Buddha con Keanu Reeves, ambientato in Nepal e negli Stati Uniti.

Gli ultimi film del maestro sono più intimisti, come “Io ballo da sola” (con Stefania Sandrelli), “L’assedio” (tratto da un racconto di James Lasdune) e “The Dreamers – I sognatori (che parla di passioni politiche e emancipazioni sessuali di una coppia di fratelli, nella Parigi del ’68).

bertolucci

Nel 2007 arriva il Leone d’oro alla carriera al Festival di Venezia, e nel 2011 riceve la Palma d’oro alla carriera al Festival di Cannes.

Nel 2012 infine l’ultimo grande film del regista, “Io e te“, trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti.

Secondo voci di corridoio, l’ultimo saluto al maestro dovrebbe avvenire in una cerimonia privata, anche se si sta pensando a un omaggio in Campidoglio.

Tutta la redazione di FareMusic fa le più sentite condoglianze alla famiglia e gli amici tutti del maestro.
RIP

Commento su Faremusic.it