Home Musica Recensioni Album Mario Venuti orgogliosamente pop con “Motore di vita”, fatto a dimensione carnale...

Mario Venuti orgogliosamente pop con “Motore di vita”, fatto a dimensione carnale -RECENSIONE

753
0
SHARE
mario venuti
Voto Autore

di Antonino Muscaglione

«Non può essere mai come ieri, mai più la stessa storia…» “prometteva” Mario Venuti nel 1998, cantando assieme con Carmen Consoli “Mai come ieri”. Ed effettivamente con la musica di Mario non c’è mai il rischio di rimanere ancorati al passato. Alcuni giorni fa è uscito il decimo album (di inediti, ad esclusione delle raccolte) da solista del cantautore siciliano, il “Motore di vita”, ed è tutta un’altra musica (cosi come parlato in un articolo precedente). Messe per un attimo da parte chitarre e bassi (nel senso che non sono preponderanti), in questo nuovo album si respira un’atmosfera decisamente elettronica, con arrangiamenti “leggeri” (nell’accezione positiva) accostati a testi elevanti.

Si tratta di un cd corposo, contenente 12 tracce che sono una sequenza ritmica che, in qualche modo, descrive un ritorno, per stessa volontà dell’autore, ad una dimensione carnale.

Si inserisce perfettamente in questo racconto “Non è peccato”, scritta per Syria nel 2005, e qui cantata da Mario, dimostrando di essere ancora al passo coi tempi. Nel testo, l’apertura al fatto che «nessuno si stupisce se un uomo ama un altro uomo» e che nessuno si stupisce «se le ragazze cattoliche non sono più vergini», si respirano temi di stretta attualità, della difficoltà, ancora oggettivamente presente nella società, di accettare le scelte libere di altri, perché tutto sommato, come chiosa la canzone «… tutto va bene, se non fai del male a nessuno». È evidente che questo brano, per l’attualità di temi trattati, è stato conservato in luogo fresco. Ed è proprio “Conservare in luogo fresco” (scritta assieme con Kaballà e Seba, quest’ultimo produttore artistico del cd con lo stesso Venuti), ad aprire la tacklist dell’intero lavoro; qui Mario, in un ritmo pop che anticipa quasi tutta l’atmosfera del disco, ci suggerisce di conservare il piacere delle cose semplici.

mario venuti

Segue il primo singolo estratto che è “Caduto dalle stelle”, la canzone che più esplicitamente esprime un concetto di positività nell’invitare chi ascolta a (come canta nel ritornello): «ballare, ballare, ballare», potrebbe sembrare un messaggio apparentemente superficiale, ma non è così: l’anima si rigenera perché trascinata, come alimentata, dal ritmo del corpo che balla.

In “Lasciati amare”, il ritmo «orgogliosamente pop» (per stessa dichiarazione degli autori) dell’album cede il passo ad una canzone più intima, in questo caso la presenza della persona amata riesce a colmare i silenzi, e qui Mario canta «quando vieni a trovarmi tu io non metto musica, basti tu».

Tutto il cd è una sequenza di melodie e temi che sono frutto, a mio avviso, di tutto il percorso artistico di Mario a partire dall’esperienza coi Denovo, c’è coerenza, crescita stilistica e apertura a nuove sonorità. La collaborazione con Seba rende le sue canzoni più aeree, astratte e quindi sognanti, tra queste “Fuorimondo shop”, la più rock di tutto il cd; qui Mario e Seba ci astraggono dalla realtà (a volte limitante) e ci invitano ad elevare il nostro spirito verso una verità che somigli alla poesia.

In quest’album Mario si mette a nudo con la sua musica e il suo corpo già nella copertina del cd: «eccomi, ancora sopra un palco, nudo con la mia musica» come già cantava in “Bisogna metterci la faccia”. Aspetto con curiosità di ascoltare i nuovi brani che nel tour avranno arrangiamenti “più suonati”, come ci ha raccontato lo stesso Mario alla presentazione del cd alla Mondadori di Milano (come da nostro articolo precedente).

mario venuti

Tracklist “Motore di Vita”

CONSERVARE IN LUOGO FRESCO (Venuti – Venuti, Kaballà, Seba)
CADUTO DALLE STELLE (Venuti – Venuti, Kaballà)
LA PRIMA VOLTA (Venuti – Venuti, Kaballà)
LASCIATI AMARE (Venuti – Venuti)
MOTORE DI VITA (musica e testo: Venuti, Bianconi, Kaballà)
SPITITO DEL MONDO (Venuti – Venuti, Kaballà)
TUTTO QUESTO MARE (Venuti – Venuti, Kaballà)
SE AVESSI ALTRO AMORE (musica e testo: Venuti, Seba)
NON È PECCATO (musica e testo: Venuti)
FUORIMONDO SHOP (musica e testo: Venuti, Seba)
ALZA UN PO’ IL VOLUME (Venuti, Galeano, Latina – Venuti, Seba)
I PECCATI DELLA LUNA (musica e testo: Venuti, Seba)

 

mario venuti
Mario Venuti – Caduto dalle stelle (Video Ufficiale)

Subito dopo la presentazione del cd Mario parte in tour con Donato Emma alla batteria; Luca Galeano alle chitarre; Pierpaolo Latina alle tastiere; Antonio Moscato al basso.

Di seguito le prime date:

11 APRILE al Vinitaly and the city di Bardolino a Verona;
18 APRILE al Teatro Vittorio Emanuele di Messina;
28 APRILE al Rapsodia di Caserta;
06 MAGGIO al Blue note di Milano;
16 GIUGNO alla Corte Platamone (Palazzo della Cultura) a Catania.

Commento su Faremusic.it