3.2 C
Milano
giovedì, Gennaio 28, 2021

Sanremo: si cerca di portare gli Abba al Festival

Si sta lavorando per portare come super ospiti al prossimo Festival di Sanremo il mitico gruppo degli ABBA

Ultimi post

Il richiamo improvviso di Neri Marcorè, o il quadro naturale di Faber – “Come una specie di sorriso”, omaggio a De Andrè

Voto Utenti
[Total: 1 Average: 5]

Riflessioni dallo spettacolo Come una specie di sorrisoOmaggio a Fabrizio De Andrè di Neri Marcorè.
.

Ho visto gli indiani marcare il territorio, stare fermi e senza armi da fuoco parlarmi d’amore: le loro anime macchiate di sangue stendersi come ventagli davanti ai miei occhi.

Ho visto chiaramente la signorina dalla gola finta e vergine, e la sua bocca sonora come ogni volta la prima volta.

Ho visto i fucilieri colpire Fabrizio, e l’erba del Supramonte ingiallirsi, diventare arsa dalla crudeltà.

Ho sentito le virtù teologali tenute nascoste, con la negazione dei vangeli e l’elevazione del denaro. Ho visto l’immagine incantata e generosa di Rimini, e il vento sulla notte di Teresa.

Ho sentito la voce di Neri guardare indietro per recuperare il suono di ogni strumento, essere un corno da caccia un’armonica meccanica o forse un richiamo improvviso: per combattere i malamenti; che poi sono  le mele del veleno, gli scheletri di Napoli.

Ho ascoltato Neri aumentare la dolcezza e le campane della gioia per Princesa: la sua avventura a occhi bendati, e la sua figa accarezzata come fosse una foglia.

Ho visto Neri essere la neve, un albero da frutto; essere un nome di fiamma e di colomba, essere il nudo e il nulla. O il fiore immortale.

E poi avvicinarsi le carrozze del dialogo, quegli zingari così vicini e subito dopo lontani come se ogni viaggio fosse una fine, l’annullamento.

Ho sentito addensarsi il cuore di Neri, esplodere contro i brutti cieli.

Io ho tentato di recuperarlo con le mie braccia prima di mettermi a piangere, perché la sua voce era un castigo un’accusa, un fiammifero in un mucchio di grano.

Il canto di Neri quella sera aveva una forza dura, fraterna, come un coltello o un filo d’erba: era fatto di gloria, del nuovo alito della resistenza. Era la polvere felice e d’oro, una consegna di luce.

Quella sera lui avrebbe ingoiato il mondo, per poi poterne fare un dolcissimo futuro.

Neri cantava e ci chiedeva di stare in silenzio e di tacere affinché ci raggiungesse la dannazione e poi la disobbedienza e poi il sapore anarchico della vita.

Neri cantava, ed erano acqua e sole Angelica Dettori e Flavia Barbacetto.

Neri cantava ed erano sposi, lame di follia o armonie ben ricomposte gli Gnuquartet.

Neri cantava perché voleva indebolire i termini della nostra civiltà, ogni piccolo angolo dell’incoscienza. Perché voleva sperdere la nostra arroganza.

Neri cantava e imboccava le strade opposte, le ramificazioni che dalla terra vanno all’universo.

Cantava, e suonava, ed era il fine ed era l’inizio materno della vita.

E il pubblico trionfante si voleva sganciare dalla realtà, perché aveva riconosciuto in Neri e Fabrizio il vantaggio dei Poeti. E applaudiva, applaudiva.

Latest Posts

I piu' letti

Resta in contatto

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.