23.6 C
Milano
martedì, Giugno 2, 2020

Cosa prevede il decreto governativo per ripartire con i concerti dal 15 giugno

Nell'ultimo Decreto della Presidenza dei Ministri in cui, nell'allegato 9, vengono fissate le condizioni con le quali potranno riprendere i concerti

Ultimi post

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

America a ferro e fuoco – Proteste del mondo della musica contro il razzismo e Trump

In America molti personaggi del mondo della musica chiedono giustizia per la morte di George Floyd scagliandosi contro Trump  

I lavoratori dello spettacolo scendono in piazza in 13 città

I lavoratori dello spettacolo e della cultura, riuniti in un Coordinamento nazionale di realtà, oggi sono scesi in piazza in 13 città italiane

BRUNORI SAS CEDE I RICAVATI DEL MERCHANDISING ALLO STAFF RIMASTO SENZA LAVORO

Nobile gesto quello del cantautore Brunori sas, che cede i ricavati del merchandising del nuovo album Cip! al suo staff rimasto senza concerti e senza lavoro

Anthony Bourdain: il rock a tavola

Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

La morte di Anthony Bourdain mi ha profondamente colpito. Non riesci a spiegare perché un uomo di successo, felice di essere padre, con una vita piena di avventure, esperienze e talento riconosciuto in tutto il mondo, decida di suicidarsi in un giorno qualsiasi in una camera d’hotel senza lasciare nemmeno un messaggio. Se ne va, in silenzio, probabilmente consapevole di essere arrivato alla fine del suo viaggio.

Ho amato i libri di Bourdain in cui ha fatto a pezzi la vita del cuoco, tra eccessi e fatiche, sempre in bilico tra riconoscimento e delusione. In particolare il suo “Viaggio di un cuoco” da cui è nato il più bel format televisivo di cucina nel mondo. Un riconoscimento alla cucina popolare di ogni popolo della terra, dai pranzi per i matrimoni messicani, fino all’ultima trattoria in un villaggio sperduto ai confini del mondo. Cucina come cultura, identità dei popoli, simbolo della loro storia. Ricordo che convinse Barack Obama a partecipare a una sua trasmissione, cenando con lui in un ristorante asiatico non stellato, dove si preparavano piatti tradizionali deliziosi.

Bourdain

Bourdain ha portato lo stile di vita del rock a tavola.

Le vite degli chef assomigliano molto a quelle dei musicisti. Sono dei giramondo per natura. A volte si fermano un anno in un ristorante in un Paese, poi si spostano in un altro, e in un altro ancora. Cambiano abitudini, paesi, usanze, tradizioni, linguaggi e sapori attraverso il cibo. Ho conosciuto cuochi che hanno lavorato sulle navi e che una sera hanno ricevuto proposte di lavoro da un cliente conosciuto per caso, e alla fine della crociera hanno mollato tutto imbarcandosi su un aereo per un Paese lontano, già con un contratto in tasca. E’ il viaggio, l’esperienza, la voglia di conoscere gente diverse che muove la vita di uno chef, così come quella di un musicista rock.

Credo che Bourdain abbia mangiato di tutto, tranne il cervello di scimmia  che è un cibo pericolosissimo. In televisione si è prestato solo una volta come tutor in un food contest. Si vedeva che non era a suo agio come giudice con il compito di eliminare un giovane chef o aspirante tale. Ha concepito il cibo come uno strumento di conoscenza, esattamente come la musica.

Bourdain

E allora non ti spieghi il suo gesto finale, se non per il fatto che invecchiare non è mai considerato in questo mondo, un valore. Ultimamente era molto invecchiato almeno esteticamente. Lontano dal trucco televisivo, riportava sul suo volto le rughe e i segni di un’età non più giovane, che poi, come i fusti degli alberi, rivelano indelebilmente il percorso del tempo. Questa società espressione della nostra civiltà occidentale, non apprezza gli anziani, gli uomini d’esperienza, i saggi. L’ultima civiltà ad averli celebrati e consacrati è stata quella dei nativi nord americani. Poi il consumo, il denaro, il potere, il mito della gioventù perenne li ha spazzati via, chiusi nella loro solitudine. Forse Bourdain  ha sentito questo pericolo, nonostante fosse ancora attivissimo e apprezzato.

Si è tolto la vita in Francia, proprio poche ore prima di registrare l’ennesima puntata televisiva in cui era protagonista indiscusso. E allora nel suo caso fai veramente fatica a spiegare il suo gesto. Resta più comprensibile quello di Cobain o di tanti altri artisti rock che hanno amato così tanto la vita fino al punto di farne a meno. Scelte legate alla filosofia del morire giovani tra disincanto e mito.

Bourdain

Nella cultura rock, l’essere immortali ad eccezione dei Rolling Stones, non esiste. La vita è una sfida che non significa certo, eroismo di vivere in un mondo che non ti piace affatto. Non so quale grado di consapevolezza esistenziale abbia raggiunto Bourdain prima di compiere l’ultimo passo, ma non credo che il suo gesto non fosse stato profondamente analizzato e infine accettato. Nel suo caso e in molti altri, il suicidio rappresenta persino un atto d’amore, anche se rattrista tutte le persone che lo amano.

Mi piace immaginarlo davanti alla porta di un ristorante mentre bussa canticchiando “Knockin’ on Heaven’s Door”, e poi sedersi a un tavolo insieme a Jimi Hendrix ordinando nuvole di mais.
Ciao Anthony.

Latest Posts

#TheShowMustBePaused: il mondo musicale si ferma per protesta contro il razzismo

Oggi 2 Giugno l'industria musicale si unisce alla lotta al razzismo in un’iniziativa senza precedenti per dire basta: #TheShowMustBePaused

America a ferro e fuoco – Proteste del mondo della musica contro il razzismo e Trump

In America molti personaggi del mondo della musica chiedono giustizia per la morte di George Floyd scagliandosi contro Trump  

I lavoratori dello spettacolo scendono in piazza in 13 città

I lavoratori dello spettacolo e della cultura, riuniti in un Coordinamento nazionale di realtà, oggi sono scesi in piazza in 13 città italiane

BRUNORI SAS CEDE I RICAVATI DEL MERCHANDISING ALLO STAFF RIMASTO SENZA LAVORO

Nobile gesto quello del cantautore Brunori sas, che cede i ricavati del merchandising del nuovo album Cip! al suo staff rimasto senza concerti e senza lavoro

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.